Home > Festival > La zebra e lo scienziato al festival della Tecnologia a Torino

La zebra e lo scienziato al festival della Tecnologia a Torino

scritto da: Andrea.gentili1a@libero.it | segnala un abuso

La zebra e lo scienziato al festival della Tecnologia a Torino


In scena nell’ambito del Festival della Tecnologia, presso il Politecnico di Torino, lo spettacolo “La zebra e lo scienziato”, la cui drammaturgia e regia sono curati da Valeria Freiberg, direttrice artistica dell’Associazione Ariadne / Compagnia Teatro A. La pièce sarà rappresentata il 9 novembre alle ore 21. Lo spettacolo è ispirato alla vera e appassionata storia di vita e d’amore tra Laura e Gustavo Colonnetti, noto ingegnere e matematico, che è stato tra l’altro Direttore proprio del Politecnico dal 1922 al 1925. La storia si svolge sullo sfondo di una Torino dei primi anni del Novecento. La Zebra e Lo Scienziato è un'operazione audace che narra, attraverso la storia dei due protagonisti, lo spirito che anima l'Italia alla fine degli anni '20, mentre si prepara al cambiamento, allo sprofondare nelle viscere della Repubblica Sociale. Suscita il più vivo interesse per gli aspetti culturali fra guerra e dopoguerra, mettendo in luce una viva e intensa emozione. È lo spunto per una riflessione più ampia su una pagina cruciale della nostra storia nazionale, che tratta tematiche più ampie: dal razzismo alla xenofobia, evidenziando meccanismi sociali e culturali, che vi stanno alla base e rendendola un’occasione di più ampia consapevolezza. Si fa rivivere nel pubblico il ricordo di due persone straordinarie, aprendosi contemporaneamente alla Storia tramite la contrapposizione fra la “disumanità” dell'oblio e la comprensione emotiva dell'irripetibilità del singolo destino umano. Afferma la regista Valeria Freiberg: “Il peggior contenitore della memoria storica è la memoria umana. Il più bel contenitore della memoria storica è la celluloide. Abbiamo voluto trovare un mezzo per attivare un meccanismo della memoria condivisa e convissuta. Abbiamo voluto "alleggerire" la recitazione degli attori trasferendo l'accento del conflitto scenico sullo schermo. Abbiamo tolto l'apparenza "monumentale" dalle vite dei nostri personaggi per poter creare un dialogo diretto con il tempo che scorre. Abbiamo voluto parlare di loro in modo "antibiografico" senza creare una trama, ma raccogliendo degli ingredienti necessari per uno stato d'animo condivisibile al di fuori delle regole generazionali, storiche o sociali. Abbiamo voluto ascoltare, insieme al pubblico, la voce della memoria”. ASSOCIAZIONE ARIADNE - TEATRO “A” L’Associazione Ariadne - Teatro “A” è il cammino artistico di una compagnia teatrale storica che in cinqua anni ha intrattenuto e affascinato per lunghi anni le platee italiane e non solo. Nasce nel 1969 a Catania nel Teatro Angelo Musco come
“La compagnia Sociale di Arnaldo Ninchi”; da importante compagnia privata di teatro e di prosa si trasforma, nel 2004, nell'Associazione culturale Ariadne, lasciando immutato, però, l'animo stesso dell'impresa iniziale: l'emozione per il teatro e la grande attenzione per il proprio pubblico. Nel 2012 i giovani attori dell’Associazione Ariadne - con la direzione artistica della regista Valeria Freiberg - formano la Compagnia Teatro “A”, che è un gruppo di lavoro e di ricerca con l’obiettivo di elaborare in modo paradigmatico il percorso artistico e culturale dell'Ariadne, riassumendone le direzioni di ricerca messe a punto negli ultimi anni. La Compagnia Teatro A si occupa esplicitamente delle arti sceniche contemporanee, concentrando l'attenzione soprattutto sull'arte dell'attore e sulla ricerca nell'ambito teatrale. Nel corso degli anni ha collaborato attivamente con tutto il territorio nazionale e con alcune delle realtà istituzionali e sociali più significative; fra cui il progetto della Regione Lazio “Io Leggo”, AGIScuola, Save the Children Italia, FlyingTiger (Copenhagen), Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Il MiBACT. Il percorso professionale ha portato la Compagnia Teatro "A" ad affiancare ed approfondire un lavoro artistico ed un impegno culturale concreto e progettuale, con una costante attenzione all’incessante evoluzione del panorama culturale e teatrale europeo ed italiano. LA ZEBRA E LO SCIENZIATO di e da L. Colonnetti e G. P. Chiorino
 drammaturgia e regia Valeria Freiberg
 con Cristina Colonnetti e Giacomo De Rose 9 novembre ore 21 POLITECNICO DI TORINO – AULA MAGNA Corso Duca degli Abruzzi, 24 Info 3313584190

