Home > Cultura > Lasse Matberg e Sara Di Vaira aderiscono alla campagna “La Verità sulla Droga”

Lasse Matberg e Sara Di Vaira aderiscono alla campagna “La Verità sulla Droga”

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Lasse Matberg e Sara Di Vaira aderiscono alla campagna “La Verità sulla Droga”

Una delle coppie più belle e talentuose della TV italiana, partecipanti all’edizione 2019 di “Ballando sotto le Stelle”, ha deciso di distinguersi anche per l’impegno sociale: Lasse Matberg e Sara Di Vaira hanno infatti aderito alla campagna “La Verità sulla Droga” promossa dall’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga”.

L’adesione si concretizza nella firma di una promessa il cui testo recita: “esprimo la mia preoccupazione per il dilagante problema della droga… mi impegno a sostenere il programma e concordo di parlare pubblicamente ogni volta che sia possibile per incoraggiare tutti a scoprire la verità sulla droga e a prendere la propria decisione di vivere liberi dalla droga… chiedo ai funzionari eletti e ad altre persone in posizioni di influenza di unirsi nel sostenere un’efficace educazione sulla droga che informi i giovani sulla realtà in merito alla droga.”

L’impegno preso dai due artisti ballerini è particolarmente importante perché in questo periodo molti personaggi dello spettacolo assumono, irresponsabilmente, l’atteggiamento opposto, promuovendo la diffusione, l’uso e la liberalizzazione della droga. Non si contano le canzoni che parlano di marijuana e altre sostanze stupefacenti, facendole apparire “alla moda” e spesso persino decantandone le supposte proprietà terapeutiche.

Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. In Toscana, a partire dal 2015, i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Droga | Ballando Sotto le Stelle | Lasse Matberg | Sara Di Vaira | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Creare specialisti della prevenzione alla droga


L’istruzione per porre fine alla droga.


CLUB DELLA GIOVENTÙ LIBERA DALLA DROGA


L’arma più efficace contro la droga è l’istruzione


Le droghe distruggono la cultura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Consumo di droga e violenza sessuale

Consumo di droga e violenza sessuale
Una recente sentenza della cassazione ha stabilito che all’imputato, accusato di violenza sessuale, non poteva essere riconosciuta l’aggravante a causa dell’uso di sostanze stupefacenti, in quanto la vittima della violenza aveva assunto la droga per suo conto, senza essere spinta dal criminale violentatore. Indipendentemente dalla decisione della Corte di Cassazione, è in (continua)

Uruguay: un caso scuola per la legalizzazione della marijuana

Uruguay: un caso scuola per la legalizzazione della marijuana
Nel 2014 l’allora presidente dell’Uruguay spinse il suo paese a liberalizzare tutte le droghe leggere. Dato che un certo numero di paesi nel mondo stanno per seguire l’esempio della nazione sudamericana, è interessante andare a cedere se il progetto ha funzionato oppure no. Uno dei primi effetti desiderati, cavallo di battaglia di tutte le lotte antiproibizioniste, è (continua)

L’eroina dei poveri: il Kobret

L’eroina dei poveri: il Kobret
Il Kobret è uno stupefacente derivato dagli scarti di lavorazione dell’oppio e dell’eroina, in Italia viene spacciato soprattutto al sud dalla camorra. Si tratta di una sostanza più economica dell’eroina, è una polvere di colore marroncino che si inietta sciola nell’acido citrico, oppure se ne inalano i fumi della combustione. Come la maggior parte deg (continua)

Il bosco degli spacciatori

Il bosco degli spacciatori
È ormai quasi impossibile fare qualche chilometro senza incappare nei controlli della polizia, e questo gli spacciatori non se lo possono permettere. Il traffico di droga sta adottando nuove strategie per cercare di farla franca: consegnare a domicilio con un cane al guinzaglio, oppure nascondersi nel bosco. Nei dintorni di Sarzana uno spacciatore marocchino si era costruito un bivacco nel (continua)

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus
Come evitare di essere fermato dalle forze dell’ordine in tempi di divieto assoluto di circolazione per il contenimento dell’epidemia di coronavirus. Portare il cane al guinzaglio sembrava un trucco brillante, ma quando i finanzieri del comando provinciale di Livorno lo hanno fermato, è stato chiaro che non si trattava di una semplice passeggiata. Lo spacciatore tunisino di 28 a (continua)