Home > Economia e Finanza > Come si paga in Ungheria? Ecco quello che c’è da sapere sulla moneta locale

Come si paga in Ungheria? Ecco quello che c’è da sapere sulla moneta locale

scritto da: Mary19 | segnala un abuso


 Quando si va in vacanza in un paese della comunità europea ma che non fa parte dell’unione monetaria è necessario pianificare anche questo aspetto prima di partire.

Infatti, nella maggior parte dei casi è possibile pagare con la carta di credito all’estero senza la necessità di prelevare in contanti una valuta straniera. Questo può accadere nella capitale ungherese: Budapest.

Nonostante l’entrata nella comunità europea, questo paese ancora non ha adottato ancora l’Euro per diversi motivi.

Prima di tutto, rispettare i parametri di Maastricht imposti dall'UE richiede tempo e la seconda motivazione è il fatto che il tasso di cambio favorevole per la moneta unica permette all’Ungheria di rimanere competitiva sul mercato, sia per quanto riguarda il costo del lavoro, sia per la produzione industriale.

I vantaggi della valuta ungherese

Non è raro trovare aziende che delocalizzano la produzione perché attratte da dei costi più bassi che permettono di conseguire maggiori profitti.

Infatti, la moneta utilizzata in Ungheria è il fiorino ungherese e il codice identificativo ISO per questa valuta è HUF. Il tasso di cambio attuale per 1€ corrisponde a 325,69 e il costo della vita è più basso rispetto a quello dell’Italia.

Chi si reca in vacanza nella capitale Budapest, si renderà conto che mangiare fuori è più conveniente e i prezzi sono lievemente più bassi. Nonostante questo, è bene ricordare che negli ultimi anni il numero dei turisti è aumentato e la capitale ungherese inizia ad adeguarsi agli standard delle altre grandi città dell’Europa.

Pagare in moneta contante in Ungheria

Non per questo, in una vacanza di pochi giorni tra la capitale e i dintorni, è possibile toccare con mano il costo della vita più basso ed è importante avere dei contanti in valuta ungherese.

Per quale motivo? Nella città principale si trovano molti bancomat e uffici di cambio ed è facile cambiare l’Euro in fiorino. Prima di partire, infatti, è meglio avere dei contanti perché in alcuni posti, come bar, ristoranti e negozi è possibile non incontrare la possibilità di pagare in formato elettronico.

Se invece la vacanza è circoscritta alla città e non è prevista nessuna escursione è possibile pagare con la carta di credito/debito nella maggior parte dei locali. In questo caso non è necessario ritirare da un ufficio di cambio e se volete farlo, la cosa migliore è ritirare direttamente da un bancomat la somma che vi interessa.

Infine, suggeriamo di evitare di cambiare l’Euro in fiorini in strada da possibili chioschi o venditori perché la commissione potrebbe essere molto più alta.

moneta | budapest | vacanza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

consulente buste paga Roma Studio Monaco Luca


Elaborazione buste paga Roma  e Consulenza del lavoro


Il futuro della Logistica portuale nel forum tra Ungheria e Ports of Genoa


Ecco alcuni dettagli sulla moneta di Praga in repubblica Ceca


Elaborazione buste paga Roma Nord | Studio Monaco Luca


Elaborazione buste paga Roma nord Studio Monaco Luca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I migliori regali da fare a chi viaggia tanto

  I viaggi sono uno dei settori in continua espansione e grazie all’evoluzione digitale degli ultimi decenni andare in vacanza è diventato sempre più economico, veloce, a buon prezzo e facile. La nascita delle decine di compagnie aeree low cos che permettono di viaggiare nel mondo a prezzi convenienti permettono di visitare molte più località turistiche (continua)

Ecco alcuni dettagli sulla moneta di Praga in repubblica Ceca

  Quando si va in vacanza in un paese in cui non è presente la moneta unica europea è come tornare indietro di alcuni decenni quando era necessario munirsi della valuta locale dello in stato in cui si andava in vacanza. Anche oggi, questa situazione è ancora presente in Europa e alcuni stati, come Ungheria, Polonia e Bulgaria non hanno ancora adottato la moneta unica. P (continua)