Home > Cibo e Alimentazione > Lo Stato alcolico

Lo Stato alcolico

scritto da: MayDay | segnala un abuso

La libertà non è esser liberi di scegliere; la libertà è liberarsi delle scelte.


Le dipendenze prendono la nostra vita in ostaggio. Alcune di queste sono condannate, altre lo sono ufficialmente ma nei fatti sono permesse se non addirittura promosse. Mi riferisco soprattutto all’alcol e alle sigarette. Le statistiche parlano chiaramente dei danni prodotti in maniera diretta e indiretta da questo prodotto, con l’aggravante che è lo Stato ad averne il Monopolio.

Nel mondo più di 3 milioni di persone muoiono ogni anno a causa dell’alcol (pari a un decesso su 20 di tutte le morti). Tra tutti i decessi attribuibili all'alcol, il 28% è dovuto a infortuni, come quelli per incidenti stradali, autolesionismo e violenza interpersonale; il 21% a causa di disturbi digestivi; il 19% per malattie cardiovascolari e il resto per malattie infettive, tumori, disturbi mentali e altre condizioni di salute. Ogni anno in Italia oltre 40 mila persone muoiono per malattie correlate all'alcol. Secondo l'Osservatorio Nazionale  Alcol-Cneps dell'Istituto Superiore di Sanità i consumatori “dannosi”, che presentano problemi di salute conseguenti al consumo di alcol, sarebbero circa 700.000.

Un genocidio da fumo: anzi, un auto-genocidio della razza umana. Ecco i dati spaventosi, raccapriccianti, per quanto prevedibili: il fumo da sigarette, entro il 2030, ucciderà ogni anno oltre 8 milioni di persone, contro i 7 milioni attuali, se non saranno attuate efficaci politiche di contrasto. In Italia il fumo causa 83.000 decessi l’anno: è la prima causa di morte. Il fumo uccide una persona ogni sei secondi ed è a tutti gli effetti un'epidemia fra le peggiori mai affrontate a livello globale.

La leggerezza con cui si sorvola sulle sbronze dei ragazzi e dei ragazzini, lo scherzare goliardicamente sull’abuso perpetuato da anziani e persone sole, sono un veleno per tutta la società.

Credo che ci sia troppa indulgenza nel tollerare lo scempio che l’abuso di alcol ha causato nelle persone e l’ubriachezza continua ad essere considerata un normale divertimento o diversivo al quotidiano.

L’incongruenza sta nella disparità di trattamento, alcolici e sigarette sono considerati molto meno pericolosi per la salute rispetto ad altre realtà sulle quali pesa una legislazione molto restrittiva.

L’appello di Charles Baudelaire ad essere sempre ubriachi è stato fin troppo preso alla lettera, così come molti altri inviti che sono arrivati dal mondo della musica e della cultura. Spesso gli artisti hanno dato un pessimo spettacolo di sé presentandosi ubriachi e inneggiando palesemente all’abuso. Da anziani poi hanno lanciato blandi e tardivi richiami alla sobrietà. Il luogo comune che vede l’artista aiutato nella sua creazione dalle sostanze deve essere sfatato, un corpo devastato e una mente alterata sono un ostacolo a qualsiasi attività, ciò che sono riusciti a fare è dovuto alle loro capacità che si sono espresse nonostante l’effetto nefasto delle dipendenze. Se son si è lucidi non si raggiunge l’estasi. La presa di coscienza riguardo ai danni provocati dall’alcol deve essere subitanea, altrimenti è inutile.

La vera porta per la dipendenza grave è la prima sigaretta e il primo bicchiere. Non può esistere un uso ponderato di queste sostanze, ormai lo sappiamo bene e le statistiche parlano chiaro. La vendita degli alcolici e delle sigarette non deve essere legale al pari delle altre droghe che recano dipendenza e danni alla salute. Dal momento che si vende una sostanza tossica non basta avvertire delle conseguenze per ripulirsi la coscienza.

Per questo motivo ho deciso di fare il mio J'Accuse allo Stato italiano per la vendita di sostanze gravemente tossiche e che producono danni sociali incalcolabili.