tecnologia | festivaltorino | zebraescienziato |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nuovi arrivi di stampanti Zebra sull'e-commerce Snapweb, sconti vantaggiosi sui modelli GC420


Alla ricerca del “paradiso” con la XXIV edizione di ISAO Festival (Il Sacro attraverso l’ordinario)


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo Altruismo e cooperazione in Pëtr A. Kropotkin


STABAT MATER


#SENZAFESTIVAL - Il 28 febbraio alle 18 un evento per sottolineare l'importanza e il valore dei festival e dei contest italiani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Grande Storia raccontata ai ragazzi: “Ascolta Israele “ al teatro Cometa Off

La Grande Storia raccontata ai ragazzi: “Ascolta Israele “ al teatro Cometa Off
La Compagnia Teatro A e Valeria Freiberg; raffinata regista, mettono in scena uno spettacolo che l’Associazione “Ariadne” propone dal 28 al 31 gennaio al teatro Cometa Off in occasione della celebrazione del giorno della memoria: “ Ascolta, Israele “, una narrazione documentaristica, un tentativo artistico di trovare un’identificazione della realtà scenica con la realtà storica. Sulla scena sp (continua)

Cocktail per tre, con Franco Oppini al Teatro Marconi di Roma il 23 gennaio

Cocktail per tre, con Franco Oppini al Teatro Marconi di Roma il 23 gennaio
Rientra Franco Oppini con un Giovedì 23 gennaio ’20 alle ore 21.00 al Teatro Marconi debutterà in prima nazionale, rappresentato per la prima volta in Italia lo spettacolo “Cocktail per tre” (nel titolo originale Caprichos) per la regia di Marco Belocchi, tradotto da Pino Tierno. In scena Franco Oppini, Miriam Mesturino e Marco Belocchi. Cocktail per tre (nel titolo originale Caprichos) è una (continua)

Marilù Manzini si presenta anche come regista a Capri Hollywood 2019

Marilù Manzini si presenta anche come regista a Capri Hollywood 2019
Marilù S. Manzini è una scrittrice di successo, pittrice, scultrice, fotografa e, recentemente, regista di un film, in uscita nei prossimi mesi, tratto da un suo noto libro: “Il Quaderno Nero dell’Amore” della Rizzoli che ha costituito un vero e proprio “casus editoriale “ con oltre 100.000 copie vendute; la Manzini è anche autrice di un altro successo editoriale: “Io Non Chiedo Permesso”. Dopo (continua)

"IO SENZA TE...TU SENZA ME" di Mariangela Petruzzelli al Teatro Studio Keiros


Nell’ambito del Festival “ Il teatro che non c’era, ho bisogno di sentimenti” che si svolgerà fino al prossimo 15 dicembre al Teatro Studio Keiros, Mariangela Petruzzelli rappresenterà, in prima nazionale, ( interpreti Carmen Piccolo e Tiziano Ferracci ), la sua ultima fatica: “ IO SENZA TE… TU SENZA ME “. E’ uno spettacolo di parola intimo ed intenso, frutto di una drammaturgia lineare e “senti (continua)

Lanciato il progetto “ Umbria Charme “per una vacanza di lusso in Umbria

Lanciato il progetto “ Umbria Charme “per una vacanza di lusso in Umbria
Il progetto Umbria Charme prende forma dalla volontà di UmbriaBenessere e Umbria Convention & Events Bureau di creare, per il turista più esigente e attento, una casa lontano da casa, dove il concetto di hotel sparisce per lasciare spazio ad un’accoglienza familiare. Attenzione al dettaglio, capacità di emozionare e di offrire un’esperienza davvero irripetibile sono, però, le parole d’ordine delle (continua)