Home > Cibo e Alimentazione > Azienda Agricola Blazic a Cormons

Azienda Agricola Blazic a Cormons

scritto da: Renzo | segnala un abuso

Dopo ESOF2020,Trieste Città Europea della scienza, ripartono le iniziative di informazione di Borghi d'Europa e del progetto L'Europa delle scienze e della cultura (Patrocinio IAI-Iniziativa Adriatico Jonica,Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione adriatico jonica). L'AltroFriuli,Terra di Storia e di Storie si prefigge di far conoscere il Friuli Venezia Giulia in nuovi contesti europei . Alla penna di Gianluigi Pagano, direttore della rivista ND Natura Docet, è affidato il primo viaggio del gusto. Dopo ESOF2020,Trieste Città Europea della scienza, ripartono le iniziative di informazione di Borghi d'Europa e del progetto L'Europa delle scienze e della cultura (Patrocinio IAI-Iniziativa Adriatico Jonica,Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione adriatico jonica). L'AltroFriuli,Terra di Storia e di Storie si prefigge di far conoscere il Friuli Venezia Giulia in nuovi contesti europei . Alla penna di Gianluigi Pagano, direttore della rivista ND Natura Docet, è affidato il primo viaggio del gusto.


L’Azienda si trova a Zegla, nel Collio Goriziano, una zona benedetta da Bacco, che genera magnifici vini bianchi (i più conosciuti), ma anche splendidi rossi, grazi alla splendida posizione, essendo posta tra il mare Adriatico e le Alpi Giulie. Per questo gode di un clima mite che, assieme ad un terreno vocato, produce vini splendidi. Questo terreno, la Ponka è formato da un insieme di marne e arenarie di origine eocenica, che il progressivo ritiro del mare ha stratificato nei millenni. La roccia si sgretola rilasciando sali e microelementi che rendono il terreno ideale per la coltivazione della vite da cui nascono vini ricchi di minerali, strutturati ed ideali per l’invecchiamento. 

Nel corso della nostra visita abbiamo incontrato Michele Blazic, attuale conduttore dell’Azienda, assieme ai genitori Cinzia e Franco, che ci ha fatto visitare gli impianti di magnifiche viti, su cui, ci ha tenuto a chiarirlo, “lavoriamo con il solo ausilio di una corretta meccanica enologica, evitando qualsiasi intervento di natura chimica”, nonché le cantine in cui riposano le bottiglie più preziose.

E’ giunto infine il momento dell’assaggio, il più piacevole, ma anche il più difficile perché non avrei potuto assaggiare tutte le magnifiche bottiglie che mi tentavano.

Poiché per la verità molte referenze le conoscevo già, grazie a precedenti assaggi nell’Enoteca di Cormons, mi decisi alfine a scegliere un Ribolla Gialla DOC (che per la verità avevo già assaggiata, ma repetita juvant, come dicevano i latini!)  il più famoso vino varietale bianco prodotto con un vitigno autoctono Friulano


Ritrovai i sapori che ben ricordavo: un vino elegante, dalle caratteristiche equilibrate, colore giallo paglierino tenue, con riflessi dorati; il profumo: fruttato e delicato, con note di fiori bianchi e gialli. Infine il gusto: vellutato, di buona struttura, con tipica acidità, retrogusto lungo e persistente con gradevoli note floreali. Mentre tante Ribolle che avevo assaggiato erano adatte solo ad un abbinamento con  aperitivi, particolarmente di pesce, questo, essendo ben strutturato si può abbinare a piatti più impegnativi come orzo e fagioli, brodetti di pesce, paste con sugo, o carni bianche come gallina, coniglio o faraona al forno. 

Ripartii da questa visita soddisfatto e portando nel mio cuore i bei panorami ammirati, e non solo quelli!

