Home > Moda e fashion > Lo shampoo giusto, come sceglierlo?

Lo shampoo giusto, come sceglierlo?

articolo pubblicato da: agenzianewscast | segnala un abuso

Lo shampoo giusto, come sceglierlo?

 

La scelta dello shampoo giusto è molto importante ed è sempre difficile capire quello che più è adatto ad un tipo di capello e non ad un altro. 

In questo periodo in particolare, subito dopo l’estate con i capelli “stressati” dalle ripetute docce, dal mare e dal sole, ma soprattutto con il cambio di stagione con i capelli che cadono, lo shampoo diventa un vero e proprio alleato.

La Dott.ssa Alessandra Vasselli, cosmetologa AIDECO (Associazione Italiana di Dermatologia e Cosmetologia), spiega le caratteristiche che deve avere un buono shampoo. “È il prodotto cosmetico che maggiormente deve interagire con la fisiologia di capelli e cuoio capelluto, sia per frequenza d’uso che per funzione, prodotto cosmetico imprescindibile, da scegliere in base alle diverse tipologie, livello di gradimento individuale, funzione specifica – afferma la Dottoressa e prosegue - Compito della detersione, anche per capelli e cuoio capelluto, è di rimuovere il cosiddetto “sporco” rispettando la salute del distretto con cui va ad interagire”.

 Le caratteristiche

Le principali funzioni che lo shampoo deve presentare sono:

·       Rispettare il più possibile il film idrolipidico di protezione dei capelli e del cuoio capelluto

·       Rimuovere efficacemente lo sporco sia esogeno che endogeno

·       Aiutare il ripristino del pH ideale, diverso sul cuoio capelluto rispetto alla cute corporea

·       Migliorare l’idratazione e la protezione cutanea

·       Svolgere funzioni specifiche quando richieste

·       Infine, ma non per importanza, non indurre fenomeni di irritazione e/o sensibilizzazione

Il substrato su cui anche lo shampoo interviene è da un lato la superficie cutanea (in questo caso il cuoio capelluto), dall’altro il fusto del capello. In entrambi i casi interagisce quindi con la prima importante barriera protettiva: “il film idrolipidico”. È il prezioso insieme di acqua e lipidi, autoproduzione cutanea, che copre la superficie della pelle e dei capelli, svolgendo un importante ruolo di protezione e di mantenimento dell’omeostasi cutanea e dei fusti capillari” afferma Alessandra Vasselli.

Una pelle sana mantiene ottimale l’equilibrio tra acqua e lipidi di questa pellicola, consentendo di equilibrare i corretti livelli di idratazione ed al tempo stesso la giusta presenza di sostanze emollienti che conferisce elasticità, morbidezza e nel caso dei capelli pettinabilità e lucentezza.

La formula di uno shampoo

La base di uno shampoo è costituita principalmente da acqua e tensioattivi.

“I tensioattivi sono sostanze dotate di proprietà detergenti, emulsionanti, schiumogene, bagnanti e solubilizzanti, aventi una doppia affinità idrofila-lipofila, ed il conseguente potere di abbassare la “tensione superficiale” di un liquido, come è il caso dell’acqua quando in miscela con una sostanza grassa. Senza l’uso di un tensioattivo l’acqua non sarebbe in grado di asportare lo sporco, ovvero il grasso. Aggiungendo il tensioattivo quest’ultimo si collocherà fra l’acqua e lo sporco, abbassando la tensione superficiale dell’acqua e costringendola a “bagnare” la sostanza grassa – spiega la cosmetologa AIDECO e prosegue – I tensioattivi, presenti in larga parte nei prodotti detergenti in generale, e quindi anche in quelli destinati alla detersione del cuoio capelluto, possono essere scelti in base alle loro caratteristiche fisico-chimiche, le quali identificano anche il livello di tollerabilità ed efficacia di uno shampoo”.

Nella formulazione di uno shampoo sono presenti inoltre: conservanti, coloranti, agenti perlanti e opacizzanti, viscosizzanti, modificatori di pH, profumo.

