Home > Informatica > Coronavirus, ospedali sotto attacco hacker. Ecco le precauzioni da adottare per tenere in sicurezza i sistemi informatici

Coronavirus, ospedali sotto attacco hacker. Ecco le precauzioni da adottare per tenere in sicurezza i sistemi informatici

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

Coronavirus, ospedali sotto attacco hacker. Ecco le precauzioni da adottare per tenere in sicurezza i sistemi informatici


In questo delicatissimo momento di lotta al Coronavirus in Italia e nel mondo, c’è purtroppo chi prende di mira i sistemi informatici di ospedali e strutture sanitarie, già provate dalla grande situazione di emergenza; in Italia è stato confermato l’attacco all’ospedale Spallanzani di Roma, mentre già  venerdì 13 Marzo l’ospedale universitario di Brno nella Repubblica Ceca, che è anche un centro di test per il coronavirus, ha dovuto affrontare un attacco ransomware che ha paralizzato i suoi computer.

In questo momento gli ospedali hanno ovviamente altre priorità e non sono necessariamente i più sensibili alle minacce informatiche, ma un attacco in questo momento può avere per loro conseguenze ancor più disastrose del solito.

A questo proposito gli esperti di Avast indicano le precauzioni che gli ospedali possono adottare per rafforzare le proprie difese, proteggendo i loro sistemi, i dati dei pazienti e le varie procedure.

Mantenere aggiornato il software e il sistema operativo

Lo ha già insegnato WannaCry, il ransomware che nel maggio 2017 ha attaccato milioni di computer in tutto il mondo e numerose strutture sanitarie sfruttando una vulnerabilità per la quale Microsoft aveva rilasciato una patch due mesi prima dell’attacco di massa. È assolutamente fondamentale mantenere sempre aggiornati tutti i software e i sistemi operativi. Microsoft distribuisce continuamente patch di emergenza tra cui ultimamente EternalDarkness, una patch per una vulnerabilità critica di Windows 10 che colpisce il protocollo SMB utilizzato per condividere i file; si tratta dello stesso protocollo sfruttato per diffondere WannaCry tre anni fa. Microsoft ha invitato gli utenti ad agire immediatamente per applicare l’aggiornamento e le strutture sanitarie dovrebbero accogliere questo invito e applicare immediatamente la patch.

Limitare l’accesso ai sistemi informatici ospedalieri

Gli ospedali dovrebbero cercare di sospendere tutti i servizi disponibili direttamente da Internet per gli utenti finali e gli amministratori IT dovrebbero considerare una whitelist rigorosa quando si tratta di file eseguibili, in modo che solo le applicazioni conosciute e affidabili possano essere eseguite sui computer della struttura sanitaria.

Formazione sulla sicurezza digitale

Il personale ospedaliero dovrebbe essere informato delle attuali truffe e tattiche utilizzate dai criminali informatici; le e-mail rimangono anche in questo momento il vettore d’attacco preferito dai criminali informatici e i dipendenti devono diffidare di messaggi provenienti da mittenti sconosciuti. In particolare dovrebbero evitare di fare clic su qualsiasi collegamento o scaricare eventuali allegati a meno che non siano sicuri al 100% della loro provenienza e affidabilità.

Backup regolare di tutti i dati importanti

È necessario eseguire regolarmente il backup di documenti importanti, comprese le cartelle cliniche dei pazienti, per garantire che gli ospedali dispongano sempre di una versione pulita dei loro file, qualora vengano insidiati da malware come i ransomware e quindi crittografati. Per ogni evenienza è meglio salvare i dati sia nel cloud che su una memoria fisica. Inoltre, può essere molto utile disporre di una singola immagine con tutte le impostazioni predefinite quando un PC deve essere ripristinato a uno stato ottimale.


