Home > Informatica > Le PMI sorprese a utilizzare software pirata

Le PMI sorprese a utilizzare software pirata

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Le PMI sorprese a utilizzare software pirata

L’utilizzo di software piratati, quelli utilizzati senza una licenza valida, ha avuto gravi conseguenze sulle Piccole e medie imprese italiane (Pmi), tanto che nel 2017 si stima abbiano subito sanzioni per oltre 1,3 milioni di euro, considerando quelle causate dai risarcimenti per violazioni del diritto d’autore e le spese in ambito legale. Il conto dei costi, ottenuto dai calcoli di Bsa (The Software Alliance), sembra sia in continua crescita considerando anche l’incremento del 37% rispetto al 2016, quando le conseguenze economiche dell’uso di software illegali si era fermato a 950mila euro.

Lo scorso anno le piccole e medie imprese colte a utilizzare software illegale hanno subito multe per un costo medio di 56.700 euro, come riportato dai dati di Bsa, l’ente internazionale nato per promuovere e incentivare l’uso di software originale e che è impegnato attivamente nella denuncia delle violazioni dei diritti di copyright. Le aziende più frequentemente scoperte a sfruttare i “benefici” dei software pirata sono state paradossalmente proprio quelle del settore IT, composto prevalentemente da piccole aziende informatiche, seguite da quelle di vendita e dalle imprese manifatturiere. Subito sotto questa speciale classifica troviamo le aziende grafiche, quelle pubblicitarie e non ultimi gli studi di architettura.

“Ogni anno l’utilizzo di software senza licenza costa sempre di più alle Pmi, nel loro complesso. Un numero ancora alto di aziende quindi continua a ignorare i diritti d’autore, non pensando alle conseguenze economiche”, come afferma Simona Lavagnini, consulente legale di Bsa per l’Italia, nel commentare i risultati dell’analisi.

Dai dati forniti emerge che a incidere su questo incremento dei costi abbiano contribuito in maniera significativa i maggiori controlli effettuati dalle autorità compenti e l’aumento delle segnalazioni spontanee, molto spesso provenienti da dipendenti scontenti o allontanati dall’azienda investigata. Proprio queste sono passate da 322 del 2016 a 444 dello scorso anno, con una tendenza di crescita confermata dai risultati dei primi mesi del 2018 che riportano oltre 400 segnalazioni.

ESET Italia ricorda a tutti gli utenti che l’uso dei software pirata oltre a essere illegale è anche rischioso per la sicurezza del dispositivo su cui vengono installati; molto spesso infatti questi programmi vengono sfruttati per installare malware o codici potenzialmente pericolosi in grado di bloccare i sistemi o sottrarre informazioni riservate.

ESET | PMI | Software Pirata |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come creare un costume da pirata


Decreto Compensazioni: Pmi Campania, il Presidente Fulvio Campagnuolo scrive al Premier Mario Monti.


I migliori costumi da pirata


Come realizzare un vestito da pirata


Innovazione e Pmi: un percorso che parte da oggi


Software Cradle partner di Movistar Yamaha


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Phishing: la Polizia Postale recupera e restituisce la somma rubata ad una vittima

Phishing: la Polizia Postale recupera e restituisce la somma rubata ad una vittima
La Polizia di Trieste è riuscita a recuperare quanto sottratto a una vittima di un inganno bancario attuato con la tecnica del phishing. Il buon esito di questa operazione più che per l’entità della somma restituita ha un valore significativo per la fiducia legata all’operato delle forze dell’ordine, confermando quanto siano valide le indagini telematiche (continua)

Instagram, punto vendita di malware e botnet – ESET Italia Security Blog

Instagram, punto vendita di malware e botnet – ESET Italia Security Blog
I contenuti dei post sui social network sono fin troppo espliciti, si leggono infatti annunci del tipo “Sei stato licenziato? Buttagli giù il sito” o anche “Vuoi guadagnare tanti soldi in poco tempo? Minacciali di infettargli i computer”. Gli script kiddie mettono a disposizione degli acquirenti una rete di computer zombie, quindi pilotati a distanza grazie a una (continua)

LoudMiner: il miner multipiattaforma nascosto nei software per creare musica

LoudMiner: il miner multipiattaforma nascosto nei software per creare musica
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, hanno scoperto LoudMiner, un insolito miner di criptovaluta multipiattaforma che utilizza software di virtualizzazione - QEMU su macOS e VirtualBox su Windows - per estrarre la criptovaluta su device virtuali Linux Tiny Core. LoudMiner è veicolato attraverso copie pirat (continua)

ESET: allerta ransomware in Italia, nuova campagna di diffusione via PEC

ESET: allerta ransomware in Italia, nuova campagna di diffusione via PEC
I ricercatori di ESET Italia hanno rilevato negli ultimi giorni una distribuzione massiva di PEC pericolose che presentano degli allegati in grado di infettare il sistema con una minaccia ransomware. In questa specifica campagna creata ad hoc per l’Italia, i cybercriminali stanno diffondendo delle PEC su larga scala riconducibili ad aziende “fantasma” in cui si fa riferimento a (continua)

Nuovo importante accordo siglato dalla Polizia di Stato per combattere la criminalità informatica

Nuovo importante accordo siglato dalla Polizia di Stato per combattere la criminalità informatica
ESET Italia è orgogliosa di poter condividere sulle pagine del proprio blog i dettagli dell’ultimo accordo tra Polizia di Stato e la Commissione nazionale per le società e la Borsa (Consob), una convenzione che certamente porterà enormi benefici nella protezione di aspetti fondamentali nell’economia del nostro paese. Di seguito il comunicato integrale ripreso da (continua)