Home > Economia e Finanza > Decreto Cura Italia, la bocciatura di Union-PMI: "non salva la nostra economia"

Decreto Cura Italia, la bocciatura di Union-PMI: "non salva la nostra economia"

scritto da: Paola.chiodi | segnala un abuso

Decreto Cura Italia, la bocciatura di Union-PMI:


 Interventi importanti ma non lineari quelli adottati dal governo per salvare la nostra economia, in un momento di profonda crisi per via dell’emergenza sanitaria del Coronavirus, attraverso il decreto Cura Italia. Lo sostiene il Presidente di Union-PMI, Pasquale D'Alena che con determinazione evidenzia le urgenti necessita delle micro e piccole imprese.

Un’attenzione che questa volta deve essere rivolta principalmente proprio a quella fetta dell’economia italiana che sarà più vicina al collasso “definitivo e irreversibile”.

“Per salvare l’Italia – ha dichiarato D’Alena -  bisogna salvare il ciclo produttivo. Vanno fatte scelte semplici e chiare:

Rinviare tutte le scadenze al 31/05/2020 senza alcuna differenziazione. Con un Decreto successivo indicarne le modalità di “godimento” del rinvio a seconda dei settori merciologici maggiormente colpiti.

Introdurre la cassaintegrazione unica per tutte le regioni, con gli stessi obblighi e diritti, prevedendo il pagamento della stessa direttamente dallo Stato.

Immettere direttamente liquidità alle imprese. Lo stato faccia da garante verso cassa e depositi e prestiti. Alle aziende venga erogata direttamente una liquidità mensile per garantire esclusivamente i pagamenti dei dipendenti. In sede successiva venga deciso sulla base della durata della crisi, modi e tempistiche del finanziamento ottenuto, prevedendo un benefit per le aziende che hanno continuato a mantenere il loro status produttivo e di assunzioni di dipendenti”.

“Bisogna essere esclusivamente orientati al mantenimento del ciclo produttivo - ha concluso il Presidente di Union-PMI - l’Italia deve continuare a produrre, bisogna uscire dalla crisi già in condizioni di farlo. Trasformiamo l’assistenzialismo in solidarietà, creiamo sostegni proattivi e non passivi, le strutture centrali, finanziarie e governative devono concentrarsi sui cicli produttivi. Per una volta non parliamo il politichese, ma tutti insieme orientati alla nostra Italia”.

economia | finanza | unionpmi | pmi | decreto | curaitalia | cura | italia | coronavirus |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La partnership tra Best Union ed Expert System rende più facile la fruizione di eventi e parchi divertimento


Fulvio Campagnuolo (Pmi Campania): "Pronta un’ “Agenda-Caserta”: individuate 10 priorità"


Ergastolo bancario: Union Pmi lancia una raccolta firme per condonare arretrati di 5 rate


Salute e sicurezza sul lavoro nel “decreto del fare”


“Metodo enB” l’unico sistema che garantisce ogni piccola e media impresa nell’acquistare energia al prezzo riservato ad una azienda dai grandi consumi.


Il Server Load balancer, le PMI e il canale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una vera e propria chiave per accedere a tutte le soluzioni per imprese in difficoltà. Il suo nome è Aetika e si tratta di un fondo al 98%, studiato per favorire progetti imprenditoriali ed istituito da Union PMI, la con

Una vera e propria chiave per accedere a tutte le soluzioni per imprese in difficoltà. Il suo nome è Aetika e si tratta di un fondo al 98%, studiato per favorire progetti imprenditoriali ed istituito da Union PMI, la con
Dalla confederazione nazionale di piccole e medie imprese, union pmi, nasce il primo fondo al 98%, una novità per il mondo della finanza ed un reale sostegno per le pmi Una vera e propria chiave per accedere a tutte le soluzioni per imprese in difficoltà. Il suo nome è Aetika e si tratta di un fondo al 98%, studiato per favorire progetti imprenditoriali ed istituito da Union PMI, la confederazione delle piccole e medie imprese. Qualcosa di unico, finora inesistente nel mondo della finanza e in quello di supporto alle imprese: per la prima volta un sostegno (continua)

Ergastolo bancario: Union Pmi lancia una raccolta firme per condonare arretrati di 5 rate

Ergastolo bancario: Union Pmi lancia una raccolta firme per condonare arretrati di 5 rate
  Una raccolta firme per condonare arretrati di 5 rate, con una differenza minima di 5 mila euro, sul prestito di 25 mila previsto dal decreto per le imprese. Così, gli imprenditori ritornerebbero in bonis nel sistema creditizio, ricominciando ad operare con gli istituti di credito, secondo Union Pmi.   16 milioni di italiani segnalati nelle banche dati. 6 milioni di italiani (continua)