Home > News > GLI EFFETTI DEL DECRETO SICUREZZA SUI MINORI STRANIERI

GLI EFFETTI DEL DECRETO SICUREZZA SUI MINORI STRANIERI

scritto da: CLAUDIO ZITOLI | segnala un abuso

GLI EFFETTI DEL DECRETO SICUREZZA SUI MINORI STRANIERI


Forte preoccupazione nelle dichiarazioni di Paola Crestani, Presidente di CIAI:

Con l’applicazione del Decreto si annullerebbero tanti progetti di inclusione sociale attivi oggi in Italia, come per esempio quello di Ragazzi Harraga a Palermo

  

Quale protezione, quale sicurezza possiamo garantire a ragazzi arrivati soli, minorenni, in Italia? Esprimiamo preoccupazione, senso di impotenza, frustrazione: denunciamo i possibili effetti su tanti minori e giovani che, con le nuove disposizioni del decreto Sicurezza, al compimento del 18° anno di età rischiano di uscire dai percorsi di accoglienza e di finire in strada. Soli e indifesi, come quando sono arrivati.

Ha commentato Paola Crestani, Presidente di CIAI (Centro Italiano di Aiuti  all’Infanzia, che da 50 anni si dedica a progetti di protezione, accoglienza e inclusione di bambini e ragazzi soli).

Ci riferiamo in particolare al modello di inclusione sociale proposto da CIAI con il progetto Ragazzi Harraga a Palermo che rischia di vanificarsi per effetto del decreto e di creare insicurezza e instabilità. In meno di due anni Ragazzi Harraga ha coinvolto nei suoi percorsi di formazione e orientamento 240 giovani, di cui il 50% è già entrato nel circuito lavorativo attraverso tirocini in aziende locali e addirittura impieghi stabili. Un modello di inclusione di successo, replicabile, che invece potrebbe vanificarsi in caso di applicazione del decreto. Essere privati della protezione umanitaria - riconosciuta dalla legge in quanto i minori sono categoria vulnerabile - lascerà senza uno status legale migliaia di richiedenti asilo, tra cui i minori non accompagnati, privandoli della possibilità di accedere ad un permesso di soggiorno per minore età”. Ha concluso Paola Crestani

Nell’area metropolitana di Palermo risultano accolte 1.700 persone di cui 700 adulti nei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS), circa 400 fra adulti e minori inseriti nei progetti del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) Sprar, 600 minori stranieri non accompagnati nei Centri di Accoglienza. Nella città di Palermo sono 300 i minori accolti nelle strutture e 84 hanno il prosieguo amministrativo disposto dal Tribunale dei Minori. Di recente il sindaco Leoluca Orlando ha dichiarato di voler chiedere al Viminale la sospensione del Decreto Salvini che di fatto restringe i requisiti per il rilascio dei permessi ai migranti, modificando le norme in materia di sicurezza e immigrazione.


Fonte notizia: http://www.non6solo.it/ragazziharraga/


Decreto Sicurezza | Paola Crestani | CIAI | Ragazzi Harraga | Minori stranieri non accompagnati |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Salute e sicurezza sul lavoro nel “decreto del fare”


Avvocato tutela minori e donne – Studio associato Biagi


Avvocato tutela minori e donne Roma – Diritto minorile – Studio associato Biagi


Venti anni di sicurezza sul lavoro: a Bologna il ricordo di Rino Pavanello


Sicurezza sul lavoro a Bologna: convegni, workshop e corsi di formazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’IMPEGNO DI GUNA PER L’AMBIENTE

L’IMPEGNO DI GUNA PER L’AMBIENTE
Guna S.p.a. - azienda leader in Italia nella produzione di farmaci di origine biologico-naturale - fin dalla sua nascita, nel 1983 è attiva nel promuovere iniziative e azioni rivolte al benessere delle persone e dell’ambiente che le circonda, come dimostrano anche i premi e i riconoscimenti conferiti negli anni da enti e associazioni che operano a favore di temi sociali, etici e ambientali. Milano, 4 giugno 2020 – La grave emergenza Covid-19, purtroppo ancora in corso, ha stimolato cittadini e aziende a mettere in pratica soluzioni innovative di gestione del lavoro e del tempo, quali lo smart working, la formazione a distanza, la digitalizzazione e la riduzione degli spostamenti, che hanno contribuito fortemente al miglioramento del contesto ambientale, abbassando la concentraz (continua)

OSPEDALE KOELLIKER E FONDAZIONE PAIDEIA INSIEME PER MOLTIPLICARE LA SOLIDARIETÀ

OSPEDALE KOELLIKER E FONDAZIONE PAIDEIA INSIEME PER MOLTIPLICARE LA SOLIDARIETÀ
Una buona notizia che conferma l’attenzione e la sensibilità che nella nostra città viene riservata al campo del sociale: Fondazione Paideia - onlus impegnata nel fornire un aiuto concreto a bambini e famiglie in difficoltà – ha stretto un accordo con Ospedale Koelliker per offrire una rete di solidarietà sempre più efficace alle famiglie con bambini (continua)

TORINO DIGITAL DAYS 2020 (11-15 FEBBRAIO): IL POST DIGITALE È ORA

TORINO DIGITAL DAYS 2020 (11-15 FEBBRAIO): IL POST DIGITALE È ORA
La trasformazione post digitale è il tema della seconda edizione dell’evento con cinque giorni di talk, laboratori, eventi, performance, mostre e workshop gratuiti Dopo il grande successo dello scorso anno ritornano i Torino Digital Days, un format ideato da due importanti realtà del mondo della comunicazione e del digital: il Gruppo Glebb&Metzger, composto dalle societ&ag (continua)

UNA “DOLCE” AVVENTURA COMINCIATA NEL 1884, OGGI I GELATI PEPINO SONO UN’ECCELLENZA TORINESE APPREZZATA DA TUTTI

UNA “DOLCE” AVVENTURA COMINCIATA NEL 1884, OGGI I GELATI PEPINO SONO UN’ECCELLENZA TORINESE APPREZZATA DA TUTTI
  Il noto laboratorio di gelati, che ha da poco festeggiato l’80° anno dal deposito del brevetto del “Pinguino”, ha aperto le porte ai professionisti del mondo della scuola in occasione della 5° tappa delle visite organizzate dal Gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione Industriale di Torino per raccontare realtà torinesi di successo.   Tanta pass (continua)

INCONTRO PUBBLICO A TORINO PER SPIEGARE COME FARE UN LASCITO TESTAMENTARIO

INCONTRO PUBBLICO  A TORINO PER SPIEGARE COME FARE UN LASCITO TESTAMENTARIO
 13 settembre 2019 Giornata Internazionale del Lascito Solidale   CONSIGLIO NOTARILE DI TORINO, INCONTRO PUBBLICO PER SPIEGARE COME FARE UN LASCITO TESTAMENTARIO   Torino, Via Bertola 40 - dalle ore 16 alle ore 19    Torino, 5 settembre  2019 – Non occorre essere personaggi famosi o milionari per dare il proprio sostegno alle buone cause. È semp (continua)