Home > Musica > La somma della parti

La somma della parti

scritto da: Milalupi | segnala un abuso

La somma della parti


Se c’è uno stato d’animo che un’esecuzione di Simone Perugini non è proprio in grado di provocare, è la noia. Queste recenti interpretazioni mozartiane, registrate pochi fa, proprio all'alba del 2019, non fanno di certo eccezione. Le prime battute della Sinfonia n. 40, rapide e sferzanti, sono più che sufficienti a farci comprendere che siamo di fronte a qualcosa di autenticamente nuovo, e che il viaggio che abbiamo intrapreso non potrà che essere prodigo di sorprese. «L’intero è maggiore della somma delle sue parti», affermava Aristotele. Nel corso degli anni, Perugini si è convinto del fatto che Mozart abbia voluto concepire le sue ultime tre sinfonie – composte in rapida successione nella tormentata estate del 1788, dopo la tiepida accoglienza riservata al Don Giovanni dal pubblico viennese – come un unico ‘oratorio strumentale’ in dodici movimenti; una sorta di dramma psicologico il cui atto conclusivo sarebbe rappresentato dal grandioso fugato della Jupiter. Teoria affascinante ma tutta da dimostrare, per la quale rimando al booklet allegato al cd. Comunque la si pensi in merito, sarebbe sbagliato soffermarsi più del dovuto su questo aspetto della questione, che costituisce l’elemento di novità più appariscente ma forse anche il più esteriore. Confesso di trovare più interessanti i riflessi prodotti da questa inedita visione unitaria sul piano interpretativo. Il lavoro del direttore e della sua splendida orchestra, la francese Fête Galante Baroque Orchestre, sul testo musicale è infatti meticoloso e capillare. Non c’è frase del discorso che possa dirsi scontata nella sua articolazione interna, così come encomiabile è lo sforzo di mettere in evidenza i motivi ricorrenti che attraversano le due celeberrime partiture. Certo, alcune scelte di tempo sono davvero ardite. E non mi riferisco tanto ai centrali movimenti lenti, laddove le moderne prassi esecutive ci hanno ormai abituati ad agogiche molto più sostenute rispetto al passato, ma soprattutto ai minuetti delle due sinfonie del dittico qui proposto (40 e 41), condotti a velocità vorticosa, a mo’ di scherzo. Sul piano delle sonorità, l’aspetto che più colpisce è sicuramente la rilevanza data agli ottoni all’interno del tessuto strumentale, che dona all’esecuzione un vigore e un’energia dirompenti, calibrata sapientemente in modo da non offuscare mai la linea degli archi, comunque sempre protagonista.. In ultimo, vale la pena sottolineare lo scrupoloso rispetto di tutti i ritornelli previsti dall’autore, compresi quelli attinenti ai da capo dei minuetti. Un’edizione dunque da consigliare ad occhi chiusi? Certamente sì, anche se in qualche modo un'edizione che potrebbe turbare orecchie particolarmente addormentate nella solita prassi esecutiva di stampo tardo ottocentesco. Mi spiego: se siete tra coloro che pensano di aver già trovato il proprio Mozart ideale, magari in Böhm, in Szell o in Karajan, forse è meglio non rischiare. Se invece amate le sfide, se siete disposti a mettere in discussione le vostre certezze, se ritenete che non sia una sola la via che porta a Mozart, allora questo CD fa decisamente al caso vostro. Da parte mia, non posso che esprimere ammirazione per un direttore d’orchestra che, nell'energia dei suoi 43 anni, ha voglia di cercare strade nuove, ed è in grado di incantare, di stupire e di scandalizzare l’ascoltatore. Chapeau.

mozart | sinfonie | simone perugini | mila | lupi | recensione | cd |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scisciano Il successo della XXIII Mostra-Concorso “Il Presepe più bello”. (Scritto da Antonio Castaldo)


