Home > Informatica > ESET: nuova campagna di spam estorsivo ai danni degli utenti italiani

ESET: nuova campagna di spam estorsivo ai danni degli utenti italiani

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

ESET: nuova campagna di spam estorsivo ai danni degli utenti italiani


I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, hanno rilevato una nuova ondata di email fasulle che tentano con l’inganno di estorcere denaro ai destinatari: il criminale informatico nel messaggio dichiara di aver hackerato il sistema operativo e di aver ottenuto l’accesso completo all’account dell’utente grazie a una vulnerabilità nel software del router, che gli avrebbe permesso di installare un Trojan direttamente nel dispositivo della presunta vittima. Successivamente avrebbe addirittura scaricato tutti i dati del disco compresa la cronologia dei siti visitati, tutti i file, i numeri di telefono e gli indirizzi dei contatti dell’utente, a cui minaccia di inviare del fantomatico materiale compromettente trovato nel dispositivo se non si dovesse provvedere al pagamento di una somma variabile tra i 200 e i 300 euro in Bitcoin. Il messaggio continua spiegando che ogni tentativo di rimuovere il Trojan sarà inutile, compresa la formattazione del disco, sottolineando l’inefficacia dei controlli antivirus.

Infine, il criminale conclude la sua email rassicurando l’utente che, completato il pagamento, non gli verrà chiesto altro e suggerisce maggiore attenzione per il futuro.

Simili truffe via posta elettronica non sono nuove ma ciò che distingue questa nuova campagna estorsiva è l’efficacia dell’ingegneria sociale coinvolta, soprattutto grazie alla leva psicologica esercitata sugli utenti che guardano segretamente contenuti pornografici sui propri dispositivi. Gli esperti di ESET ribadiscono che si tratta di email truffa e ricordano alcune regole da seguire in questi casi:

·                     Agire con calma ed evitare passaggi affrettati: non rispondere alla email truffa, non scaricare allegati, non fare clic su righe contenenti link incorporate al messaggio e certamente non inviare denaro.

·                     Se un criminale informatico elenca la password effettiva dell’utente – che potrebbe figurare in un database di account compromessi come il tanto discusso Collection #1 – è consigliabile cambiarla e attivare l’autenticazione a due fattori su quel servizio.

·                     Eseguire la scansione del dispositivo con un software di sicurezza affidabile in grado di rilevare infezioni reali e altri problemi, come l’uso improprio della webcam integrata nel dispositivo.

Per ulteriori informazioni su ESET visitare il sito https://www.eset.it/


Fonte notizia: https://blog.eset.it/2019/06/eset-rileva-una-nuova-campagna-di-spam-estorsivo/


ESET | spam | estorsione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ESET presenta la nuova linea di soluzioni di sicurezza per gli utenti privati


ESET presenta ESET Full Disk Encryption, la soluzione di crittografia che protegge i dati sia nel mondo reale che in quello digitale


ESET presenta le nuove soluzioni per la sicurezza Internet degli utenti privati


ESET inaugura la nuova linea di soluzioni per la sicurezza aziendale


ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori


“Love you” la campagna spam assolutamente non romantica ora attacca il Giappone


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Google rimuove 106 estensioni dannose di Google Chrome

Google rimuove 106 estensioni dannose di Google Chrome
I ricercatori di Avast raccomandano di utilizzare solamente estensioni sviluppate da aziende note I ricercatori di sicurezza hanno scoperto quella che credono essere una campagna di sorveglianza globale in cui i criminali impiegavano delle estensioni dannose del browser Google Chrome per rubare dati e spiare oltre 100 reti. Threatpost ha riferito che i ricercatori sospettano che milioni di utenti di Chrome siano stati presi di mira nei settori dei servizi finanziari, petrolio e gas, media (continua)

Avast scopre 47 app malevole su Google Play Store, scaricate per un totale di 15 milioni di volte

Avast scopre 47 app malevole su Google Play Store, scaricate per un totale di 15 milioni di volte
Le app si nascondevano dietro popolari giochi come Draw Color by number o Shoot Master e inondavano l’utente con pubblicità indesiderata I ricercatori di Avast, leader mondiale della sicurezza informatica, hanno scoperto una imponente campagna di HiddenAds, ovvero di pubblicità indesiderata nascosta in ben 47 applicazioni presenti su Google Play Store, scaricate per un totale di 15 milioni di volte. La campagna utilizza una famiglia di Trojan camuffata dietro popolari giochi online, che in realtà servono solo a visualizzare (continua)

Ripple20 mette a rischio milioni di dispositivi IoT

Ripple20 mette a rischio milioni di dispositivi IoT
I ricercatori di sicurezza hanno scoperto che nel codice di un importante componente software presente in centinaia di milioni di dispositivi IoT, sono presenti 19 vulnerabilità hackerabili I ricercatori di sicurezza hanno scoperto che nel codice di un importante componente software presente in centinaia di milioni di dispositivi IoT, sono presenti 19 vulnerabilità hackerabili. Il codice fallato, la cui funzione effettiva consente al dispositivo di connettersi a qualsiasi Rete o Internet, viene aggiunto all’inizio della filiera produttiva con conseguente effetto domino che ampl (continua)

Avast presenta BreachGuard, il nuovo software per la difesa della privacy online

Avast presenta BreachGuard, il nuovo software per la difesa della privacy online
BreachGuard offre il monitoraggio del dark web in tempo reale, un servizio di rimozione automatica dei data broker e strumenti per migliorare la privacy online a lungo termine Avast, leader mondiale della sicurezza informatica, ha annunciato il lancio di Avast BreachGuard, il suo nuovo software per la tutela della privacy su Internet.Il lancio BreachGuard risponde ad una esigenza di tutela della privacy su Internet ormai fortemente sentita dagli utenti: secondo un sondaggio condotto da Avast, il 63% degli internauti ritiene che le proprie informazioni possano essere ven (continua)

Avast: gli smartphone sono diventati uno dei più importanti obiettivi per gli attacchi informatici

Avast: gli smartphone sono diventati uno dei più importanti obiettivi per gli attacchi informatici
Gli smartphone sono diventati un’estensione del singolo individuo, utilizzati per organizzare la giornata, dalle operazioni più innocue come mantenersi in forma a quelle più delicate come la gestione delle finanze. Ciò però li rende un chiaro vettore di attacco per truffatori e hacker. Il paesaggio mobileDall’avvento dello smartphone, il dispositivo mobile è diventato parte integrante della vita di tutti i giorni. Permette di rimanere in costante contatto con amici e colleghi, controlla i dispositivi domestici intelligenti, offre acquisti in Rete e fornisce servizi bancari online, il tutto da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Nel 2019, quasi il 75% delle persone nel R (continua)