Home > Altro > Carlo Spinelli (IDD) scrive al Premier Conte chiedendo spiegazioni sul nuovo DPCM

Carlo Spinelli (IDD) scrive al Premier Conte chiedendo spiegazioni sul nuovo DPCM

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Carlo Spinelli (IDD) scrive al Premier Conte chiedendo spiegazioni sul nuovo DPCM

Il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti con una mail indirizzata al Primo Ministro chiede su quali basi si fonda la possibilità che una cena al ristorante o una serata al cinema o a teatro siano grande veicolo di contagio del Covid-19 e chiede che vengano al momento eliminate le ZTL per favorire l’uso del mezzo privato a scapito del trasporto pubblico


Roma 30 ottobre 2020: Il nuovo DPCM del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è in vigore già da qualche giorno e sta scatenando reazioni che in alcuni casi si sono trasformate anche in atti di violenza commessi da parte di chi, strumentalizzando la situazione già molto drammatica, ne approfitta per attaccare lo stato e portare destabilizzazione nel Paese. Sicuramente gli italiani, soprattutto quelle categorie di persone che lavorano nei settori già duramente colpiti dal lockdown della primavera scorsa, sono all’esasperazione ed in massa dimostrano nelle piazze italiane per far sentire la propria voce e le proprie ragioni stremati da questa emergenza che si protrae ormai da mesi e che sembra destinata a durare ancora per molto tempo. Italia dei Diritti il movimento che da anni opera a difesa e tutela dei diritti degli italiani, per mano del responsabile della politica interna  Carlo Spinelli ha inviato una lettera, tramite mail, al Premier Conte per chiedere spiegazioni  su alcuni punti del DPCM ultimo che potevano essere trattati in maniera diversa ed è lo stesso Spinelli che ne illustra i contenuti ” Il 26 ottobre ho scritto al Primo Ministro perché ritenevo fosse doveroso da parte sua chiarire alcuni punti del suo ultimo DPCM in particolare la motivazione che lo ha spinto ad esempio a chiudere i ristoranti alle 18 o le sale cinema e teatro. Dopo la mia mail – continua Spinelli – Conte in poche parole ha spiegato pubblicamente che così ha voluto evitare che le persone la sera facessero ricorso al mezzo pubblico evitando eventuali assembramenti; una spiegazione che noi come Italia dei Diritti non accettiamo anche perché quanti sono coloro che si recano a cena fuori la sera prendendo la metro o il bus? Così come la vedo difficile usare il mezzo pubblico per andare a teatro visto che di solito le piece teatrali terminano intorno la mezzanotte e rimane sicuramente scomodo usare il trasporto pubblico, molto meglio utilizzare il mezzo privato, più comodo e più sicuro. Non capiamo quindi su quali basi si fonda la convinzione che una cena, una serata al cinema o a teatro siano un grande veicolo di diffusione del coronavirus, quindi questa decisione ci lascia molto perplessi. Si va a colpire così un settore che già è stato messo in crisi dal lockdown della primavera scorsa – continua Carlo Spinelli – e questa nuova chiusura parziale o totale mette definitivamente in ginocchio il settore della ristorazione e della cultura italiana. Non sta in piedi quindi la motivazione del mezzo pubblico anche perché la sera è sicuramente meno usato che in altri momenti della giornata quando si creano dei veri e propri assembramenti alle stazioni della metro, sopra i vagoni della stessa e all’interno degli autobus, questo si che è un grande veicolo di contagio come emerso da una recente ricerca che stima che il 54% dei casi di Covid-19 viene trasmesso proprio per l’uso del trasporto pubblico, eppure non si riesce a mettere un freno a questi pericolosi assembramenti. Noi proponiamo che vengano provvisoriamente eliminate le ZTL in modo che si possa entrare liberamente nelle città con il mezzo privato  incentivandone quindi l’uso e decongestionare così il trasporto pubblico e proponiamo anche un incentivo all’uso dei taxi, altro settore questo che si sta paralizzando, trovando delle forme che possano essere convenienti sia per i clienti che ne dovessero fare uso, magari inserendo delle tariffe fisse più basse rivolte a chi ne fa uso per recarsi a lavoro, sia per i tassisti ai quali andrà poi riconosciuto un indennizzo laddove si trovano costretti a portare a destinazione i clienti a un costo molto più basso. Per ultimo vorrei fare una considerazione rivolta a chi ci rappresenta in parlamento – prosegue ancora Spinelli – è antipatico in una situazione come questa sentire delle critiche continue su qualsiasi decisione questo governo prenda per fronteggiare questa emergenza, critiche che provengono a volte anche dall’interno della stessa maggioranza, ed è ancora più antipatico vedere come chi sta all’opposizione cavalchi l’onda del malcontento popolare a fini propagandistici a volte anche contraddicendosi con quanto affermato in precedenza; sento dire dalla triade Salvini, Meloni e Tajani che Conte sta prendendo decisioni sbagliate, che non accetta la collaborazione della minoranza, ma non sento però, soprattutto da Salvini e dalla Meloni, proposte alternative, ci facessero sapere quindi come si comporterebbero loro, proponessero pubblicamente un modus operandi per fronteggiare la pandemia, continuare ad andare in tv a dire che è tutto sbagliato – conclude Spinelli – seconde me non fa altro che fomentare ancora di più gli italiani creando situazioni dove l’esasperazione potrebbe portare ad episodi ancora più violenti di quelli che si sono verificati in questi giorni; sicuramente ai tempi di Aldo Moro ed Enrico Berlinguer maggioranza ed opposizione pur essendo su fronti contrapposti affrontavano le emergenze facendo fronte comune nell’interesse degli italiani ma quelli erano altri tempi ed altri uomini”.

