Home > Informatica > Cyber sicurezza - Reindirizzamento delle pagine web: virus o no?

Cyber sicurezza - Reindirizzamento delle pagine web: virus o no?

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Cyber sicurezza - Reindirizzamento delle pagine web: virus o no?

Molto spesso durante la navigazione, soprattutto dai dispositivi mobili come smartphone e tablet, quando si digita l’indirizzo di un sito Web specifico si viene reindirizzati su pagine totalmente estranee a quanto ricercato, che indicano l’avvenuta infezione del dispositivo. Si tratta di popup creati appositamente per destare allarmismo nell’utente, con la speranza che quest’ultimo vi dia seguito.

In realtà simili messaggi non sono altro che tentativi di frode dai quali è possibile liberarsi chiudendo forzatamente il browser di navigazione, anche se questa operazione potrebbe non essere sufficiente per evitare che la medesima situazione si ripresenti durante i successivi collegamenti.

E’ opportuno infatti eliminare anche la cache di navigazione in modo da non lasciare traccia sul dispositivo delle ricerche precedentemente effettuate, evitando così che la medesima situazione si ripresenti.

L’allerta su questo tipo di frode informatica è stata lanciata dalla Polizia Postale - attraverso la propria pagina Facebook - che ricorda agli utenti come queste attività illecite siano indirizzate a qualsiasi tipologia di utente, dal privato all’azienda, e come sia opportuno prestare sempre la massima attenzione per evitare di cadere in simili trappole.

ESET Italia si associa al suggerimento della Polizia Postale ricordando inoltre come sia ormai fondamentale proteggere tutti i dispositivi con un software antimalware performante e proattivo.

ESET | antivirus |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Acronis presenta le innovative soluzioni di protezione informatica che relegano al passato il backup e la protezione dei dati tradizionali


Acronis annuncia un piano di investimenti per 147 milioni di dollari orchestrato da Goldman Sachs


QINTESI: GDPR e Cyber Security attraverso metodi, strumenti e framework


Proteggere i dati e le informazioni aziendali


Dal revenge porn al cyber stalking: ecco le polizze per tutelarsi


Statistiche Virus/malware realmente circolanti febbraio 2010


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Quando la ricetta di cucina diventa pericolosa: scoperto Casbaneiro, il banking trojan che ruba i dati del conto sfruttando YouTube

Quando la ricetta di cucina diventa pericolosa: scoperto Casbaneiro, il banking trojan che ruba i dati del conto sfruttando YouTube
I ricercatori di ESET hanno individuato Casbaneiro, un trojan bancario progettato per ingannare le vittime, proponendo la visualizzazione di finte finestre popup che tentano di convincere i malcapitati a inserire dati sensibili con il fine di sottrarli ed utilizzarli in maniera fraudolenta.   La particolarità di questo malware sta nel fatto che sfrutta illegittimamente YouTube per (continua)

Sei sicuro di aver cancellato definitivamente il contenuto del tuo Hard Disk?

Sei sicuro di aver cancellato definitivamente il contenuto del tuo Hard Disk?
Avete mai visto un film di hacker? Sicuramente una delle scene più classiche è quella in cui i criminali colti in flagrante tentato di portare via o di cancellare tutti i dischi prima che cadano nelle mani delle forze dell’ordine. A volte li si vede avvicinare dei magneti agli Hard Disk o tentare di distruggerli fisicamente con un trapano. In alternativa, però possono (continua)

Sednit: individuati nuovi componenti della famiglia di malware Zebrocy

Sednit: individuati nuovi componenti della famiglia di malware Zebrocy
I ricercatori di ESET hanno individuato nuovi componenti di Zebrocy, la famiglia di malware utilizzata dal famigerato gruppo Sednit, noto anche come APT28, Fancy Bear, Sofacy o STRONTIUM. Operativo almeno dal 2004, negli ultimi anni questo gruppo è spesso salito alla ribalta con attacchi di alto profilo come ad esempio nel 2016, quando il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha acc (continua)

IPTV oscurate dall’operazione “Eclissi”

IPTV oscurate dall’operazione “Eclissi”
Ha destato grande scalpore in questi giorni la chiusura delle famose IPTV, i canali streaming per la visione illegale dei contenuti pay per view. Il fenomeno che negli ultimi anni ha condotto oltre 5 milioni di persone in tutta Europa a scegliere la via dei contenuti pirata, a fronte di esborsi economici minimi, sembra aver chiuso definitivamente i battenti. Dopo il successo ai danni della rete (continua)

ESET partecipa al CyberTech Europe 2019

ESET partecipa al CyberTech Europe 2019
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, partecipa al CyberTech Europe 2019, la conferenza più importante dell'anno per gli esperti di tecnologia e sicurezza informatica, che apre i battenti oggi, 24 settembre, presso La Nuvola Convention Center di Roma. ESET è presente con un proprio stand, presso cui sarà possib (continua)