Home > Cultura > Droga e potere

Droga e potere

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Droga e potere


Il medico personale di Hitler, Theodor Morell, somministrava al Fuhrer il “Vitamultin”, spacciandolo come complesso vitaminico, in realtà contenente metamfetamine. Durante il suo rapporto professionale con Hitler gli somministrò una lista interminabile di differenti sostanze stupefacenti, dalla cocaina all’ossicodone, dalla belladonna alla stricnina.

Stalin, a parte la passione per la vodka e i vini georgiani, possedeva un kit personale di “pronto soccorso” contenente cocaina, morfina, codeina, efedrina. Nel 1944 il suo medico personale, prof. Vinogradov, gli aveva prescritto “gocce di cocaina in ogni narice ogni due ore”.

A John Fitzgerald Kennedy, il dott. Kelman (successivamente raiato dall’ordine dei medici) prescriveva Demerol (narcotico), Librium (ansiolitico), Valium (sedativo), Procaina (anestetico), sonniferi per dormire, amfetamine per svegliarsi. Un cocktail micidiale di psicofarmaci che arrivava fino a 8 diversi prodotti al giorno.

Winston Churchill si procurava tramite il dott. Clark uno sciroppo alla cocaina. La famiglia di banchieri Rothschild acquistava regolarmente eroina, cocaina e oppio.

Questi dettagli non sono spesso ricordati quando si tracciano le biografie di questi personaggi famosi e potenti. Indipendentemente dal ruolo di “buono” o “cattivo” che abbiano rivestito nella storia, c’è da chiedersi se fossero lucidi quando prendevano delle decisioni determinanti per il futuro dell’umanità.

La Chiesa di Scientology ha sempre professato l’astensione da qualsiasi tipo di droga, dato che si tratta di sostanze tossiche che, in misura maggiore o minore, danneggiano il corpo e la mente, e di conseguenza la vita di un individuo e di tutti quelli che gli stanno intorno.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nel fare prevenzione nelle scuole, in stretta collaborazione con le forze dell’ordine. Polizia, Carabinieri e altri corpi possono avvalersi dei materiali informativi di “Un Mondo Libero dalla Droga” per dare forza e valore ai loro sforzi di contrasto ai traffici di morte portati avanti dai criminali. Solo dando un colpo mortale alla domanda di stupefacenti si potrà vincere la guerra.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti, incluso le droghe da stupro. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | cocaina | Hitler | Kennedy | Stalin | Churchill |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FRANCESCO SFORZA: L’IMPRESA DEL POTERE


Francesco Sforza: l’impresa del potere (scheda)


Mondo Libero dalla Droga a Cascina


DOPO L’ECCELLENTE RISULTATO DELLA PRIMA EDIZIONE RITORNA AD ABANO TERME LA MOSTRA “DICO NO ALLA DROGA”


LA NUOVA MINORANZA È LA MAGGIORANZA DELLE PERSONE – di Fabrizio Politi


PIZZIGHETTONE 1500: GUERRE, SCANDALI, POTERE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tesla, l’Ecstasy potenziata che arriva dall’Olanda

Tesla, l’Ecstasy potenziata che arriva dall’Olanda
Vi ricordate Achille Lauro e la sua canzone sulla “Rolls Royce”? Ora c’è una nuova droga chiamata “Tesla”, una Ecstasy potenziata che allude alle supercar elettriche americane. A Sanremo 2019 ci furono un sacco di polemiche attorno alla canzone “Rolls Royce”, brano che allude chiaramente a un tipo dello stupefacente Ecstasy, chiamato appunto Rolls Royce. Ecco che un nuovo tipo di Ecstasy è stato nominato “Tesla”, dal nome delle note e costose auto elettriche americane. Si tratta di una pasticca arancione di forma triangolare, con contenuto di MDMA (la sostanza ch (continua)

Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!

Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!
Una donna aveva nascosto delle dosi di droga nel biberon del figlio per evitare che la droga fosse scoperta durante una perquisizione dei carabinieri. È noto che la droga non porta a comportamenti responsabili, non ci si deve quindi stupire se una madre arriva a concepire come nascondiglio per la cocaina il biberon del figlio. Nell’episodio in questione, avvenuto nei dintorni di Bologna, la donna e due uomini che erano con lei hanno aggredito i militari dell’Arma che sono finiti in ospedale con 7gg di prognosi. Questa notizia fa da spunto (continua)

Amnesia, la nuova marijuana

Amnesia, la nuova marijuana
Una nuova incarnazione della marijuana, detta “Amnesia”, causa pericolosi problemi di memoria oltre a creare dipendenza e altri micidiali effetti collaterali. Da sempre si beve alcool per “dimenticare” i problemi. Ecco che nuovo tipo di marijuana, detta “Amnesia”, causa vere e proprie amnesie oltre che problemi neurologici inaspettati per una varietà della cannabis. L’Amnesia viene infatti “potenziata” con aggiunta di metadone, eroina o altre sostanze chimiche di sintesi, e questo la rende assai più pericolosa. Come per la maggior parte delle nuo (continua)

A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus

A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus
L’attenzione dei media si focalizza sulla situazione sanitaria, ma i giovani continuano a morire nel silenzio e senza che ci sia la percezione di nessuna emergenza. Mentre la gente di Memphis (Missouri) sta a casa per il lockdown, e se esce sta bene attenta ad indossare la mascherina, nessuno parla delle morti per overdose di droga. Una crisi continua a dimenticata, vittime dell’abuso di stupefacenti legali e illegali.Nella contea di Shelby, quasi interamente occupata dalla città di Memphis (650.000 abitanti) ci sono stati 750 casi di overdose nella settimana (continua)

Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani

Anche a Washington si combatte per i Diritti Umani
Travis Ellis diffonde la conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Il tasso di omicidi della capitale USA, Washington, è più che raddoppiato in soli quattro anni, spingendo i leader cittadini a definire la situazione come "emergenza". Tuttavia, l'arresto dei trasgressori non è sufficiente, dato che la metà di quelli che vengono rilasciati finisce di nuovo dietro le sbarre entro tre anni. Questi ex carcerati spesso non riescono a trovare un alloggio o un lavo (continua)