Home > Cultura > Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!

Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!

Una donna aveva nascosto delle dosi di droga nel biberon del figlio per evitare che la droga fosse scoperta durante una perquisizione dei carabinieri.


È noto che la droga non porta a comportamenti responsabili, non ci si deve quindi stupire se una madre arriva a concepire come nascondiglio per la cocaina il biberon del figlio. Nell’episodio in questione, avvenuto nei dintorni di Bologna, la donna e due uomini che erano con lei hanno aggredito i militari dell’Arma che sono finiti in ospedale con 7gg di prognosi.

Questa notizia fa da spunto per una riflessione sugli effetti collaterali del consumo di droga casalingo. Le vittime del traffico della droga sono infatti sempre di più i bambini e gli animali domestici. Per fare un esempio in Colorado, da quando la marijuana è stata legalizzata, sono aumentati moltissimo i ricoveri e i decessi di bambini e cani che avevano ingerito per errore torte, cioccolatini e altro cibo con alto contenuto di THC (la sostanza allucinogena e fortemente tossica contenuta nella cannabis).

Tutti questi comportamenti irresponsabili discendono da una mancata educazione e informazione dei giovani: nessun ragazzo si imbarcherebbe mai in una avventura così rischiosa come il consumo di marijuana o altre droghe se fosse veramente consapevole dei pericoli, certi, a cui va incontro.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia e migliaia di ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | cocaina | cannabis | marijuana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Design etnico e colori vibranti: arriva la nuova collezione Suavinex Couture


Nûby Zero Aria: il sistema di allattamento fisiologico e anticolica.


I 4 accessori per allattamento più utili da portare in viaggio


Dieta: Quando il tuo bambino è in sovrappeso!


LETTONE SÌ… LETTONE NO


INCOERENZA EDUCATIVA: QUALI CONSEGUENZE PER IL BAMBINO?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Purple Drank: la coloratissima droga “fai da te” che uccise il rapper che la cantava

Purple Drank: la coloratissima droga “fai da te” che uccise il rapper che la cantava
Combinando sciroppo per la tosse con bibite e dolcetti si ottiene una droga di colore violaceo che è divetata molto popolare nonostante sia, come ogni droga, assai pericolosa. Perché andare dallo spacciatore se si può semplicemente far finta di avere la tosse e comprarla in farmacia? In alcuni sciroppi per la tosse, infatti, sono presenti sostanze stupefacenti come la codeina e altri derivati dell’oppio simili alla morfina. Se lo sciroppo viene assunto nelle quantità consigliate non ha particolari effetti stupefacenti, ma se si aumenta la dose e lo si combina la sp (continua)

Musica trap e droga

Musica trap e droga
Oscar Scali noto come “Oscaritoss Way”, “influencer” e cantante “Trap”, è stato arrestato in quanto coinvolto in giro di spaccio di droga a minorenni. Il noto “Fashion Blogger” e cantante di musica “Trap” (una variante del Rap) è stato arrestato insieme ai suoi due fratelli nell’ambito dell’inchiesta dei Carabinieri di Saronno. Il blitz dell’Arma ha portato al sequestro di marijuana, hashish e cocaina, rivelando una ben organizzata banda di spacciatori. La droga veniva spacciata anche a minorenni e in occasioni di eventi come i festival (continua)

In auto con 32kg di droga e due minorenni

In auto con 32kg di droga e due minorenni
Sembra incredibile ma un trafficante di droga trasportava 32 kg di sostanze stupefacenti (marijuana) insieme alla figlia e al suo fidanzato, entrambi minori. È del tutto evidente che chi sei dedica al traffico di droga ha completamente abbandonato la strada della responsabilità nei confronti degli altri, dato che sa benissimo di commerciare in veleno che danneggerà moltissime altre persone. Non deve quindi stupire più di tanto se l’irresponsabilità criminale si spinge al punto da coinvolgere nel traffico dei soggetti minori, in questo caso la figl (continua)

Gli Stati Uniti legalizzeranno sempre più droga nei prossimi anni

Gli Stati Uniti legalizzeranno sempre più droga nei prossimi anni
La spinta psichiatrica e mediatica per legalizzare le droghe è fortissima negli USA: dopo la marijuana, si tenta con tutti i mezzi di spacciare funghi allucinogeni e LSD come “curativi”. Lo schema per legalizzare una droga è ormai noto e ben sperimentato, funziona. Un tempo chi voleva legalizzare una droga affermava che era “leggera”, cioè che non faceva poi tanto male. Adesso la strategia è cambiata, si legalizzano le droghe dicendo che “fanno bene”, o che sono “curative”. Nel caso della marijuana il Colorado ha fatto da apripista: legalizzata nel 2000 per uso medico, leg (continua)

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti
A Terni uno spacciatore tossicodipendente a venduto del metadone a due ragazzi di 15 e 16 anni, entrambi morti nel sonno. Il metadone è una droga sintetica che viene somministrata nei SerT (Servizi per le Tossicodipendenze) a chi è dipendente dall’eroina. Alcuni tossicodipendenti in “cura” al SerT, invece di assumere il metadone, lo rivendono sul mercato nero. Così si trasformano in spacciatori e si guadagnano un po’ di soldi per procurarsi l’eroina. Ecco che il cerchio si è chiuso: il SerT ha fallito, il drogat (continua)