Fonte notizia: https://blog.futuretime.eu/2020/03/ora-piu-che-mai-gli-ospedali-hanno-bisogno-di-proteggersi-dai-virus-digitali/


Avast | coronavirus | ospedali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Attacchi web: la “guida alla sopravvivenza” di Imperva


Jabra: quello che la maggior parte delle aziende dimentica quando si tratta di cyber security


Sicurezza prima di tutto


Attacchi informatici e industria dei trasporti: 4 possibili scenari meno futuri di quanto si pensi


Emergenza Coronavirus: ospedali religiosi in prima linea, più di 100 medici contagiati. “Fare chiarezza sulla Sanità Privata”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Le sfide del lavoro da remoto: Quali sono le misure che gli imprenditori devono adottare per mantenere alta la produttività del proprio team?

Le sfide del lavoro da remoto: Quali sono le misure che gli imprenditori devono adottare per mantenere alta la produttività del proprio team?
Per alcuni il ritorno in ufficio è ormai alle porte ma per i più lo smart working continuerà ancora per molto L’improvviso stop imposto dalla pandemia ha trovato molti imprenditori impreparati nel portare avanti il business da casa e anche per coloro che avevano già maturato una certa esperienza nel gestire le attività lavorative da remoto, farlo in maniera così totalizzante e continuativa può essere molto sfidante.Le difficoltà del lavoro da casaMolti dei capi in azienda sono persone estremamente at (continua)

Avast: crescono le minacce informatiche legate alle e-mail

Avast: crescono le minacce informatiche legate alle e-mail
Il 90% di tutte le violazioni di un’azienda riguardano le e-mail e sempre il 90% di tutti gli attacchi malware vengono veicolati attraverso la posta elettronica. Cosa si può fare per proteggere la propria azienda o il proprio account? Ce lo dicono gli esperti di Avast Le e-mail sono una parte così integrante della vita quotidiana che tendiamo a dimenticare, o semplicemente ignorare, che si tratta della più grande minaccia alla sicurezza informatica. Infatti il 90% di tutte le violazioni di un’azienda riguardano le e-mail; il 90% degli attacchi avvenuti con successo coinvolge lo spear phishing (email truffa indirizzata al singolo utente) e sempre il 90% di t (continua)

Gli anziani e la tecnologia: come aiutarli a stare connessi e sicuri durante la pandemia

Gli anziani e la tecnologia: come aiutarli a stare connessi e sicuri durante la pandemia
Rimanere in contatto con i nostri cari più anziani è ancor più importante durante questo difficile momento. Ecco i consigli degli esperti di Avast per aiutarli pur stando a distanza. In questo momento storico molti di noi sono preoccupati per i nostri cari più anziani: è molto importante proteggerli dai pericoli del Covid-19 e al tempo stesso, col passare delle settimane e dei mesi, dobbiamo cercare di attenuare la loro solitudine finché non potremo rivederli. In questo senso la tecnologia può fornirci una valida risorsa poiché per molti anziani i computer e cellulari ra (continua)

Contraffatti i siti di CNN, CNBC e People Magazine per promuovere un falso libro di sopravvivenza alla pandemia

Contraffatti i siti di CNN, CNBC e People Magazine per promuovere un falso libro di sopravvivenza alla pandemia
I siti Web truffa hanno ingannato oltre 10.000 persone negli Stati Uniti inducendole a visitare un falso negozio online che vende per $ 37 un libro che invece può essere scaricato gratuitamente. Attenzione a un altro tentativo dei truffatori di sfruttare la pandemia di coronavirus, in questo caso vendendo per $ 37 un e-book che in realtà è disponibile per il download gratuito. Il titolo del libro è Pandemic Survival e contiene una raccolta di suggerimenti e consigli presumibilmente diffusi dal governo su come affrontare correttamente la quarantena raccomandando, tra le altre cose, d (continua)

Fondazione Avast: donati 25 milioni di dollari per iniziative a favore della ricerca sulla lotta al Covid-19

Fondazione Avast: donati 25 milioni di dollari per iniziative a favore della ricerca sulla lotta al Covid-19
Avast, una delle più grandi aziende al mondo di sicurezza digitale, è sempre stata guidata dalla missione di proteggere le persone e, come azienda tecnologica, è naturalmente incline alle iniziative in cui la ricerca e l'innovazione possono determinare un impatto reale nella vita di tutti i giorni. Per questo, dopo un'attenta analisi dei programmi e delle iniziative esistenti impegnati nella lotta (continua)