Home > Libri > EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti

articolo pubblicato da: Emanueladei | segnala un abuso

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti
Esistono molti modi per pubblicare un libro, lo si può fare anche da soli trovando un sito che impagina e poi stampa per te. Questi siti, poi pubblicizzano l’opera si Amazon, Ibs etc, ma il libro non va in libreria, insomma non c’è distribuzione. Ma se ci sia affida una casa editrice seria, questa la distribuzione ce l’ha e di affida a un distributore che promuove il libro nelle librerie. La nuova frontiera della truffa è far credere all’autore di avere un distributore, magari famoso, non chiedere soldi per la stampa (quindi dicono di essere no EAP, editoria a pagamento), ma , alla fine della fiera, se l’autore, i libri,li vuole vedere realmente stampati, dovrà pagarli. Funziona così: La casa editrice contatta l’esordiente. Dice che il libro è valido. Mandano il contratto dove si dice che c’è un potente distributore che penserà alla commercializzazione, l’autore felice firma e, dopo un breve editing, preparano il file per la stampa. Qui l’editore chiama l’autore e gli dice di comprare tante copie 30-50 -100-150 per fare auto-presentazioni. All’editore Mangiafuoco, così lo chiameremo, bastano 5 autori che comprino 100 copie ciascuno per assicurarsi lo stipendio mensile. E la distribuzione? La distribuzione non esiste, perché il libro è solo un file, Magiafuoco non stampa libri per mandarle nelle librerie. Si stampa solo “Print on demand”, stampa a richiesta, si chiama così. Su richiesta vuol dire soldi alla mano. Amazon: paghi e ti arriva il libro, Amazon non rischia su di te. E come fa una libreria ad avere questi libri in libreria ? Beh, se un cliente lo ordina e lo paga lo fa arrivare, se no nulla. Non essendoci copie stampate il distributore chiede al librario il prezzo pieno. E il librario non può nemmeno richiedere un conto vendita, cioè, avere copie in negozio e dopo qualche mese fare un reso, perché i libri materialmente non ci sono. Quindi l’editore convincerà l’autore ad andare a fare presentazioni per proprio conto evitando come la peste le librerie. Se poi qualcuno vuole proprio presentare in libreria, la libreria dirà semplicemente che non può ordinare i libri se poi non può renderli. Quelle più scaltre, sapendo benissimo chi è l’editore, inviterà l’autore a portarsi i libri da casa, ma gli prenderà dal 40 al 50 % sul prezzo di copertina. Insomma, questo è un nuovo modo escogitato per far soldi imbambolando gli esordienti. Dicono di essere non a pagamento, ma se non paghi e non comperi libri il tuo libro rimarrà un file. Quindi se siete scrittori chiedete sempre: Chi è il distributore? Quante copie stamperete? Il libro arriva scaffale? La librerie può avere i libri in conto deposito? La libreria ha il diritto di resa? C’è macero? Emanuela Dei


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Difendersi dalle truffe online con l’aiuto del detective privato


SABATO E DOMENICA IN MTB TRA CAMP. ITA E COPPA ITALIA PERCORSI SPETTACOLARI IN VAL CASIES


3T AL PARCO, ANTEPRIMA GIOVANILE, LA MTB PROTAGONISTA A CARZANO (TN)


GIOVANI IN SELLA IN VAL CASIES. WEEKEND DEDICATO ALLE RUOTE ARTIGLIATE


A che punto è l’armonizzazione dei bilanci pubblici?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE
UN AMORE SENZA TEMPO Esce il nuovo romanzo di Michele Falzone “Un amore senza tempo” edito da Il Seme Bianco. Siamo a Parigi. Ferdinando, scrittore e filosofo di fama, ormai settantenne, vive un momento di profondo disagio esistenziale. Nel tentativo di addomesticare le angosce della vecchiaia e il pensiero ricorrente della morte, ricompone tutti i ritagli della sua esistenza: dalle inquietu (continua)

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol
Esce il libro autobiografico di Lucia Besana sul tema disintossicazione dalla dipendenza dall’alcol.L'autrice tratta l'argomento dell'etilismo rimuovendo con ironia ogni tabù, soffermandosi sui meccanismi psicologici e sociali che possono causare la dipendenza e l'ossessione per l'alcol e fornendo una serie di indicazioni pratiche al problema. Dall'utilizzo di un farmaco di nome Antabuse, del q (continua)

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide
“L’ultimo veggente” di Salvatore Varsallona, edito da Il Seme Bianco, narra la quotidianità di un piccolo centro della Sicilia che viene d’improvviso sconvolta dalle apparizioni della Madonna. Il veggente è un ragazzo di 18 anni che viene da un altro paese e che nessuno conosce. Le apparizioni avvengono in campagna, sopra un albero di ciliegio il primo gioved& (continua)

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza
Esce il romanzo di Marco Acciavatti, “ Il vecchio”, edito da Il Seme Bianco, che racconta la la storia di un povero vecchio vive in solitudine consumato dal dolore per gli affetti perduti e dal rimorso per gli errori fatti. Conduce la sua esistenza chiuso in se stesso attendendo, anzi quasi desiderando, la fine, quando inaspettatamente arriva nella sua vita una scintilla di speranza c (continua)

“Come sparire completamente”: tre racconti surreali sulla difficoltà dei rapporti

“Come sparire completamente”: tre racconti surreali sulla difficoltà dei rapporti
Fabio De Roberto scrive tre racconti surreali e li colleziona in un sola opera. Il titolo, “Come sparire completamente,”è, naturalmente, un omaggio a “How to Disappear Completely” dei Radiohead, dall'album “Kid A”. Nel primo racconto, “La strada più breve per andarsene via”, il protagonista-narratore è un investigatore alle pre (continua)