Home > Libri > IO SONO IL PRESIDENTE: alienazione individuale o collettiva?

IO SONO IL PRESIDENTE: alienazione individuale o collettiva?

articolo pubblicato da: Emanueladei | segnala un abuso

IO SONO IL PRESIDENTE: alienazione individuale o collettiva?
Dopo “L’indiziato allo specchio” (Rusconi, 2012), e “Il terremoto particolare di Antonio M." (Meligrana 2016), entrambi con lo pseudonimo di Giovanni Monte esce il nuovo romanzo di Pierfrancesco Mastroberti “Io sono il Presidente” edito da Il Seme Bianco.

Il Presidente di una grande compagnia informatica scopre un mattino di essersi trasformato in un addetto alle pulizie della sua stessa azienda. Chi è adesso il Presidente? Un malato di schizofrenia? È la vittima di un complotto? Inizia un tortuoso percorso di conoscenza, del sé, nel quale, il Presidente, dovrà scendere a patti con una nuova identità, fino allo svelamento del suo incubo.

Attorno al Presidente, convinto di essere stato trapiantato da una forza oscura nel corpo e nella vita di un altro uomo – tale Giacomo Romano, addetto alle pulizie della sua compagnia informatica – si muovono pochi personaggi, che interagiscono con Giacomo, perché da sempre parte della sua vita – un dottore/confessore, una fidanzata, il fratello, la madre. È da subito evidente lo stridio tra la vita del Presidente e un’esistenza che lui avverte come estranea e dalla quale cerca una via di scampo.

“Malfoi allargò le braccia come a chiedersi chi, tra i suoi sottoposti, avesse avuto l’ardire di organizzargli uno scherzo simile, chi potesse ritenersi investito della licenza di prendersi gioco del fondatore della Peach: la grandiosa lungimirante Pesca Sbucciata, come la chiamava il volgo e che vantava tentativi di imitazione in tutto il mondo, da quando aveva soppiantato la Mela Morsicata. Provò ancora una volta ad aprire la porta come faceva da quindici anni, ma il marchingegno gli restituiva sempre il solito «bip». «E allora? Che storia è mai questa?», gridò, facendo un passo indietro. «Qualcuno ha il coraggio di presentarsi all’entrata e spiegarmi cosa sta succedendo». Fece qualche passo laterale, ma le pareti a specchio oscuravano gli interni. «Signorina, è pregata vivamente di rifarsi viva. Signorina De Cataldo. Se questa porta si riaprirà entro dieci secondi potrei fingere che non sia successo niente e dimenticare questo episodio increscioso, in caso contrario…»”.

Abbiamo a che fare con l’alienazione individuale e collettiva. Il buio che si cela nel cuore degli uomini e infetta i rapporti umani. I misteri del quotidiano, spesso deformati dalla lente del surreale, e ribaltati dall’ironia.

IO SONO IL PRESIDENTE | Mastroberti Pierfrancesco il Seme Bianco | Libri | Romanzo surreale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ULTIMO CAPITOLO DI TRENTINO MTB IN VALSUGANA (TN): DEGASPERI E ZOCCA VINCONO IL TITOLO ASSOLUTO


TRENTINO MTB A TUTTO VAPORE, LA ‘VECIA FEROVIA’ È UN SUCCESSO


ULTIME PEDALATE PER TRENTINO MTB, I VERDETTI DELLA VAL DI SOLE MARATHON


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


Valsecchi sale sul trono di Trentino MTB, Menapace al comando insidiata dalla Gastaldi


100 KM DEI FORTI: SI ACCENDE TRENTINO MTB. FONTANA E ZOCCA AL COMANDO DEL CIRCUITO


 

Stesso autore

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti
Esistono molti modi per pubblicare un libro, lo si può fare anche da soli trovando un sito che impagina e poi stampa per te. Questi siti, poi pubblicizzano l’opera si Amazon, Ibs etc, ma il libro non va in libreria, insomma non c’è distribuzione. Ma se ci sia affida una casa editrice seria, questa la distribuzione ce l’ha e di affida a un distributore che promuove il libro nelle librerie. La (continua)

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE
UN AMORE SENZA TEMPO Esce il nuovo romanzo di Michele Falzone “Un amore senza tempo” edito da Il Seme Bianco. Siamo a Parigi. Ferdinando, scrittore e filosofo di fama, ormai settantenne, vive un momento di profondo disagio esistenziale. Nel tentativo di addomesticare le angosce della vecchiaia e il pensiero ricorrente della morte, ricompone tutti i ritagli della sua esistenza: dalle inquietu (continua)

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol
Esce il libro autobiografico di Lucia Besana sul tema disintossicazione dalla dipendenza dall’alcol.L'autrice tratta l'argomento dell'etilismo rimuovendo con ironia ogni tabù, soffermandosi sui meccanismi psicologici e sociali che possono causare la dipendenza e l'ossessione per l'alcol e fornendo una serie di indicazioni pratiche al problema. Dall'utilizzo di un farmaco di nome Antabuse, del q (continua)

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide
“L’ultimo veggente” di Salvatore Varsallona, edito da Il Seme Bianco, narra la quotidianità di un piccolo centro della Sicilia che viene d’improvviso sconvolta dalle apparizioni della Madonna. Il veggente è un ragazzo di 18 anni che viene da un altro paese e che nessuno conosce. Le apparizioni avvengono in campagna, sopra un albero di ciliegio il primo gioved& (continua)

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza
Esce il romanzo di Marco Acciavatti, “ Il vecchio”, edito da Il Seme Bianco, che racconta la la storia di un povero vecchio vive in solitudine consumato dal dolore per gli affetti perduti e dal rimorso per gli errori fatti. Conduce la sua esistenza chiuso in se stesso attendendo, anzi quasi desiderando, la fine, quando inaspettatamente arriva nella sua vita una scintilla di speranza c (continua)