Ufficio stampa politica interna Italia dei Diritti

E mail idd.polinterna@gmail.com

Conte | Covid-19 | Lockdown | Spinelli | De Pierro | Italia dei Diritti | Salvini | Meloni | Tajani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito


Per Italia dei Diritti ancora troppa propaganda politica sfruttando il Covid


Italia dei Diritti chiede il rinvio del concorso per giornalisti Rai


Crisi di governo, Italia dei Diritti accoglie con ottimismo la fiducia a Conte


Carlo Spinelli IDD: interveniamo concretamente contro il femminicidio


Carlo Spinelli ancora critico con il sindaco uscente di Cervara di Roma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Italia dei Diritti, Enrico Perniè nominato nuovo vice responsabile per Vicovaro

Italia dei Diritti, Enrico Perniè nominato nuovo vice responsabile per Vicovaro
Il responsabile per Vicovaro del movimento Italia dei Diritti Giovanni Ziantoni nomina un nuovo vice responsabile per dare ancora maggiore impulso all'opera di controllo nel territorio. Roma 14 luglio 2021: Una nuova carica assegnata all'interno del movimento Italia dei  Diritti; è Giovanni Ziantoni responsabile IDD per Vicovaro nonchè capogruppo consiliare del comune di Percile che con una nomina diretta investe Enrico Perniè quale vice responsabile dell'Italia dei Diritti per Vicovaro che affiancherà lo stesso Ziantoni nell'opera di controllo nel comune della Val (continua)

Italia dei Diritti, Alessandro Mosso nominato responsabile del movimento per la regione Lombardia

Italia dei Diritti, Alessandro Mosso nominato responsabile del movimento per la regione Lombardia
La nomina del nuovo responsabile regionale lombardo del movimento è stata proposta direttamente dal fondatore e Presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e avallata dal direttivo nazionale riunitosi per preparare la strategia politica da attuare per le elezioni amministrative previste per il prossimo autunno Roma 09 luglio 2021: E' già tempo di prepararsi per le prossime elezioni amministrative previste per l'autunno e il movimento politico Italia dei Diritti fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro non vuole farsi cogliere impreparato all'appuntamento che sancirà sicuramente un'ulteriore crescita del movimento stesso che sta ottenendo sempre più proseliti grazie (continua)

La Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli in concerto al Pantheon

La Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli in concerto al Pantheon
Domenica 11 luglio la prestigiosa orchestra napoletana sarà di scena a Roma nella cornice del Pantheon per una serata di rilievo internazionale in occasione della ricorrenza di San Benedetto patrono d'Europa. Roma 08 luglio 2021: La Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli si esibirà a Roma. La celebre orchestra napoletana ( ex Rai ) sarà protagonista domenica 11 luglio nella splendida cornice romana del Pantheon con inizio alle ore 19,30 di un concerto musicale su musiche di J.Haydn, L.v. Beethoven, A. Piazzola e Pericle Odierna del quale verrà suonata in prima assoluta la sinfonia Mythos ispirat (continua)

Vicovaro, crolli al cimitero Italia dei Diritti chiede le dimissioni del sindaco

Vicovaro, crolli al cimitero Italia dei Diritti chiede le dimissioni del sindaco
A distanza di oltre due anni alcuni loculi crollati a causa del maltempo ancora non sono stati restaurati nonostante le numerose segnalazioni dei famigliari dei defunti che lì avevano l'ultima dimora. Italia dei Diritti interviene duramente chiedendo le dimissioni di Fiorenzo De Simone Roma 06 luglio 2021: Ancora una volta fari puntati su Vicovaro. Questa volta il movimento politico Italia dei Diritti vuole fare luce sulla situazione del cimitero del comune della Valle Ustica. Da ormai oltre due anni alcuni loculi cimiteriali sono stati gravemente danneggiati dal maltempo e nonostante le promesse del sindaco De Simone ancora non c'è stato alcun intervento per la restau (continua)

Nuove nomine nell'Italia dei Diritti Valle Aniene per Giovanni Ziantoni e Michele Fabri

Nuove nomine nell'Italia dei Diritti Valle Aniene per Giovanni Ziantoni e Michele Fabri
Carlo Spinelli responsabile provinciale romanoe responsabile per la politica interna del movimento assegna nuove cariche in seno all'Italia dei Diritti e non manca di scoccare qualche frecciatina contro chi in questi giorni critica il modo di fare politica della formazione politica fondata e presieduta da Antonello De Pierro. Roma 22 giugno 2021: Continua il processo di crescita del movimento politico Italia dei Diritti con nuove adesioni che premiano l'impegno con il quale il movimento sta portando avanti la propria politica atta a riportare la legalità nelle istituzioni a denunciare i disservizi e a tutelare le classi sociali più deboli. Il responsabile provinciale romano che all'interno del movimento  (continua)