Home > Arte e restauro > La simbolica siepe leopardiana nella pittura di Federico Colli

La simbolica siepe leopardiana nella pittura di Federico Colli

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

La simbolica siepe leopardiana nella pittura di Federico Colli


 La Dott.ssa Elena Gollini nell'evidenziare la simbolica connessione con la siepe leopardiana e la produzione pittorica realizzata da Federico Colli ha voluto rimarcare: “Dimensione e misura, ma di altissima quota, con il limite immaginifico della siepe leopardiana di antica memoria e come il limite delle vette delle montagne tanto amate e ammirate da Federico, montagne dove si sente perfettamente a suo agio, perfettamente inserito nel suo habitat ideale, nel suo mondo magico. La leopardiana memoria consentiva di avvertire e concepire l'infinito nella sua speciale affascinante e intrigante connotazione unica non oltre e non soltanto oltre se stessa, ma oltre quell'ultimo orizzonte del quale impediva e fermava la vista. I limiti leopardiani declarati nei sublimi versi poetici, reali o immaginari, vengono ripresi da Federico nel tentativo di superarli e valicarli di restituire quel senso di purezza incontaminata alla pittura, proprio come incontaminate e pure sono le sue adorate montagne. La dimensione e la misura diventano di conseguenza in parallelo il limite ultimo ed estremo di una simbolica siepe leopardiana, oltre e al di là della quale è possibile immaginare altri spazi, altre vedute, altre prospettive recettive e sensoriali, che Federico si prefigge di raggiungere come traguardo supremo della sua mirabile ricerca. Quell'oltre che Federico vuole puoi condividere appieno con lo spettatore, all'insegna di un'arte che unisce e genera comunione proprio come lo sport. All'interno della sua poliedrica e versatile idea creativa convergono in perfetta texture ad intreccio figure, ruoli, tempi, che convogliano insieme a formare e comporre il costrutto sintattico in modo sempre appropriato e congeniale, seguendo delle traiettorie che si sviluppano in modo continuo e si evolvono in fieri e in costante divenire, dove il movimento plastico accentuato è sinonimo di rinnovamento e di rigenerazione, di trasformazione graduale e progressiva che interviene entro e oltre scavalcando il concettualismo saturo e massificato e i clichés standardizzati e concedendo delle preziose opportunità di riflessione attenta e sensibile, che Federico compie in primis con ravveduta consapevolezza e poi offre al fruitore, affinché a sua volta imprima la propria personale e soggettiva valutazione interpretativa. Le chiavi di lettura sono sempre molto attuali e convincenti, argute e acute, senza seguire un certo tipo di disegno fatto con criterio storico o storicizzato in senso stretto e in senso lato, ma cercando invece di procedere oltre. Le opere vanno ammirate con l'emozione del cuore e la vibrazione del moto dell'anima, in uno stato quasi estatico sospeso in bilico tra realtà e invenzione”.


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/federico-colli/


federico colli | colli | artista | artisti | arte | opere | opera | quadro | quadri | art | artist | elena gollini | gollini | critica | stampa | news | notizia | milano | valle d aosta | valdostano | italia | sport | sportivo | sci | alpino | preparatore | atletico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I COLLI BERICI A VINITALY TRA SAPORI ED EMOZIONI


GUSTUS 2018: TUTTI IN VILLA PER I TRE GIORNI DEDICATI AI VINI COLLI BERICI VICENZA


Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”


GUIDE DEL VINO 2018: IL MEGLIO DEI COLLI BERICI VICENZA


VINITALY 2017: IL DEBUTTO DEL NUOVO ROSSO COLLI BERICI DOC


DOPPIO COLPO ACSI E “2XBENE” NEL WEEKEND


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

È online la mostra pittorica “Arte e vita” dell'artista Daniela Veronese

È online la mostra pittorica “Arte e vita” dell'artista Daniela Veronese
L'artista Daniela Veronese è stata inserita all'interno della piattaforma web delle mostre curate dalla Dott.ssa Elena Gollini con un circuito di 20 opere di intenso impatto espressivo, che meglio rappresentano e testimoniano il suo talento innato e le consolidate e radicate capacità di padronanza tecnica e strumentale, nonché la spiccata sensibilità che guida e sostiene la vena ispiratrice. (continua)

È online la mostra personale di Angelo Oliboni dal titolo “Pittura emozionale”

È online la mostra personale di Angelo Oliboni dal titolo “Pittura emozionale”
La piattaforma delle mostre online curata dalla Dott.ssa Elena Gollini ospita la personale di Angelo Oliboni intitolata “Pittura emozionale” tutta quanta dedicata a celebrare e a rendere omaggio al variopinto, incantevole e poetico mondo floreale, che ha ispirato l'artista a realizzare un circuito di opere di particolare formulazione, molto impattanti nella resa compositiva e nell'orchestra (continua)

Roberto Re, artista di ragione e di passione

Roberto Re, artista di ragione e di passione
La ricerca artistica di sperimentazione procede incessante per il talentuoso ed eclettico Roberto Re, che sceglie l'arte non come auto celebrazione esibizionista, ma bensì come vocazione pura e incondizionata, con lo spirito di chi si cimenta con sentimento e pathos in un percorso che richiede grande impegno e grande dedizione e con l'intento di innescare e sviluppare una comunione e una com (continua)

Le forme dell'anima nella pittura di Federico Colli

Le forme dell'anima nella pittura di Federico Colli
“L'immagine così composta sarà vera se in essa verranno colti i legami che da una parte la rendono simile alla vita e dell'altra apparentemente al contrario la rendono unica e irripetibile. Come è unica e irripetibile ogni osservazione” (Andrei Arsenyevich Tarkovsky– tratto da “La forma dell'anima”). Questa pregevole e illuminante osservazione riflessiva offre degli interessanti spunti di ri (continua)

La stimolante sensibilità immaginifica di Alessandro Giordani

La stimolante sensibilità immaginifica di Alessandro Giordani
La spiccata e stimolante sensibilità immaginifica, perfettamente coniugata con la radicata e consolidata competenza tecnica e perizia strumentale, consente all'artista pittore Alessandro Giordani di cimentarsi in opere ad ampio e sfaccettato respiro fantastico, dove lui per primo e di rimando anche il fruitore può spaziare a largo raggio nelle chiavi di accesso interpretative. La Dott.ssa El (continua)