Home > Cultura > Passare dalla marijuana a droghe più pericolose: mito o realtà?

Passare dalla marijuana a droghe più pericolose: mito o realtà?

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Passare dalla marijuana a droghe più pericolose: mito o realtà?

Analizziamo qualche dato statistico per mettere un po’ di ordine sul soggetto della marijuana e del passaggio alle droghe pesanti:

  • Il 70% dei tossicodipendenti ha cominciato dalla marijuana;
  • Chi usa la marijuana, ha il triplo della probabilità di fare uso di eroina in futuro;
  • Un terzo di chi usa marijuana, fa uso di altre sostanze stupefacenti.

Ognuno può trarre da questi dati le sue personali conclusioni. Questi dati sono stati forniti dal dipartimento USA di “Health nd Human Services”, relativi al 2013.

Il motivo per cui dalla marijuana è facile passare ad altre droghe, ci viene spiegato nella sua semplicità da uno studente del terzo anno di scuola superiore, tossicodipendente, che ovviamente cuole rimanere anonimo: “c’è chi si accontenta di fumare erba (marjuana), chi fumo (hashish) e chi non si accontenta più e per ‘steccarsi’ ha bisogno di qualcosa di più pesante e l’eroina è sicuramente la più utilizzata. E’ normale che molti arrivino ad usare qualcosa di più potente: se uno è abituato a fumarsi canne dalla mattina alla sera, come fanno in molti, prima o poi ha bisogno di qualcosa di più perché finisce per abituarsi e non sente più l’effetto che sentiva le prime volte”.

Lo studente continua: “A scuola da me siamo in molti a fumare (droghe) durante il giorno, lo si fa per strada, nei bagni di scuola, a casa, da soli o con amici. Io mi faccio solo canne e quando sono proprio tante arrivo ad un massimo di 5 o 6 al giorno e 10 al fine settimana, ma ci sono ragazzi che ne fumano tranquillamente più di 20 al giorno. Non riescono a stare senza. Questi è logico che prima o poi passino a qualcosa di più pesante.”

La marijuana contiene molte sostanze dannose e tossiche, la più nota è il THC, un allucinogeno. Le statistiche e le ricerche scientifiche (King’s College Londra e altri) parlano chiaro: il consumo giornaliero di cannabis comporta un rischio di psicosi tre volte superiore a chi non la usa. E se il THC, l’allucinogeno contenuto nella cannabis, è sopra il 10% (lo è quasi sempre), il rischio di psicosi è di cinque volte superiore.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale nessuno debba mettere a rischio la propria vita: né i trafficanti né gli utilizzatori. Lo scopo ultimo è che la droga non costituisca più una piaga sociale.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, consapevole dei rischi che corre, non accetterà di provare droghe per quanto siano falsamente etichettate come “light”.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | marijuana | cannabis | spinello |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marijuana, una via verso l'abuso di droghe


La gestione delle sostanze chimiche pericolose nel comparto sanitario


Marijuana: verso l'abuso di droghe


La piccola sportiva italiana


ADR TRASPORTO MERCI PERICOLOSE: regole fondamentali


DuPont partner di EU-OSHA per promuovere una gestione più sicura delle sostanze pericolose


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Whitney Houston, Bobbi Kristina e Nick Gordon, vittime della droga

Whitney Houston, Bobbi Kristina e Nick Gordon, vittime della droga
Nel 2012 il mondo intero pianse la morte di Whitney Houston, trovò la morte nella vasca da bagno della Suite 434 del Beverly Hilton Hotel, a Hollywood. Accanto alla vasca una bottiglia di Champagne, e un cucchiaio con una sostanza bianca, probabilmente cocaina. Il referto dell’autopsia parla di morte a causa di overdose di droghe, farmaci e alcool. Era noto che la cantante abusava di (continua)

Droga e suicidio, un binomio tragicamente connesso

Droga e suicidio, un binomio tragicamente connesso
Emanuele Ghidini, morto suicida nel 2013 dopo aver assunto LSD. Partecipò ad una festa, assunse LSD e comincio a percuotersi la testa con un manubrio da palestra dicendo “Voglio morire”. Di lì a poco, la notte stessa, si suicidò buttandosi in un fiume. Casi come quello di Emanuele non sono rari, la maggior parte delle droghe (incluso la marijuana attualmente in co (continua)

Spaccio di eroina nel parco delle Cascine a Firenze

Spaccio di eroina nel parco delle Cascine a Firenze
Non è una novità che alle Cascine si spacci la droga: nei decenni scorsi sono stati numerosi i casi di overdose anche mortali sotto le fronde degli alberi secolari del parco. In questo caso si tratta di un sequestro di eroina, hashish e marijuana: uno spacciatore fiorentino stava cedendo una dose di eroina ad un ragazzo italiano. Durante lo stesso blitz sono stati anche segnalati pe (continua)

Festini a base di Ayahuasca, la droga allucinogena degli sciamani

Festini a base di Ayahuasca, la droga allucinogena degli sciamani
Letteralmente “Liana degli spiriti” o “Liana dei morti”, la droga Ayahuasca si estrae da varie piante amazzoniche ed ha potenti effetti allucinogeni. Tradizionalmente viene usata dagli sciamani delle popolazioi indigene dell’Amazzonia a scopi magici e terapeutici. Verso la fine del scolo scorso si è diffusa anche nel mondo occidentale grazie a ricerche accademi (continua)

Si diffonde anche in Italia lo “Shaboo”, metamfetamina di origine orientale dagli effetti devastanti

Si diffonde anche in Italia lo “Shaboo”, metamfetamina di origine orientale dagli effetti devastanti
Si tratta di un fortissimo eccitante, che impedisce di dormire per diversi giorni. È 10 volte più forte della cocaina e dà dipendenza fin dal primo utilizzo. Quando passa l’effetto, ecco che lo Shaboo chiede di pagare il conto: ansia, tensione, irritabilità, pensiero e comportamento irrazionale, perdita di appetito, insonnia, sensazione di esaltazione, sbalzi di u (continua)