Home > Cultura > Minacce ai ragazzi scappati: manifesteremo

Minacce ai ragazzi scappati: manifesteremo

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Minacce ai ragazzi scappati: manifesteremo


Jesolo. 19 luglio 2019. Mentre non si è ancora placata la polemica sul vorticoso giro d’affari alimentato da ciò che la stampa ha definito “furto di bambini”, nuove evidenze sembrerebbero indicare che Bibbiano non abbia il monopolio della coercizione, ma sia piuttosto la punta di un iceberg. Nei giorni scorsi una famiglia si è rivolta al CCDU - Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani - chiedendo aiuto su un caso molto controverso.

I loro ragazzi erano stati sottratti brutalmente lo scorso ottobre, come riportato dai media, e alcuni giorni fa sono scappati dalla comunità per tornare con i genitori. Erano ormai 9 mesi che non potevano né sentire né incontrare la famiglia: alla fine hanno agito e sono scappati. Dopo poche ore si sono presentati a casa i Carabinieri che, a quanto riferito dai genitori, avrebbero addirittura paventato l’arresto dei genitori se questi non avessero obbligato i loro figli a rientrare in comunità. Un volontario del CCDU è immediatamente accorso per verificare che i loro diritti fossero rispettati e per calmare ragazzi e genitori. I Carabinieri dopo aver verificato la volontà dei ragazzi, e il fatto che non fossero in pericolo e aver parlato al telefono con l’avvocato Francesco Miraglia, si sono allontanati permettendo ai ragazzi di restare con i loro cari.

Nel primo pomeriggio si sono presentati gli assistenti sociali, guidati dalla psicologa che segue il caso, con gli operatori della comunità e un agente in abiti civili. Hanno parlato in privato con i ragazzi che hanno ribadito di non voler tornare in comunità ma, invece, rimanere con i propri genitori cui vogliono bene. Preoccupante il comportamento dell’assistente sociale e della psicologa. Secondo quanto riferito dalla famiglia, la psicologa avrebbe messo in atto una soluzione da manuale, minacciando di usare la forza pubblica e ricorrere alla coercizione. Inoltre avrebbero detto alla famiglia che i ragazzi non avrebbero il diritto di essere sentiti dal giudice. Invece di comunicare con i ragazzi e con la famiglia per comprendere le ragioni (facilmente intuibili) del fallimento del loro progetto autoritativo, e trovare un modo umano e ragionevole di aiutare i ragazzi e la famiglia, hanno deciso di ricorrere alla forza bruta.

I ragazzi hanno anche raccontato e scritto delle lettere su quello che hanno subito in comunità, dove erano senza telefono, non andavano a scuola e non hanno mai potuto comunicare con i genitori per 9 mesi se non di nascosto usando il telefono di altri ragazzi della comunità finché non sono stati scoperti. Hanno anche riferito che uscivano molto raramente da lì. Quasi come fossero reclusi in un carcere. L’episodio evidenzia ancora una volta il fallimento dei metodi coercitivi psichiatrici.

Sabato mattina il CCDU manifesterà per chiedere che questi professionisti siano tolti immediatamente dal caso e sostituiti con persone rispettose dei diritti dei bambini. Chiediamo anche l’apertura di un’indagine sul loro comportamento. Appuntamento a Jesolo sabato mattina 27 luglio di fronte agli uffici degli assistenti sociali presso il Poliambulatorio.

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani


Fonte notizia: https://www.ccdu.org/


CCDU | CCHR | Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani | Bambini strappati |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Blue Coat Global Intelligence Network assicura ai clienti il modo più efficace per bloccare, rilevare e reagire alle minacce avanzate


Fortinet: i trend globali relativi alle minacce informatiche mettono in luce intenti politici ed economici dei cybercriminali


Sophos acquisisce Braintrace per potenziare il proprio ecosistema di sicurezza informatica adattiva con la tecnologia Network Detection and Response sviluppata dall’azienda di cybersecurity statunitense


McAfee collabora con i leader del settore per la sicurezza mobile


Fortinet: la security automation è una strategia efficace per assicurare la business continuity


Gli hacker stanno concentrando la loro attenzione sulle PMI, secondo l'aggiornamento del Report Acronis sulle minacce digitali


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)