Home > Informatica > ESET: la nuova backdoor Stealth Falcon sfrutta Windows Update per eludere i software di sicurezza

ESET: la nuova backdoor Stealth Falcon sfrutta Windows Update per eludere i software di sicurezza

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

ESET: la nuova backdoor Stealth Falcon sfrutta Windows Update per eludere i software di sicurezza


I ricercatori di ESET hanno individuato una nuova backdoor collegata al malware utilizzato dal gruppo Stealth Falcon, autore di diversi attacchi spyware mirati contro giornalisti, attivisti e dissidenti in Medio Oriente, soprattutto negli Emirati Arabi Uniti.

Questa backdoor, chiamata Win32 / StealthFalcon, per comunicare con il server C&C utilizza una tecnica piuttosto insolita, ovvero il Background Intelligent Transfer Service (BITS) di Windows. Questo componente è stato progettato per trasferire grandi quantità di dati limitando l’impatto sulla banda di rete, in modo da non influire sul trasferimento dati di altre applicazioni. Per questa sua particolare caratteristica, il protocollo BITS è comunemente usato per effettuare aggiornamenti di software e di altre applicazioni – come messenger - progettate per operare in background. Questo significa che è più probabile che le attività del BITS non vengano filtrate da eventuali firewall o software di sicurezza. Inoltre, rispetto al sistema di comunicazione tradizionale tramite funzioni API, il meccanismo BITS opera attraverso un'interfaccia COM ed è quindi più difficile da rilevare per un prodotto di sicurezza. Sfruttando queste caratteristiche, Stealth Falcon riesce ad operare in background in modo furtivo, passando inosservato ad eventuali controlli di sicurezza.

Oltre all’utilizzo di BITS, Stealth Falcon si distingue anche poiché, prima dell’avvio del payload principale, importa una grande quantità di dati dal sistema infetto, che poi non utilizza; secondo i ricercatori di ESET questa tecnica viene attuata nel tentativo di eludere il rilevamento dei software di sicurezza.

Stealth Falcon è un gruppo attivo dal 2012 le cui attività vengono costantemente controllate dal Citizen Lab, un'organizzazione no profit che si dedica alla sicurezza e ai diritti umani, che ha pubblicato un'analisi su un particolare attacco informatico nel 2016. Nel gennaio del 2019, Reuters ha divulgato un rapporto investigativo sul Progetto Raven, un'iniziativa che presumibilmente impiega ex agenti della NSA e indirizzata sugli stessi tipi di obiettivi di Stealth Falcon.

Sulla base di questi due rapporti riferiti agli stessi obiettivi e attacchi, il Senior Technologist di Amnesty International Claudio Guarnieri ha concluso che Stealth Falcon e Project Raven sono effettivamente lo stesso gruppo.


Fonte notizia: https://blog.eset.it/2019/09/eset-ha-scoperto-una-nuova-backdoor-utilizzata-dal-famigerato-gruppo-stealth-falcon/


ESET | Stealth Falcon |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Exaramel, la nuova backdoor che prova il collegamento tra Industroyer e (Not)Petya


Telefoni criptati anti intercettazione: funzionalità e curiosità


ESET premiata da AV-Comparatives per le soluzioni di sicurezza business e consumer


ESET presenta ESET Full Disk Encryption, la soluzione di crittografia che protegge i dati sia nel mondo reale che in quello digitale


ESET presenta la nuova linea di soluzioni di sicurezza per gli utenti privati


ESET inaugura la nuova linea di soluzioni per la sicurezza aziendale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)