Home > Informatica > ESET: nuovo attacco alla supply chain, malware infetta tre videogiochi

ESET: nuovo attacco alla supply chain, malware infetta tre videogiochi

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

ESET: nuovo attacco alla supply chain, malware infetta tre videogiochi


In un nuovo esempio di attacco alla supply-chain, un gruppo di hacker presumibilmente cinese si è insinuato in tre videogiochi molto diffusi in Asia e ha inserito una backdoor nei rispettivi programmi.

I ricercatori di ESET spiegano come il gruppo di hacker sia riuscito a infettare due giochi e una piattaforma di gaming, colpendo così centinaia di migliaia di utenti.

In ognuno dei casi il malware presentava configurazioni diverse, ma il codice della backdoor era lo stesso per tutti e tre i videogiochi, così come il sistema di lancio. ESET è riuscita a contattare due delle tre aziende per rimuovere la minaccia, ma il terzo gioco – che ironicamente si chiama Infestation ed è prodotto dalla thailandese Electronics Extreme – ancora distribuisce gli eseguibili infetti.

Curiosamente, il malware prima di colpire il PC dell’utente controlla se la lingua del sistema sia il russo o il cinese, e in caso affermativo smette di funzionare, nel tentativo di evitare di estendersi a quelle determinate aree geografiche.

 

Gli eseguibili compromessi avviano il payload del malware su un sistema compromesso prima di qualsiasi altro componente, con la backdoor decrittografata e avviata in-memory in anticipo, prima di eseguire il gioco o il codice della piattaforma di gioco.

Durante l'analisi, i ricercatori di ESET hanno rilevato in the wild cinque versioni del payload dannoso, utilizzando file di configurazione simili contenenti un URL del server C&C, un tempo di attesa pre configurato per ritardare l'esecuzione, una stringa contenente il nome della campagna e, ancora più importante, un elenco di file eseguibili che portano alla chiusura della backdoor se sono in esecuzione sul sistema infetto.

Se la backdoor non si spegne dopo il controllo delle soluzioni di sicurezza, genererà un identificatore di bot che racchiude nome utente, nome del computer, versione di Windows e lingua del sistema, inviando tutto ai criminali informatici e aspettando una risposta con i comandi.

Sebbene il malware sia dotato anche di un payload di secondo stadio che si installa come servizio di Windows ed è progettato per auto-aggiornarsi, la sua esatta funzione non è ancora nota e il server C&C che usa come parte del processo di aggiornamento automatico non è raggiungibile

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il blog di ESET Welivesecurity al seguente link: Gaming industry still in the scope of attackers in Asia

 


Fonte notizia: https://www.welivesecurity.com/2019/03/11/gaming-industry-scope-attackers-asia/


ESET | supply chain | videogiochi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Supply Chain la gestione della vita attraverso una catena di distribuzione


ESET presenta ESET Full Disk Encryption, la soluzione di crittografia che protegge i dati sia nel mondo reale che in quello digitale


Le cifre del malware nel primo semestre 2018: il pericolo si annida sul web


Attacchi UEFI: la nuova frontiera della criminalità informatica è ora realtà


Le spie di Turla sfruttano Adobe per diffondere i loro malware


ESET presenta la nuova linea di soluzioni di sicurezza per gli utenti privati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)