AISA ASSOCIAZIONE ITALIANA SICUREZZA AMBIENTALE ALLA MANIFESTAZIONE "SOMMA E SUA ECCELLENZA IL BACCALA'" di Antonio Castaldo


Cinque cose da sapere sul gioco della roulette


-Somma Vesuviana: Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca all’inaugurazione dei nuovi reparti di riabilitazione della Casa di Cura “Santa Maria del Pozzo”. (Scritto da Antonio Castaldo)


-Somma Vesuviana: Celebrata Messa per la Virgo Fidelis (Scritto da Antonio Castaldo)


Somma Vesuviana: Festa dello Stoccafisso e del Baccalà


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'incompiuta compiuta di Cimarosa

L'incompiuta compiuta di Cimarosa
Pubblicata l'edizione critica di Artemisia, l'ultima grande opera di Domenico Cimarosa. Un graditissimo regalo di Natale è quello donato alla cultura, alla storia della musica e del teatro d'opera dall'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa” che, proprio qualche giorno fa, ha pubblicato l'edizione critica dell'ultima opera composta da Domenico Cimarosa prima di morire: Artemisia. Il lavoro fu commissionato al musicista dall'impresario del teatro La Fenice di Venezia, Albe (continua)

Un'opera inedita di Cimarosa riscoperta e pubblicata dopo 240 anni

Un'opera inedita di Cimarosa riscoperta e pubblicata dopo 240 anni
Dopo 240 anni riportata alla luce una cantata di Cimarosa composta per la Corte di Caterina II di Russia nel 1788. Dopo più di 240 anni di oblio, l'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa” ha riscoperto e pubblicato, in edizione critica, un'opera inedita di Domenico Cimarosa, uno dei più celebri compositori italiani della fine del Settecento. L'opera in questione, o, meglio, la «Cantata pastorale in due atti», si intitola La felicità inaspettata e, secondo la definizione data dallo stesso musicista nel fro (continua)

Cimarosa completa le proprie Ouvertures

Cimarosa completa le proprie Ouvertures
In uscita il sesto ed ultimo CD dedicato alla registrazione integrale delle Ouvertures operistiche di Domenico Cimarosa. L'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa”, Firenze, in collaborazione con Horus Music Limited e Unable Records annuncia la prossima uscita delle release discografica dedicata all'incisione delle Ouvertures operistiche di Domenico Cimarosa. Cimarosa, grande compositore della fine del Settecento, è considerato uno dei maggiori esponenti dell'ultimo periodo della cosiddetta Scuola Napoleta (continua)

Cimarosa e il suo "Andantino frizzante"

Cimarosa e il suo
L'Accademia Lirica Toscana "Domenico Cimarosa" e Horus Music Limited pubblicano il quinto CD dedicato alla registrazione integrale delle Ouvertures operistiche di Domenico Cimarosa. L'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa” e Horus Music Limited hanno immesso nel mercato discografico il quinto volume dedicato alla registrazione integrale delle Overtures (o “Sinfonie”) operistiche di Domenico Cimarosa, uno tra i maggiori, se non il maggiore, esponente dell'ultimo periodo della cosiddetta Scuola musicale Napoletana del 1700. Il compositore, nato ad Aversa nel 1749 e (continua)

"La vergine del sole" di Cimarosa pubbicata in edizione critica


L'Accademia Lirica Toscana "Domenico Cimarosa" pubblica, in edizione critica, l'opera del grande compositore aversano. Dal 10 luglio 2021 è disponibile nel mercato editoriale una nuova pubblicazione dedicata al compositore aversano Domenico Cimarosa. Cimarosa, nato nella cittadina campana nel 1749 è stato uno degli ultimi grandi esponenti della cosiddetta Scuola Napoletana e fu, insieme a Giovanni Paisiello e a pochi altri compositori, celebre e richiesto in tutti le corti d'Europa. Dopo un immenso successo (continua)