Home > Arte e restauro > Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Il marmo dai 1000 volti: cogito ergo sum

Massimo come proprietario e possessore unico del blocco, si è messo davanti in prima persona e in prima linea, per ottenere l'ambito traguardo di fare conoscere il blocco prodigioso e consentire all'opinione pubblica di goderne appieno.


Cogito ergo sum. Penso dunque sono è la famosa citazione dell'illustre maestro filosofo Cartesio tramandata secula seculorum. Questa frase si può ricondurre e ricollegare all'essenza sostanziale costitutiva del “Marmo dai 1000 volti” un blocco-capolavoro di eccelsa ed eccellente bellezza naturale, che ha origini dalla preziosa breccia medicea ed è stato scoperto nelle cave di Seravezza. Il blocco è protagonista di un omonimo progetto di ricerca, intrapreso e portato avanti dal proprietario Massimo Caramia storico artigiano e artista del marmo, che attraverso la sua competenza sta portando in luce una serie di figurazioni e immagini, impresse dentro il blocco, davvero fantastiche. La Dott.ssa Elena Gollini con la sua pluriennale esperienza in materia artistica sta supportando il progetto con un lavoro promozionale fatto ad hoc e sta apportando una serie di formule di comunicazione mediatica in rete e sul web, per dare ancora più spinta. Nella sua ricerca Caramia non lascia mai nulla al caso e alla casuale improvvisazione e si affida con piena intraprendenza e determinazione ad un susseguirsi di scoperte, talvolta anche impreviste e inaspettate e quasi sconcertanti nella loro unicità esclusiva. Nel sottolineare il valido lavoro svolto alacremente da Caramia la Dott.ssa Elena Gollini ha individuato e definito le linee guida di fondamento portante, precisando: “Massimo come proprietario e possessore unico del blocco, si è messo davanti in prima persona e in prima linea, per ottenere l'ambito traguardo di fare conoscere il blocco prodigioso e consentire all'opinione pubblica di goderne appieno. Nelle sue fattezze il blocco viene curato e conservato con grande premura e viene osservato e scrutato con grande rispetto, senza mai provocare delle alterazioni e rovinarne la peculiare connotazione. Ecco, perché si mantiene integro e intatto nel suo massimo splendore! La ricerca viene condotta in fasi sequenziali, analizzando e scandagliando ogni singolo piccolo centimetro marmoreo, ogni venatura, ogni effetto chiaroscurale, ogni nervatura naturale. Quando si pone dinnanzi al suo possente blocco, Massimo ferma il tempo e intorno a lui non esiste più nulla, tutto si annulla e scompare, resta soltanto il magico marmo con la sua speciale allure incantevole, che sembra quasi muoversi e danzare sinuosamente seguendo una virtuale musicalità di sottofondo e prendendo vita plasticamente nella sua dimensione di tridimensionalità. L'effetto visivo e quello tattile si fondono insieme per dare esiti straordinari, quasi ipnotizzanti. Il blocco acquista una valenza plurima davvero comprovante, come reperto di universale pregio e prestigio”.


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/massimo-caramia/


Massimo caramia | caramia | marmo dai 1000 volti | artista | marmo | patrocinio | comune | francavilla | brindisi | carrara | pietrasanta | pietra | blocco | marmoreo | medici | mediceo | artigiano | artigiani | puglia | arte | elena gollini | gollini | italia | italiano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Software italiano vince i CTIA Emerging Technology Awards di Las Vegas


Cogito sempre più Intelligence


Bilancio Expert System in controtendenza: crescita di oltre il 20%


“A che ora parte da Trento il pullman per Folgaria?” Subito la risposta via sms


L'Italia degli innovatori: il software semantico di Expert System all'Expo Shangai 2010


EBAY RIVELA GLI ARTICOLI PIU’ CERCATI ONLINE NEL 2014: DA FROZEN AD AMAL CLOONEY E MOLTO ALTRO ANCORA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'informalismo pittorico di matrice intellettuale di Roberto Re

L'informalismo pittorico di matrice intellettuale di Roberto Re
Alla fatidica domanda “cos'è l'arte per l'uomo moderno?” certamente Roberto Re potrà rispondere con il senno di causa, che l'arte rappresenta una certezza e una convinzione intellettuale indispensabile e assolutamente imprescindibile nel suo vissuto e nel suo vivere attuale, che gli permette di concepire e di trasfigurare i sentimenti e le emozioni in forme astratte, che trovano la loro rad (continua)

La simbolica siepe leopardiana nella pittura di Federico Colli

La simbolica siepe leopardiana nella pittura di Federico Colli
 La Dott.ssa Elena Gollini nell'evidenziare la simbolica connessione con la siepe leopardiana e la produzione pittorica realizzata da Federico Colli ha voluto rimarcare: “Dimensione e misura, ma di altissima quota, con il limite immaginifico della siepe leopardiana di antica memoria e come il limite delle vette delle montagne tanto amate e ammirate da Federico, montagne dove si sente per (continua)

Il poliedrico artista Ivano Rota in mostra online curata da Elena Gollini

Il poliedrico artista Ivano Rota in mostra online curata da Elena Gollini
L'eclettico anticonformismo artistico del poliedrico Ivano Rota emerge appieno nella mostra online dal titolo volutamente provocante e provocatorio “Urlo al cielo la mia ignoranza!” inserita all'interno della piattaforma web a cura della Dott.ssa Elena Gollini, che lo ha selezionato apprezzandone le componenti qualitative sostanziali e considerando quella di Rota un'arte per il sociale di no (continua)

Gianluigi Zeni espone in mostra online dal titolo "Energia della suggestione"

Gianluigi Zeni espone in mostra online dal titolo
Il talentuoso scultore contemporaneo Gianluigi Zeni è stato selezionato per l'inserimento all'interno della piattaforma di mostre online curata dalla Dott.ssa Elena Gollini con un circuito di 20 sculture di grande spessore evocativo e notevole energia suggestiva. La mostra è intitolata proprio simbolicamente “Energia della suggestione” per enfatizzare la portata e la potenza della visionari (continua)

Roberto Re e il concetto di “oltre” nella pittura

Roberto Re e il concetto di “oltre” nella pittura
“E oltre”. Questa frase così misteriosamente enigmatica, intrigante e accattivante riassume perfettamente la sintesi sostanziale emblematica della pittura di Roberto Re, artista che si dedica con convinta motivazione e compiaciuta soddisfazione alla sperimentazione astratta di matrice materica e soprattutto ad una fase importante canalizzata e orientata verso lo studio accurato e approfondit (continua)