Home > Arte e restauro > Grandi apprezzamenti in Biennale Milano per Matteo Fieno

Grandi apprezzamenti in Biennale Milano per Matteo Fieno

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Grandi apprezzamenti in Biennale Milano per Matteo Fieno


L'artista Matteo Fieno ha partecipato alla prestigiosa Biennale Milano con un circuito selezionato di sei opere di grande impatto comunicativo. Fieno si riconferma nella sua qualificante valenza espressiva anche in questo importante evento di portata internazionale. La dottoressa Elena Gollini ha così commentato "La pittura di Matteo si orienta alla libera esplorazione della realtà, del mondo circostante declinato al femminile che permette di trovare idee e pensieri da sviluppare, riflessioni da condividere. L'istanza di conoscenza del reale diventa una forma di meditazione metafisica e metastorica di studio e di sintesi del dato esistenziale ed esperienziale. La costruzione narrativa ottiene ottime soluzioni di immediata resa attraverso il filtro dell'immaginario, che conferisce un taglio scenico eterogeneo e risulta incisivo ed efficace nella funzionalità comunicativa. La composizione dei piani sequenziali lascia emergere più livelli di percezione e di rielaborazione mentale compresenti insieme: la realtà, l'intuizione, l'immaginazione. La rappresentazione è concepita come rievocazione iconica con codici sottesi, che vanno oltre l'impatto visivo ed estetico e sollecitano un'indagine e uno scandaglio approfonditi. L'impianto narrativo rimanda ad una finalità che va decifrata e recepita all'interno di un disegno progettuale sempre ben studiato e ponderato in ogni fase. La forza espressiva d'insieme risiede nell'intersezione scenica dei vari piani strutturali che si armonizzano in equilibrio bilanciato. Assemblando e accorpando insieme forme, figure, segni e colori delinea una dimensione sospesa senza tempo calata in un'atmosfera metafisica che aumenta le suggestioni visionarie e intercetta da subito l'occhio curioso dell'osservatore. Collega e lega saldamente tradizione e innovazione all'insegna di una pittura d'impronta attuale, basata su una sperimentazione moderna. La sua arte possiede una matura e consolidata coerenza stilistica e concettuale e acquista valore tangibile come processo simbolico di testimonianza diretta nella diffusione di elevati valori, che affiorano sulla superficie bidimensionale e prendono vita animati da vibranti profondità psichiche".


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/matteo-fieno/


matteo fieno | fieno | artista | artisti | italia | italiano | mostra | collettiva | donna | donne | femminilità | art | art | artisti | arte contemporanea | mostra | esposizione | opera | opere | quadro | quadri | elena gollini | art blog | gollini | exhibition | works | biennale milano | milano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

In Carnia_Tutti sullo Zoncolan per la fienagione


Grande successo per la mostra Pro Biennale di Vittorio Sgarbi inaugurata a Venezia con tanti amici vip e talentuosi artisti internazionali


Matteo Fieno inaugura la sua personale a Milano con ospiti di spicco


Milano Art Gallery celebra la donna con Matteo Fieno e la sua personale Declinazioni al femminile


Valeria Empoli e Matteo Nocera vincono la 24 Ore Telethon a Lavello


Matteo Fieno in Fiera Arte Genova con l'Associazione Culturale "Varaggio Art"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessandro Giordani: inconfondibile vena performativa

Alessandro Giordani: inconfondibile vena performativa
Il pittore Alessandro Giordani muovendosi al meglio nell'ambito del panorama artistico attuale garantisce un proprio personale spazio espressivo ben distinguibile e inconfondibile con una vena performativa molto apprezzabile. La Dott.ssa Elena Gollini, che lo ha inserito nel circuito selezionato del suo blog www.elenagolliniartblogger.com, nonché nella piattaforma web di mostre online da le (continua)

Federico Colli: pittura smart e inedite digressioni figurali

Federico Colli: pittura smart e inedite digressioni figurali
La pittura di Federico Colli è definibile con il termine moderno di “smart” in quanto racchiude il corollario di significati di questo termine così diffusamente utilizzato e attuale nella sua propagazione. Infatti, è una pittura attiva e brillante, di tendenza contemporanea e al passo con i tempi odierni, ma altresì anche raffinata, elegante, stilosa, ricercata. È senza dubbio un paradigma d (continua)

Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum
Massimo come proprietario e possessore unico del blocco, si è messo davanti in prima persona e in prima linea, per ottenere l'ambito traguardo di fare conoscere il blocco prodigioso e consentire all'opinione pubblica di goderne appieno. Cogito ergo sum. Penso dunque sono è la famosa citazione dell'illustre maestro filosofo Cartesio tramandata secula seculorum. Questa frase si può ricondurre e ricollegare all'essenza sostanziale costitutiva del “Marmo dai 1000 volti” un blocco-capolavoro di eccelsa ed eccellente bellezza naturale, che ha origini dalla preziosa breccia medicea ed è stato scoperto nelle cave di Seravezza. Il b (continua)

La pittura di Roberto Re diventa arte da indossare

La pittura di Roberto Re diventa arte da indossare
"Mi considero un artista, con l'unica differenza che le mie creazioni si indossano, non si appendono al muro” (Roberto Cavalli). “La moda è prima di tutto l'arte del cambiamento” (John Galliano). “Ciò che viene prima è la forma, poi la materia che esprime i volumi, la fluidità, il languore. Infine il colore come elemento finale fondamentale” (Pierre Cardin). Queste tre citazioni illustri di (continua)

Davide Romanò poeta-pittore dell'immagine e del colore

Davide Romanò poeta-pittore dell'immagine e del colore
 Davide Romanò è un artista-poeta, il pittore dell'immagine e del colore, del sentimento e del pathos, della vocazione-missione creativa portata avanti con la forza di un gladiatore combattente in mezzo all'arena, pronto a sfidare chiunque per ergere sempre più in alto il vessillo dell'arte. Romanò non ha bisogno di amplificare ed enfatizzare i motivi e i contenuti delle immagini evocate (continua)