Home > Cibo e Alimentazione > Azienda Agricola Blazic a Cormons

Azienda Agricola Blazic a Cormons

scritto da: Giorgino50 | segnala un abuso

Dopo ESOF2020,Trieste Città Europea della scienza, ripartono le iniziative di informazione di Borghi d'Europa e del progetto L'Europa delle scienze e della cultura (Patrocinio IAI-Iniziativa Adriatico Jonica,Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione adriatico jonica). L'AltroFriuli,Terra di Storia e di Storie si prefigge di far conoscere il Friuli Venezia Giulia in nuovi contesti europei . Alla penna di Gianluigi Pagano, direttore della rivista ND Natura Docet, è affidato il primo viaggio del gusto. Dopo ESOF2020,Trieste Città Europea della scienza, ripartono le iniziative di informazione di Borghi d'Europa e del progetto L'Europa delle scienze e della cultura (Patrocinio IAI-Iniziativa Adriatico Jonica,Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione adriatico jonica). L'AltroFriuli,Terra di Storia e di Storie si prefigge di far conoscere il Friuli Venezia Giulia in nuovi contesti europei . Alla penna di Gianluigi Pagano, direttore della rivista ND Natura Docet, è affidato il primo viaggio del gusto.


L’Azienda si trova a Zegla, nel Collio Goriziano, una zona benedetta da Bacco, che genera magnifici vini bianchi (i più conosciuti), ma anche splendidi rossi, grazi alla splendida posizione, essendo posta tra il mare Adriatico e le Alpi Giulie. Per questo gode di un clima mite che, assieme ad un terreno vocato, produce vini splendidi. Questo terreno, la Ponka è formato da un insieme di marne e arenarie di origine eocenica, che il progressivo ritiro del mare ha stratificato nei millenni. La roccia si sgretola rilasciando sali e microelementi che rendono il terreno ideale per la coltivazione della vite da cui nascono vini ricchi di minerali, strutturati ed ideali per l’invecchiamento. 

Nel corso della nostra visita abbiamo incontrato Michele Blazic, attuale conduttore dell’Azienda, assieme ai genitori Cinzia e Franco, che ci ha fatto visitare gli impianti di magnifiche viti, su cui, ci ha tenuto a chiarirlo, “lavoriamo con il solo ausilio di una corretta meccanica enologica, evitando qualsiasi intervento di natura chimica”, nonché le cantine in cui riposano le bottiglie più preziose.

E’ giunto infine il momento dell’assaggio, il più piacevole, ma anche il più difficile perché non avrei potuto assaggiare tutte le magnifiche bottiglie che mi tentavano.

Poiché per la verità molte referenze le conoscevo già, grazie a precedenti assaggi nell’Enoteca di Cormons, mi decisi alfine a scegliere un Ribolla Gialla DOC (che per la verità avevo già assaggiata, ma repetita juvant, come dicevano i latini!)  il più famoso vino varietale bianco prodotto con un vitigno autoctono Friulano


Ritrovai i sapori che ben ricordavo: un vino elegante, dalle caratteristiche equilibrate, colore giallo paglierino tenue, con riflessi dorati; il profumo: fruttato e delicato, con note di fiori bianchi e gialli. Infine il gusto: vellutato, di buona struttura, con tipica acidità, retrogusto lungo e persistente con gradevoli note floreali. Mentre tante Ribolle che avevo assaggiato erano adatte solo ad un abbinamento con  aperitivi, particolarmente di pesce, questo, essendo ben strutturato si può abbinare a piatti più impegnativi come orzo e fagioli, brodetti di pesce, paste con sugo, o carni bianche come gallina, coniglio o faraona al forno. 

Ripartii da questa visita soddisfatto e portando nel mio cuore i bei panorami ammirati, e non solo quelli!

Gianluigi Pagano

vino | cormons | blazic |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UNA VITICULTURA PER IL FUTURO: ESPERIENZE E PROPOSTE CONCRETE PER UN'ECONOMIA AGRICOLA SOSTENIBILE


“Porte aperte in fattoria”, il 26 novembre gli allevamenti del Lazio si aprono a visite guidate e degustazioni


Nona edizione del DiVino Etrusco


UNA VITICOLTURA PER IL FUTURO: IL BIOLOGICO RIPARTE DA VISTORTA CON NUOVO SLANCIO


Cincinnato e Marco Carpineti di Cori tra i soci fondatori di ‘Vigne di Roma’, il primo contratto di Rete vitivinicolo del Lazio


“Ti Olio!”, Il mondo dell’oro verde della terra in tavola tra degustazioni e cooking contest a Ceraso


