Home > Eventi e Fiere > Le nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia

Le nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Asiago-Gallio, 24 Settembre 2020 – Alla settima edizione della Summer School di Motore Sanità su “Innovazione e salute in un mondo globale”, si è affrontato il tema delle nuove frontiere in oncologia, come cambia il sistema: medicina di precisione e immunoncologia.


“L’emergenza coronavirus ha reso evidente l’esigenza di accelerare il percorso di sviluppo della medicina territoriale al fine di dare risposte sempre più prossime al paziente e allo stesso tempo preservare la rete ospedaliera per quella che è la sua mission fondamentale: cura dell’acuzie e interventistica. L’obiettivo è creare il miglior modello possibile rispetto ai luoghi di erogazione di cura ed assistenza (Best Setting Model). L’assistenza ai pazienti oncologici costituisce uno scenario particolarmente adatto per tale sperimentazione, con lo scopo di migliorare la presa in carico complessiva del malato oncologico in un’ottica di qualità dell’assistenza, equità di accesso alle cure, migliore utilizzo delle risorse e potenziamento delle reti, attraverso la messa a sistema di tutti i soggetti in campo (pubblico, privato, farmacie, volontariato, caregiver). 

Un esempio pratico in tal senso è un progetto pilota relativo alla presa in carico dei pazienti oncologici (o più in generale del paziente cronico) proposto da Irst all'Ausl Romagna, presso la Casa della salute di Forlimpopoli. Una realtà che conta 13mila residenti con 511 pazienti che hanno effettuato 17 accessi medi quotidiani alla struttura,  ideale dunque per una progettualità che vedrebbe una risposta valida e coerente ai pazienti, in raccordo con l’Irst, ove l’oncologo di riferimento presiede il percorso diagnostico terapeutico assistenziale insieme all’infermiere case manager, mentre sul territorio è il medico di famiglia a rivestire un ruolo chiave con l’ausilio dell’“infermiere territoriale” che raccoglie le informazioni utili per il piano assistenziale e segue gli aspetti psicologico-relazionali, sociali, familiari dei malati, e dell’oss”, ha detto Mattia Altini, Direttore Sanitario Azienda USL Romagna

 

"L'oncologia sta cambiando in maniera molto profonda, con farmaci molto efficaci come gli immunoterapici e le terapie a bersaglio molecolare. È importante però capire che questi farmaci per essere pienamente efficaci hanno bisogno di essere inseriti in percorsi diagnostico terapeutici adeguati. Deve cambiare anche il modo in cui il sistema sanitario approva e utilizza questi farmaci. Bisogna avere la garanzia che esistono laboratori di diagnostica molecolare avanzata, che esistono laboratori di diagnostica molecolare avanzata, bisogna centralizzare questa diagnostica molecolare, bisogna imparare a valutare il farmaco non solo in relazione a sé stesso in quanto farmaco, ma come può modificare i percorsi assistenziali dei pazienti", ha dichiarato Pierfranco Conte, Direttore SC Oncologia 2 Istituto Oncologico Veneto e Coordinatore Rete Oncologica Veneta

 

 

 

Ufficio stampa Motore Sanità

comunicazione@motoresanita.it

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693   

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/


webinar | summer school 2020 | motore sanità | oncologia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Daiichi Sankyo Astrazeneca: pazienti affetti da tumore HER2 positivo o mutato. I risultati presentati ad ASCO 2020


In partenza il XXII Congresso nazionale di CIPOMO: ANCORA ASSENTE IN ITALIA UN’EQUIVALENTE POSSIBILITÀ DI ACCESSO ALLE CURE IN TUTTE LE REGIONI


Mycancertherapy.eu il nuovo sito web per pazienti oncologici di Daiichi Sankyo


“FOR GOOD” per garantire sport e salute ai bambini svantaggiati


Percorsi sportivi gratuiti per bambini e adolescenti con disagio


Lilly spegne 60 candeline nel segno dell’integrazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

'Oncorete Sharing and innovation system’ - 26 Ottobre 2020 - ORE 15

'Oncorete Sharing and innovation system’ - 26 Ottobre 2020 - ORE 15
Il prossimo lunedì 26 ottobre dalle ore 15 alle 18, si terrà il webinar ‘ONCORETE SHARING AND INNOVATION SYSTEM’, organizzato da MOTORE SANITÀ. Le reti oncologiche regionali rappresentano il modello organizzativo ottimale per implementare, razionalizzare, innovare e completare la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione fisica e psicologica dei pazienti colpiti da tumore. Progressivamente le reti regionali stanno riorganizzandosi verso un modello Hub&Spoke al fine di concentrare le patologie ove lo skill numerico rappresenta un mi (continua)

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN” - Lombardia, 22 Ottobre 2020

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN” - Lombardia, 22 Ottobre 2020
Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno Milano, 22 ottobre 2020 –Migliorarel’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Lombardia, durante il Webinar: “La realtà italiana de (continua)

'Focus La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca post-Covid tra terapie e impatto socio economico’ - Lombardia, 22 Ottobre 2020 - ORE 11

'Focus La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca post-Covid tra terapie e impatto socio economico’ - Lombardia, 22 Ottobre 2020 - ORE 11
Il prossimo giovedì 22 ottobre dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar ‘FOCUS LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA POST-COVID TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei (continua)

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”
19 ottobre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%. Questo è fondamentale per mantenere sostenibile l’SSN, consentendo da un lato di liberare risorse indispensabili a garantire una sempre maggiore disponibilità di farmaci innovativi, dall’altro, al cittadino di risparmiare di propria tasca all’atto dell’acquisto dei medicinali. Ma l’uso del farmaco equivalente in Italia è ancora basso rispetto ai medicinali di marca, dall’analisi dei consumi p (continua)

Esperti si confrontano in Regione Campania: “Necessario un maggior impiego dei farmaci biosimilari”

Esperti si confrontano in Regione Campania: “Necessario un maggior impiego dei farmaci biosimilari”
Napoli, 17 ottobre 2020 - I farmaci biosimilari rappresentano una grande opportunità per la sostenibilità dei sistemi sanitari a livello mondiale. Grazie al loro impiego è possibile trattare un numero maggiore di pazienti garantendo più salute a parità di risorse per ampliare le attuali opportunità terapeutiche con trattamenti più precoci e creare spazio all’innovazione farmacologica. Innovazione che fortunatamente sta producendo nuove possibilità di cura per diverse aree terapeutiche e patologie a prognosi infausta. Per affrontare questi temi, Motore Sanità ha organizzato il Webinar ‘BIOSIMILARI CAMPANIA UN TRENO DA NON PERDERE’, una tavola rotonda virtuale che vede il coinvolgimento dei massimi esperti che possono rappresentare i differenti punti di vista in materia, con l’obiettivo di condividere le buone pratiche messe in campo e definire al meglio i percorsi per sfruttare a pieno le opportunità, per (continua)