Home > Musica > La somma della parti

La somma della parti

scritto da: Milalupi | segnala un abuso

La somma della parti


Se c’è uno stato d’animo che un’esecuzione di Simone Perugini non è proprio in grado di provocare, è la noia. Queste recenti interpretazioni mozartiane, registrate pochi fa, proprio all'alba del 2019, non fanno di certo eccezione. Le prime battute della Sinfonia n. 40, rapide e sferzanti, sono più che sufficienti a farci comprendere che siamo di fronte a qualcosa di autenticamente nuovo, e che il viaggio che abbiamo intrapreso non potrà che essere prodigo di sorprese. «L’intero è maggiore della somma delle sue parti», affermava Aristotele. Nel corso degli anni, Perugini si è convinto del fatto che Mozart abbia voluto concepire le sue ultime tre sinfonie – composte in rapida successione nella tormentata estate del 1788, dopo la tiepida accoglienza riservata al Don Giovanni dal pubblico viennese – come un unico ‘oratorio strumentale’ in dodici movimenti; una sorta di dramma psicologico il cui atto conclusivo sarebbe rappresentato dal grandioso fugato della Jupiter. Teoria affascinante ma tutta da dimostrare, per la quale rimando al booklet allegato al cd. Comunque la si pensi in merito, sarebbe sbagliato soffermarsi più del dovuto su questo aspetto della questione, che costituisce l’elemento di novità più appariscente ma forse anche il più esteriore. Confesso di trovare più interessanti i riflessi prodotti da questa inedita visione unitaria sul piano interpretativo. Il lavoro del direttore e della sua splendida orchestra, la francese Fête Galante Baroque Orchestre, sul testo musicale è infatti meticoloso e capillare. Non c’è frase del discorso che possa dirsi scontata nella sua articolazione interna, così come encomiabile è lo sforzo di mettere in evidenza i motivi ricorrenti che attraversano le due celeberrime partiture. Certo, alcune scelte di tempo sono davvero ardite. E non mi riferisco tanto ai centrali movimenti lenti, laddove le moderne prassi esecutive ci hanno ormai abituati ad agogiche molto più sostenute rispetto al passato, ma soprattutto ai minuetti delle due sinfonie del dittico qui proposto (40 e 41), condotti a velocità vorticosa, a mo’ di scherzo. Sul piano delle sonorità, l’aspetto che più colpisce è sicuramente la rilevanza data agli ottoni all’interno del tessuto strumentale, che dona all’esecuzione un vigore e un’energia dirompenti, calibrata sapientemente in modo da non offuscare mai la linea degli archi, comunque sempre protagonista.. In ultimo, vale la pena sottolineare lo scrupoloso rispetto di tutti i ritornelli previsti dall’autore, compresi quelli attinenti ai da capo dei minuetti. Un’edizione dunque da consigliare ad occhi chiusi? Certamente sì, anche se in qualche modo un'edizione che potrebbe turbare orecchie particolarmente addormentate nella solita prassi esecutiva di stampo tardo ottocentesco. Mi spiego: se siete tra coloro che pensano di aver già trovato il proprio Mozart ideale, magari in Böhm, in Szell o in Karajan, forse è meglio non rischiare. Se invece amate le sfide, se siete disposti a mettere in discussione le vostre certezze, se ritenete che non sia una sola la via che porta a Mozart, allora questo CD fa decisamente al caso vostro. Da parte mia, non posso che esprimere ammirazione per un direttore d’orchestra che, nell'energia dei suoi 43 anni, ha voglia di cercare strade nuove, ed è in grado di incantare, di stupire e di scandalizzare l’ascoltatore. Chapeau.

mozart | sinfonie | simone perugini | mila | lupi | recensione | cd |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scisciano Il successo della XXIII Mostra-Concorso “Il Presepe più bello”. (Scritto da Antonio Castaldo)


AISA ASSOCIAZIONE ITALIANA SICUREZZA AMBIENTALE ALLA MANIFESTAZIONE "SOMMA E SUA ECCELLENZA IL BACCALA'" di Antonio Castaldo


Cinque cose da sapere sul gioco della roulette


-Somma Vesuviana: Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca all’inaugurazione dei nuovi reparti di riabilitazione della Casa di Cura “Santa Maria del Pozzo”. (Scritto da Antonio Castaldo)


Somma Vesuviana: Festa dello Stoccafisso e del Baccalà


Trente et Quarante: divertente come le slot gratis


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"L'Olimpiade" di Cimarosa in prima registrazione mondiale


In uscita il 2 agosto 2020 la prima registrazione discografica mondiale del dramma per musica di Domenico Cimarosa "L'Olimpiade" con interpreti d'eccezione. La prima registrazione mondiale de  L'Olimpiade di Domenico Cimarosa, ultima release discografica firmata VDC Classique e in rilascio il 2 agosto 2020, è una proposta del massimo rilievo, anch'essa legata al lungo percorso intrapreso dall'etichetta discografica nella riscoperta della produzione del grande musicista aversano. Fra le molte intonazioni de L'Olimpiade (1733), dramma per vari aspe (continua)

Un Rossini ancor vivente

Un Rossini ancor vivente
In uscita il 29 marzo 2020 la nuova release discografica dedicata alla farsa in un atto "Il signor Bruschino" di Rossini. Lo abbiamo ascoltato in anteprima e recensito per voi. Succede, talvolta, che il convincimento di un artista creatore non collimi col giudizio della Storia. Michelangelo, che si considerava essenzialmente uno scultore, sarebbe diventato famoso in tutto il mondo per l (continua)

Simone Perugini ci racconta il suo nuovo Rossini

Simone Perugini ci racconta il suo nuovo Rossini
In uscita il 29 marzo 2020 una nuova edizione discografica, prodotta da VDC Classique, de Il Signor Bruschino, ossia il figlio per azzardo di Gioachino Rossini. D.: Maestro, quali motivazioni hanno portato alla scelta di questa farsa rossiniana per il suo nuovo impegno con VDC Classique? R.: La mia proposta iniziale era quella di proporre un'opera di repertorio, nota al pubblico, per un'incision (continua)

Perugini e "Le nozze di Figaro" neoclassiche

Perugini e
È noto come la prassi esecutiva con strumenti originali sia ormai divenuta un modello di approccio attraverso cui accostarsi e rileggere gran parte del repertorio. In alcuni casi, poi, questo tipo di esecuzione ha il merito non di risolvere problemi o fornire risposte, ma di porre quesiti, di aprire nuove possibile strade per comprendere un’opera musicale. L’edizione de Le nozze di Figaro di Mozar (continua)

“Le astuzie femminili” di Cimarosa e le astuzie del suo direttore.

“Le astuzie femminili” di Cimarosa e le astuzie del suo direttore.
Far rivivere un’opera rimasta quasi muta per 225 anni, senza operare su di essa nessun taglio e nessuna variante per adattarla al gusto contemporaneo meno avvezzo all'opera e alle sue inevitabile lentezze narrative: questa è la sfida raccolta da Simone Perugini, uno dei più importanti direttori contemporanei del repertorio cimarosiano, che ha registrato questo lavoro con la spl (continua)