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LIQUORI D’AUTORE:IL VECCHIO MAGAZZINO DOGANALE A COSENZA

La visita fatta dalla redazione di Borghi d’Europa da Sbunda, realtà enogastronomica di qualità calabrese certificata a Milano, è stata molto fruttuosa e ha permesso di conoscere alcune aziende della regione ionica che si distinguono per i loro prodotti di livello, che sono un mix tra tradizione e innovazione. La visita fatta dalla redazione di Borghi d’Europa da Sbunda, realtà enogastronomica di qualità calabrese certificata a Milano, è stata molto fruttuosa e ha permesso di conoscere alcune aziende della regione ionica che si distinguono per i loro prodotti di livello, che sono un mix tra tradizione e innovazione. A Montalto Uffugo, nel Cosentino, è nata, grazie all’abilità e all’esperienza di (continua)

La sostenibilità energetica: le soluzioni di Repower

L’efficienza energetica è diventata un’esigenza primaria in ambito aziendale: originariamente essa era semplicemente associata all’ottimizzazione energetica dei soli processi produttivi, mentre oggi questo orizzonte si è molto esteso, interessando non solo la specifica attività produttiva, ma anche le persone, l’ambiente e più in generale il territorio in cui tale attività si svolge.   L’efficienza energetica è diventata un’esigenza primaria in ambito aziendale: originariamente essa era semplicemente associata all’ottimizzazione energetica dei soli processi produttivi, mentre oggi questo orizzonte si è molto esteso, interessando non s (continua)

Massimo de Belli invitato alle manifestazioni patrocinate da ESOF2020

I giornalisti e i comunicatori di Borghi d'Europa hanno chiesto allo chef del Castello Formentini,Massimo de Belli, di intervenire sui temi della sostenibilità in cucina, al giornale orale che si è tenuto il 28 agosto, presso l'Enoteca di Cormons, in occasione di ESOF2020, Euroscience Open Forum,Trieste Città Europea della Scienza (che patrocina il progetto) I giornalisti e i comunicatori di Borghi d'Europa hanno chiesto allo chef del CastelloFormentini,Massimo de Belli, di intervenire sui temi della sostenibilità in cucina, algiornale orale che si è tenuto il 28 agosto, presso l'Enoteca di Cormons, in occasione di ESOF2020,Euroscience Open Forum,Trieste Città Europea della Scienza (che patrocina il progettoL'Europa delle Scienze e della Cultura (continua)

RIPRENDONO LE DEGUSTAZIONI PER BORGHI D’EUROPA: LE TAPPE A CORMONS E A MILANO

Continuano i progetti d’informazione di Borghi d’Europa con nuove degustazioni di livello Milano, 8 Settembre 2020- La Redazione della Testata giornalistica Borghi d’Europa ha ricominciato a fine agosto a partecipare attivamente a delle degustazioni mirate, volte a valorizzare territori con un patrimonio enogastromico e storico-culturale d’eccellenza. Il primo momento di degustazione, con tanto di interviste in diretta ai produttori, si è svolto in un luogo di culto per tutti i winelovers: l’Enoteca Regionale di Cormòns, nel cuore vinicolo pulsante del Collio, nata nel 1990 dall’idea comune di una trentina di produttori di unire le forze per far conoscere le prestigiose etichette prodotte. Qui, dopo l’intervento iniziale del Presidente dell’Eno (continua)

ESOF2020 e il progetto L'Europa delle scienze e della cultura presentati a Milano da Borghi d'Europa

A Milano l’Associazione di giornalisti della rete Borghi d'Europa ha recentemente organizzato, nel quadro delle iniziative di informazione di “Milano, vetrina del Gusto”,la presentazione di ESOF2020,Euroscience Open Forum -Trieste Città Europea della scienza e di IAI (Iniziativa adriatico jonica, Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione adriatico-jonica). ESOF2020, EuroScience Open Forum è la più rilevante manifestazione europea focalizzata sul dibattito tra scienza, tecnologia, società e politica. Creato nel 2004 dall’associazione no-profit EuroScience, il forum ogni due anni offre un’opportunità unica di interazione e dibattito tra scienziati, innovatori, politici, imprenditori, operatori della comunicazione e cittadini. Trieste è stata nominata Città Europea della Scienza 2020 e ospiterà la nona edizione di ESOF.- EuroScience Open Forum - ESOF2020 Trieste, che si svolgerà dal 2 al 6 settembre con una missione rinnovata. Se prima della pandemia l’evento rappresentava uno dei principali spazi di confronto multidisciplinare a livello europeo sui cambiamenti della scienza e della tecnologia e sul loro ruolo (continua)