Home > Informatica > Il Trojan bancario Emotet torna a colpire: avviata una nuova campagna di spam su larga scala

Il Trojan bancario Emotet torna a colpire: avviata una nuova campagna di spam su larga scala

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

Il Trojan bancario Emotet torna a colpire: avviata una nuova campagna di spam su larga scala


La telemetria di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, ha rilevato una nuova impennata di infezioni causate da Emotet, un Trojan bancario famoso per la sua architettura modulare, le tecniche di persistenza e il sistema di diffusione automatica simile a quello dei vecchi worm. Secondo i dati di ESET, l'ultima campagna di Emotet è stata avviata il 5 novembre 2018, dopo un periodo di scarsa attività, ed è mirata alle due Americhe, il Regno Unito, la Turchia e il Sudafrica. L’Italia per ora è stata minacciata in maniera marginale, ma non si esclude che nelle prossime settimane Emotet possa insidiare il nostro Paese in maniera più massiva.

Emotet solitamente viene distribuito attraverso campagne di spam che utilizzano tecniche di social engineering per rendere il contenuto dei messaggi estremamente plausibile e quindi maggiormente ingannevole, così da indurre le vittime a eseguire i loro allegati dannosi. Il Trojan viene spesso utilizzato come downloader o dropper per avviare payload secondarie, di solito maggiormente pericolose.

In questa nuova campagna, Emotet impiega allegati Word e PDF dannosi che si presentano come fatture, notifiche di pagamento o avvisi su conti bancari apparentemente provenienti da aziende ed enti legittimi. In alternativa ai file allegati, le email includono dei collegamenti a file remoti pericolosi. Lo scenario tipico di un’infezione causata da questa nuova campagna inizia con la vittima che apre un file Word o PDF dannoso collegato a un'email di spam che sembra provenire da un'organizzazione legittima e familiare. Seguendo le istruzioni nel documento, la vittima abilita le macro in Word o clicca sul collegamento nel PDF. A questo punto la payload di Emotet viene installata e avviata, stabilisce la persistenza sul computer e segnala il successo delle sue attività al proprio server C & C, da cui poi riceve le istruzioni in merito a quali moduli di attacco e payload secondarie scaricare. I moduli aumentano le capacità della payload consentendogli di aggiungere funzionalità come il furto di credenziali, la diffusione sulla rete, la raccolta di informazioni sensibili, il port forwarding e altre ancora. Per quanto riguarda le payload secondarie, questa campagna ha visto Emotet rilasciare sulle macchine compromesse malware come TrickBot e IcedId.

Il recente picco nell'attività di Emotet dimostra che la diffusione di questo Trojan bancario è in continua ascesa, venendo a ragione considerato tra i malware più pericolosi; a causa del suo elevato potenziale distruttivo, Emotet è stato oggetto di un avviso di sicurezza US-CERT a luglio del 2018.


Fonte notizia: https://blog.eset.it/2018/11/emotet-avvia-una-nuova-campagna-di-spam-su-larga-scala/


ESET | emotet | banking | trojan |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Emotet – L’analisi ESET dell’ultima campagna


Statistiche Virus/malware realmente circolanti febbraio 2010


Fortinet: i trend globali relativi alle minacce informatiche mettono in luce intenti politici ed economici dei cybercriminali


L’era del Machine Learning nella cybersecurity: un passo verso un mondo più sicuro o verso l’orlo del precipizio?


G DATA evita ai suoi utenti danni per oltre 100 milioni di euro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)