Lo shampoo può avere funzioni specifiche: antiforfora, antisebo, coadiuvante anticaduta, ristrutturante, colorante, etc. Per ognuna di queste funzioni vengono inserite sostanze attive in grado di svolgere attività dermo-cosmetologiche.

Conclusioni

Lo shampoo è un prodotto “obbligatorio” per mantenere in buono stato i capelli (rendendoli più lucidi, morbidi e pettinabili) ed il cuoio capelluto (mantenendolo in salute e benessere).

“Prima caratteristica da rispettare è la sua tollerabilità e la sicurezza nell’uso. Deve rispettare il film idrolipidico, il pH cutaneo ed in generale la fisiologia dei capelli e del cuoio capelluto. Deve essere il più possibile gradevole per chi ne fa uso, facile da utilizzare (in tal senso notevole rilevanza è data dal packaging primario) e da risciacquare, possedere la giusta consistenza, avere un buon odore e di conseguenza riuscire a fidelizzare facilmente il consumatore, attraverso tutte le caratteristiche sopra riportate.

Infine, per la salute e la bellezza dei capelli, allo shampoo dovrebbe sempre seguire l’uso di un balsamo, come l’uso della crema post-detersione per la pelle del viso”, conclude la Dott.ssa Vasselli.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Da Star Dust arriva la nuova linea di Shampoo GREEN


Ogni quanto devono essere lavati i capelli?


Perché usare lo shampoo all'olio di Argan


Avivah: prodotti per la cura dei capelli


Come mantenere l'abbronzatura il più a lungo possibile


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’espansione di BricoBravo verso nuovi settori e mercati internazionali

  Tempestività e connessione, lo shopping online è parte integrante delle abitudini degli italiani. A dimostrarlo è principalmente la crescita a due cifre degli acquisti da remoto e smartphone che, solo nell’ultimo anno, ha raggiunto un incremento del 15%, per un valore di oltre 31,5 miliardi di euro (Fonte: Osservatorio e-commerce B2C-Consorzio N (continua)

Roma International Estetica avvia la collaborazione con Aideco

Roma International Estetica avvia la collaborazione con Aideco
  La formazione a Roma International Estetica è da sempre uno dei temi più importanti e distintivi. La manifestazione è pensata per operatori della bellezza, nel contempo altamente fruibile dal grande pubblico di appassionati e interessati, grazie a un modello altamente performante. Qui, infatti, esperti qualificati e personaggi che hanno fatto la storia dell’estet (continua)

Emme Più lancia la promozione NUTRIFRESH™

Emme Più lancia la promozione NUTRIFRESH™
  L’accresciuta attenzione dei consumatori per la salute e la qualità del cibo, sta cambiando le abitudini degli italiani. Secondo le ultime ricerche statistiche, (fonte Doxa - Gruppo Elior con Istituto SocioVision) oltre 18 milioni di italiani consumano i pasti fuori casa, soprattutto per motivi di lavoro e per il 48% la pausa del pranzo è un modo per ricaricarsi con un (continua)

Scienze Cosmetologiche: al via i test d’ingresso

Scienze Cosmetologiche: al via i test d’ingresso
  Il 6 settembre si terranno i test d’ingresso al Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Cosmetologiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma   Il settore della cosmetologia è in continua crescita. La dimostrazione arriva da i dati elaborati da Cosmetica Italia che ha calcolato che il valore del mercato cosmetico in Italia è di circa 11, (continua)

Verso “Estetica 2020”: il futuro dell’estetica a prova di epidermide

Verso “Estetica 2020”: il futuro dell’estetica a prova di epidermide
  Roma International Estetica 2020, evento ideato e organizzato da Fiera Roma, svela i primi appuntamenti in agenda e lo fa attraverso uno dei suoi pilastri fondamentali, quello culturale-informativo. Il fil rouge tematico delle tre giornate sarà l’affascinante scienza che studia come l’ambiente che ci circonda, le abitudini di vita e la storia individuale, influenzino l& (continua)