Home > Arte e restauro > Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

Massimo come proprietario e possessore unico del blocco, si è messo davanti in prima persona e in prima linea, per ottenere l'ambito traguardo di fare conoscere il blocco prodigioso e consentire all'opinione pubblica di goderne appieno.


Cogito ergo sum. Penso dunque sono è la famosa citazione dell'illustre maestro filosofo Cartesio tramandata secula seculorum. Questa frase si può ricondurre e ricollegare all'essenza sostanziale costitutiva del “Marmo dai 1000 volti” un blocco-capolavoro di eccelsa ed eccellente bellezza naturale, che ha origini dalla preziosa breccia medicea ed è stato scoperto nelle cave di Seravezza. Il blocco è protagonista di un omonimo progetto di ricerca, intrapreso e portato avanti dal proprietario Massimo Caramia storico artigiano e artista del marmo, che attraverso la sua competenza sta portando in luce una serie di figurazioni e immagini, impresse dentro il blocco, davvero fantastiche. La Dott.ssa Elena Gollini con la sua pluriennale esperienza in materia artistica sta supportando il progetto con un lavoro promozionale fatto ad hoc e sta apportando una serie di formule di comunicazione mediatica in rete e sul web, per dare ancora più spinta. Nella sua ricerca Caramia non lascia mai nulla al caso e alla casuale improvvisazione e si affida con piena intraprendenza e determinazione ad un susseguirsi di scoperte, talvolta anche impreviste e inaspettate e quasi sconcertanti nella loro unicità esclusiva. Nel sottolineare il valido lavoro svolto alacremente da Caramia la Dott.ssa Elena Gollini ha individuato e definito le linee guida di fondamento portante, precisando: “Massimo come proprietario e possessore unico del blocco, si è messo davanti in prima persona e in prima linea, per ottenere l'ambito traguardo di fare conoscere il blocco prodigioso e consentire all'opinione pubblica di goderne appieno. Nelle sue fattezze il blocco viene curato e conservato con grande premura e viene osservato e scrutato con grande rispetto, senza mai provocare delle alterazioni e rovinarne la peculiare connotazione. Ecco, perché si mantiene integro e intatto nel suo massimo splendore! La ricerca viene condotta in fasi sequenziali, analizzando e scandagliando ogni singolo piccolo centimetro marmoreo, ogni venatura, ogni effetto chiaroscurale, ogni nervatura naturale. Quando si pone dinnanzi al suo possente blocco, Massimo ferma il tempo e intorno a lui non esiste più nulla, tutto si annulla e scompare, resta soltanto il magico marmo con la sua speciale allure incantevole, che sembra quasi muoversi e danzare sinuosamente seguendo una virtuale musicalità di sottofondo e prendendo vita plasticamente nella sua dimensione di tridimensionalità. L'effetto visivo e quello tattile si fondono insieme per dare esiti straordinari, quasi ipnotizzanti. Il blocco acquista una valenza plurima davvero comprovante, come reperto di universale pregio e prestigio”.


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/massimo-caramia/


Massimo caramia | caramia | marmo dai 1000 volti | artista | marmo | patrocinio | comune | francavilla | brindisi | carrara | pietrasanta | pietra | blocco | marmoreo | medici | mediceo | artigiano | artigiani | puglia | arte | elena gollini | gollini | italia | italiano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Software italiano vince i CTIA Emerging Technology Awards di Las Vegas


Cogito sempre più Intelligence


Bilancio Expert System in controtendenza: crescita di oltre il 20%


Fratelli Marmo


PEEP ART per riaccendere le vetrine del mondo


“A che ora parte da Trento il pullman per Folgaria?” Subito la risposta via sms


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Daniel Mannini: arte pittorica di guizzante apertura mentale

Daniel Mannini: arte pittorica di guizzante apertura mentale
 “La potente espressività artistica dell'arte pittorica di Daniel Mannini è la sintesi allusiva dell'immagine di un bambino dalla fanciullesca felicità e dalla vivace fantasia, che con stupore e sorpresa si sofferma ad ammirare estasiato e incantato la realtà circostante profondendosi in suggestive emozioni di trasporto. Ciò non significa ovviamente, che la pittura di Daniel abbia delle (continua)

Daniel Mannini: dipingere per descrivere il mondo

Daniel Mannini: dipingere per descrivere il mondo
 All'interno del panorama pittorico attuale le espressioni stilistiche sono molteplici e si manifestano con linguaggi e registri comunicativi differenziati e molto eterogenei, che palesano le differenze di pensiero e di valutazione, gli ideali e i valori cardine di riferimento, le prospettive che rimandano a contenuti passati, presenti, futuri e futuribili e offrono degli spunti di rifl (continua)

Davide Quaglietta: una pittura di intensa proiezione umana

Davide Quaglietta: una pittura di intensa proiezione umana
Cimentarsi nell'arte pittorica ai giorni nostri consente certamente delle prerogative e delle opportunità, che si snodano su più ambiti applicativi e diventano estendibili e orientabili con grande dinamismo di vedute e di prospettive. L'importante è comunque sempre tenere ben saldi come pilastri di fondamento prioritari, quegli ideali e quei principi, che delimitano i pensieri e i sentimenti, (continua)

Davide Quaglietta: una pittura allineata al “Cogito ergo sum” di Cartesio

Davide Quaglietta: una pittura allineata al “Cogito ergo sum” di Cartesio
 La celeberrima frase “cogito ergo sum” passata alla storia e sempre attuale proclamata dal grande maestro filosofo Cartesio è da sempre fonte di ispirazione e di riflessione anche a livello artistico e conferisce una valenza ancora più rilevante alla mimesi costitutiva genetica delle opere d'arte. Davide Quaglietta con la sua corposa e variegata produzione pittorica si pone in linea con (continua)

È online il catalogo degli artisti selezionati da Elena Gollini in onore a Dante Alighieri

È online il catalogo degli artisti selezionati da Elena Gollini in onore a Dante Alighieri
«Quest'anno ricorre un anniversario, che non va assolutamente scordato, quello dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, un maestro di eccelso talento, che ha ispirato e continua ad ispirare anche oggi pensieri e riflessioni di grande intensità. I suoi scritti, primo tra tutti la Divina Commedia possiedono delle chiavi di lettura simboliche, metaforiche, allusive, mistiche, allegoriche, (continua)