La libertà non è esser liberi di scegliere; la libertà è liberarsi delle scelte.

 

Rovigo, 1 luglio 2020

Alberto Nemo

dipendenza | abuso | alcolismo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La nuova tendenza nel mondo del vino: i Low Alcohol Wines


Nasce il nuovo portale delle birre artigianali


COVID 19: MISURE PRECAUZIONALI SUPPLEMENTARI A CASA


Invisibile e Vodka Lemon, ricette per due classici


Brunello di Montalcino


Contagio: l’importanza della Pulizia e Igienizzazione,… anche in vacanza!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Due

Due
"Due", evento di Alberto Nemo a cura di Claudio Strinati “Due” è un evento a cura di Claudio Strinati che si terrà al Mugellini Festival 2020 nei giorni 17 e 18 ottobre. Sabato 17 ottobre all’Auditorium F. Scarfiotti di Potenza Picena Claudio Strinati inaugurerà la performance d’arte “Due”. Nel foyer saranno esposte le copertine degli album incisi da Alberto Nemo e realizzate da Mauro Mazziero, contemporaneamente nel v (continua)

(Re)Spirando

(Re)Spirando
Venerdì 22 maggio esce “(Re)Spirando”, il venticinquesimo disco di Alberto Nemo. L’opera, prodotta da MayDay, è un suggestivo viaggio che attraversa la notte dello spirito. Un percorso iniziatico composto da sette brani che inizia con “Miraggio”, in cui si canta della vera ricerca dell’uomo, del suo vero sé. Continua con “Solve et coagula”, principio cardine dell’Alchimia che vuole liberarlo dalle sue scorie egoistiche. Giunge ad “Aria”, pezzo di alta tensione emotiva che si concentra sul respiro, il Prana, l’essenza stessa della vita a cui viene rivolta una to (continua)

Piccolo manuale dello scarabocchista

Piccolo manuale dello scarabocchista
Dopo aver scritto il “Manifesto della Musica essenziale”, in cui si focalizzano i punti che portano alla nemizzazione, Alberto Nemo prosegue la sua riflessione sul procedimento creativo. Il 20 maggio 2020 esce il “Piccolo manuale dello scarabocchista”, di Alberto Nemo. In questo percorso a ritroso verso l’origine e la forma primordiale dell’arte, la sua attenzione si ferma sullo scarabocchio infantile. Ne trae una riflessione e un corollario di pensieri che mettono in luce il grande valore simbolico di questo gesto, descrivendolo come il luogo speciale, lo spazio deputato (continua)

“L’evangelista”, il ventiquattresimo disco di Alberto Nemo.

“L’evangelista”, il ventiquattresimo disco di Alberto Nemo.
Il 15 maggio 2020 esce “L’evangelista”, il ventiquattresimo disco di Alberto Nemo. L’opera, prodotta da MayDay, è uno straordinario viaggio iniziatico attraverso la musica e ricco di suggestioni. Entrare nell’opera di un altro artista è il desiderio ricorrente di molti autori. Nella nostra mente è sempre viva la meravigliosa passeggiata descritta nel film “Sogni” di Akira Kurosawa. Il protagonista dell’episodio “Corvi” si incammina stupefatto dentro i dipinti di Van Gogh fino a che, infine, incontra proprio lui, Vincent. L’artista solitario cerca furiosamente di dipingere ciò che pass (continua)

“L’enigma”, il ventitreesimo disco di Alberto Nemo.

“L’enigma”, il ventitreesimo disco di Alberto Nemo.
Il 14 maggio 2020 esce “L’enigma”, il ventitreesimo disco di Alberto Nemo. L’opera, prodotta da MayDay, è uno straordinario viaggio iniziatico attraverso la musica e ricco di suggestioni. Entrare nell’opera di un altro artista è il desiderio ricorrente di molti autori. Nella nostra mente è sempre viva la meravigliosa passeggiata descritta nel film “Sogni” di Akira Kurosawa. Il protagonista dell’episodio “Corvi” si incammina stupefatto dentro i dipinti di Van Gogh fino a che, infine, incontra proprio lui, Vincent. L’artista solitario cerca furiosamente di dipingere ciò che pass (continua)