Home > Altro > ESET, unico Challenger nel Gartner Magic Quadrant 2019 per le Piattaforme di Protezione degli Endpoint

ESET, unico Challenger nel Gartner Magic Quadrant 2019 per le Piattaforme di Protezione degli Endpoint

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

ESET, unico Challenger nel Gartner Magic Quadrant 2019 per le Piattaforme di Protezione degli Endpoint


ESET, uno dei principali produttori di soluzioni di sicurezza informatica, è stata riconosciuta come unico Challenger nel Gartner Magic Quadrant 2019 per le Piattaforme di Protezione degli Endpoint*. L’azienda, che si aggiudica questo prestigioso riconoscimento per il secondo anno consecutivo, è stata valutata in base alla sua capacità di operare e alla completezza di visione. ESET crede che questo traguardo sia il risultato di un costante miglioramento nella propria capacità di offrire alle aziende il massimo livello di protezione.

Aver ricevuto il riconoscimento come unico Challenger nel Gartner Magic Quadrant 2018 aveva già rappresentato per ESET un grande successo; aver raggiunto questo traguardo per il secondo anno consecutivo dimostra la nostra determinazione a continuare a fornire alle imprese il meglio in termini di protezione, rilevamento e risposta degli endpoint” ha commentato Ignacio Sbampato, chief business officer di ESET. "Siamo orgogliosi del nostro approccio basato sulla ricerca avanzata e sulla profonda conoscenza del settore, che ci permettono di sviluppare soluzioni che mantengano le organizzazioni protette in modo coerente e completo e crediamo che questo traguardo sia un riflesso della nostra continua crescita come attore globale nel campo della sicurezza informatica".

 

Sbampato continua: "Nell’ultimo anno ESET ha rafforzato la sua offerta per il mercato enterprise grazie a ESET Enterprise Inspector, un sistema completo di rilevamento e risposta degli endpoint e ESET Dynamic Threat Defense, che grazie all'utilizzo di una tecnologia sandbox basata sul Cloud fornisce una protezione completa degli endpoint per l’utenza business di tutto il mondo".ESET ritiene che l’essere riconosciuto come Challenger per il secondo anno consecutivo conferma la capacità dell’azienda di fornire un prodotto di protezione degli endpoint facile da usare, completo e affidabile e rispecchia la crescente quota di mercato in tutti i segmenti cruciali, dall’ Enterprise all’SMB e al Consumer. ESET è orgogliosa di questo premio perché ritiene rappresenti un ulteriore riconoscimento della qualità del servizio clienti offerto e renda merito alle caratteristiche peculiari dei suoi prodotti, tra cui l’alto tasso di rilevamento e l’ingombro ridotto sul sistema. 

 

Secondo quanto riportato nel Glossario IT di Gartner, “I Gartner Magic Quadrant offrono istantanee visuali, analisi approfondite e consigli pratici sulla direzione che sta seguendo il mercato, la sua maturità e i suoi partecipanti. I Magic Quadrant confrontano i produttori basandosi sui criteri e metodologie standard di Gartner. Ogni report viene presentato attraverso un grafico del Magic Quadrant che descrive un tipo di mercato utilizzando una matrice bidimensionale che valuta i fornitori in base alla loro completezza di visione e alla capacità di operare nel settore.” **

Per ricevere una copia del rapporto Gartner e verificare il posizionamento di ESET nel Magic Quadrant accedere al seguente link: https://www.eset.com/it/aziende/gartner-epp-mq-2019/

*Fonte: Gartner, “Magic Quadrant for Endpoint Protection Platforms,” Peter Firstbrook, Dionisio Zumerle, Prateek Bhajanka, Lawrence Pingree, Paul Webber, 20 August 2019.

** Fonte: Glossario IT di Gartner, Magic Quadrant, 22 August 2019https://www.gartner.com/it-glossary/magic-quadrant.  

 


Fonte notizia: https://www.eset.com/it/aziende/gartner-epp-mq-2019/


ESET | gartner | challenger |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ESET riconosciuta come unico Challenger nel Gartner Magic Quadrant del 2018 per le Piattaforme di Protezione degli Endpoint


ESET inaugura la nuova linea di soluzioni per la sicurezza aziendale


ESET premiata da AV-Comparatives per le soluzioni di sicurezza business e consumer


Gartner inserisce Expert System nel Magic Quadrant 2009 sulle tecnologie per l`accesso alle informazioni


Cos'e il FAIRPLAY FINANZIARIO ?


RANGNICK AL MILAN COME AL LIPSIA : 3-4-1-2 CON CALHANOGLU PROTAGONISTA.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)