Home > Altro > MilleVoci si triplica.

MilleVoci si triplica.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

MilleVoci si triplica.


MilleVoci, in preparazione la 14.ma edizione. Gianni Turco è più agguerrito che mai! Già a dicembre lo vediamo preso nella stesura del canovaccio della prossima edizione di “MilleVoci”, la nota kermesse musicale che vede in campo tanti artisti di chiara fama non solo nostrani ma anche di nazionalità diverse. Non mancano gli emergenti in cerca di notorietà, pure quelli non solo italiani o comunque non residenti nella penisola. Come ogni anno, ormai da ben 14 lustri, senza contare due edizioni di "Antonelli and friends”, il primo format musicale realizzato da Gianni Turco, che diede inizio alla lunga serie di produzioni televisive del fortunato filone di “MilleVoci”, anche la prossima edizione di questo che è il format più noto in assoluto tra quelli trasmessi dalle emittenti televisive private (ed anche il più seguito dal pubblico), sarà distribuito alle emittenti tv che lo richiederanno ma sarà concesso solo dopo una attenta valutazione della loro programmazione. Durante l’autunno, ad ottobre, Gianni ha prodotto e diretto tre lavori televisivi. In ordine sono stati: “MilleVoci napoletane”, la seconda edizione d'una bella kermesse canora di solo canzoni in lingua napoletana. Divisa in tre puntate da circa 90 minuti e condotte da Gabriele Marconi e Grazia Guerra, sono state eseguite le melodie del passato, quelle indimenticabili conosciute globalmente. Si sono esibiti: Mario Maglione, Milk and coffee, Daphne Barillaro, Gianni Davoli, Daniela Minniti, Lorenza Bettarelli, Riccardo Antonelli, Rita Rondinella, Vicolo spiox, Bruno Filippini, Gianni Drudi, Stefania Cento. Il fondale rappresentava la storica, bella, meravigliosa Galleria Umberto I di Napoli, luogo dove gli artisti usavano si riunivano gli artisti campani per organizzare loro lavori (foto a sinistra). Purtroppo oggi quel luogo è degradato, vittima persino di saccheggi notturni da parte di squadre di delinquenti. Assistendo al programma abbiamo constatato che di cantanti “veraci” napoletani ha partecipato solo Mario maglione. Evidentemente, ci dice Turco, altri che sono pur stati invitati, non hanno ritenuto promozionare la canzone napoletana nel mondo e nello stesso tempo loro stessi nell’unico contenitore dedicato, oltretutto senza lucro. Eppure vivono di musica partenopea… non si capisce. Il secondo spettacolo autunnale offert al pubblico di MilleVoci è stato lo speciale "Daphne Barillaro and friends". Novanta minuti durante i quali la brava cantante, nata per caso a Milano ma subito trasferita a Roma, si è raccontata e nel mentre ha ospitato i suoi friends: Claudio Natili (autore di testi e musiche) la compagnia teatrale di Fonte Nuova, Eduardo Guarnera, Riccado antonelli, Lorenza Bettarelli, il suo papà che non è un cantante ma con lei ha seguito da professionista la famosa "My way" e per ultima è apparsa l'ospite d'eccezione, la figlia Ester D'Annunzio, appena 13 anni, ed in coppia hanno eseguito magistralmente il celbrebe brano "I migliori anni". L'altro show è stato prodotto a scopo di beneficenza: ”MilleVoci sotto l’albero per un sorriso”, condotto dai "Milk and coffee", quelli originali che parteciparono a San Remo e fanno tournè. Gli impostori, che avevano utilizzato abusivamente ed impropriamente quel nome d'arte fino a circa un anno fa, sono stati miseramente sconfitti recentemente in tribunale da Morena Rosini e Daniel Faro, con piena soddisfazione anche di Gianni Turco che nell'edizione 2016 di MilleVoci, avendo invitato Morena ed il suo gruppo in alcune puntate, il cretinetti dal baffettino ridicolo gli fece pervenire arrivare una missiva dal tribunale di Roma contenente una diffida giudiziaria richiesta dal suo poco credibile “produttore” (quello dei falsi Milk). Ma Turco non si scompose, si fece una sana risata e diede il giusto spazio a Danel, Morena, Monica ed irina, i componenti del quartetto “Milk and coffee”, riconosciuti unici e soli a poter legalmente detenere quel nome. In quanto all’edizione di MilleVoci 2018, quella classica annuale che è la quattordicesima, subirà dei cambiamenti sostanziali, a cominciare dai conduttori. Due di loro saranno “new entry”: Gabriele Marconi, celebre imitatore-attore e Morena Rosini dei “Milk and coffee”. Morena ha già avuto esperienza di conduttrice in programmi Rai. Gli altri due sono ormai storici: Gianni Drudi e Stefania Cento. Gianni è a MilleVoci dal 2006 mente Stefania dal 2009,. Si sono conosciuti proprio a MilleVoci e da allora hanno anche tra loro collaborato fino a formare una coppia artistica pur rimanendo ognuno indipendente. Farà parte del cast anche Anthony Pasquale di ICN radio, la più nota tra quelle italo-americane della “grande mela”. Siederà alla sua postazione per interviste live con gli artisti. "Nessun’altra anticipazione da fare fino a quando tutto sia definitivamente deciso, solo per un motivo Puramente scaramantico, conclude Gianni Turco, "a volte i pezzi si perdono per strada; la cosa ci è già in una occasione di due anni fa (fortunatamente) capitata e devo dire che è valsa la pena. La diffusione televisiva di MilleVoci da quest’anno sarà molto più intensa, più che triplicata. Fin’ora il programma era diffuso da circa 240 emittenti tv tra interregionali, regionali, provinciali e locali. Ora qualcosa cambia. In prima battuta MilleVoci sarà diffusa come sempre dalle emittenti regionali e locali mentre in autunno, con l’inizio della nuova stagione televisiva, sarà messo in onda, in prima serata, su un canale a copertura nazionale, vi terreo informati. A livello europeo e Paesi vicini la diffusione è assicurata già da qualche anno da "Viva Italia channel", sul canale 879 della piattaforma Sky. Per vedere la piantina della distribuzione tv: http://www.millevoci.it/Link/PIANTINA%20TV.pdf Anche alcune radio "gemelle" delle emittenti tv trasmettono MilleVoci ma non solo quelle. Alcune sono in altri continenti, come Radio Italia 531 che è ad Adelaide in Australia, e poi c’è radio ICN che è negli USA, a New York. Queste ultime oltre che in FM ed AM sono anche in web dove si può trovare anche il canale tv “MilleVoci”, partner di YouTube ma anche tante altre radio web. Insomma… MilleVoci è ormai divenuta mondiale. Al momento in cui stiamo scrivendo abbiamo potuto rilevare quasi 10.000.000 di visite e circa 8.000 iscrizioni. Dati questi che aumentano visibilmente, in modo costante. Bel successo, non c'è che dire! Molto bene! Significa che un artista che appaia nel programma di Gianni Turco è visto, con una sola esibizione canora, molte volte nel mondo. Senza contare le repliche che le vengono programmate dalle emittenti televisive regionali che le propongono in effetti per tutta la durata dell'anno. Naturalmente nel canale che trovate in You Tube sono sempre disponibili.

Fonte notizia: www.millevoci.it


musica | programma musicale | gruppi emergenti | cantante emergente | cantautore | promozione ijn tv | cantare | voci nuove | amici | xfactor | the voice | dilan | de filippi | festival | san remo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


MilleVoci, presto in onda.


MilleVoci 2019, prossimo alle registrazioni.


MileVoci, sempre in alto!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)