Gianluigi Pagano

vino | cormons | blazic |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’Azienda agricola Blazic invitata a Borghi d’Europa


UNA VITICULTURA PER IL FUTURO: ESPERIENZE E PROPOSTE CONCRETE PER UN'ECONOMIA AGRICOLA SOSTENIBILE


“Porte aperte in fattoria”, il 26 novembre gli allevamenti del Lazio si aprono a visite guidate e degustazioni


Bagnarol Wine Cocktail by Michele Piagno: un modo diverso per gustare le eccellenze friulane


Nona edizione del DiVino Etrusco


UNA VITICOLTURA PER IL FUTURO: IL BIOLOGICO RIPARTE DA VISTORTA CON NUOVO SLANCIO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“I Liquori della Tradizione Italiana”: un patrimonio da amare

Grazie alla grande attenzione che il Gruppo Montenegro ha sempre riservato alla valorizzazione dei prodotti storici della liquoristica italiana, alcuni tra i più famosi marchi come Maraschino Buton, Nocino Benvenuti, Coca Buton, Rabarbaro Bergia, Oro Pilla e Grappa Libarna sono confluiti nel portafoglio Montenegro e adesso fanno parte della Collezione “I Liquori della Tradizione Italiana” Sarebbe un delitto non valorizzarli come meritano, perché, si tratta di prodotti di grande qualità ed ancora attualissimi, che possono essere riproposti, magari con miscelazioni originali, acquistando così nuovi “aficionados”.Per verificare questa impressione mi sono recato al Baratie, cocktail-bar e trattoria, che ha recentemente aperto a Milano, attratto dallo strano nome, che ho poi saputo (continua)

La Via dei Norcini : il Prosciutto Istriano e il Prosciutto cotto alla brace del Salumificio Spader

Borghi d'Europa promuove dal 2019 alcuni Percorsi Internazionali dedicati alla filiera agroalimentare, nel quadro del progetto L'Europa delle scienze e della cultura (Patrocinio IAI-Iniziativa Adriatico Jonica, Forum intergovernativo per la cooperazione regionale nella regione adriatico jonica). Uno di questi percorsi è dedicato alla Via dei Norcini.I giornalisti e i comunicatori della rete internazionale hanno voluto scegliere due prodotti : un prosciutto cotto alla brace della tradizione italiana, firmato dal Salumificio Spader di Mosnigo di Moriago della Battaglia, nelle Terre della Piave e il prosciutto istriano di Tignano.Il Prosciutto cotto alla brace del Salumificio Spader è aromat (continua)

Natura e tradizione: la riscoperta del Nocino

Come si dice “ogni promessa è debito; pertanto non potevo dimenticare quella fatta al Bartender Francesco di Ca Shin, la cascina all’interno del Parco Cavaioni, di fargli nuovamente visita per assaggiare il Nocino Benvenuti della collezione “I Liquori della Tradizione Italiana” del Gruppo Montenegro. Data la piacevolissima degustazione precedente, della Grappa Libarna di Barbera e Dolcetto Riserva, non fu un grande sacrificio!Dunque mi recai al Parco e, dopo una passeggiata propiziatrice di buon appetito, mi diressi al Ristorante.Come al solito fui accolto con grande gentilezza e gustai un ottimo piatto di tagliatelle, seguito da una costata di bue: un’ottima entrée dunque!Mi vi (continua)

BORGHI D’EUROPA ALLA SCOPERTA DI VARIE ECCELLENZE GRAZIE A CASCINE PIEMONTESI

Visite mirate e momenti di promozione di alcune zone di livello del Cuneese  Nella provincia di Cuneo, ricca di eccellenze agroalimentari, dal 2020 molti produttori hanno iniziato a fare squadra per promuovere  il territorio in maniera efficace: questo grazie al progetto Esperienze del Consorzio Cascine Piemontesi, promosso da Confagricoltura in collaborazione con la Camera di Commercio di Cuneo.La valorizzazione territoriale è uno dei punti fermi delle ini (continua)

EUROVINUM: REBORO, TERRITORIO E PASSIONE NELLA SPLENDIDA VALLE DEI LAGHI

EUROVINUM: REBORO, TERRITORIO E PASSIONE NELLA SPLENDIDA VALLE DEI LAGHI
Quarta edizione della rassegna promossa dall’Associazione dei Vignaioli Vino Santo Trentino Milano, 19 ottobre 2021-La bellissima Valle dei Laghi è situata nella parte sud-occidentale del Trentino, tra Riva del Garda e Trento e si chiama così per la presenza di numerosi laghi (tra cui quello di Cavedine, quello di Toblino e quello di Santa Massenza) che rendono il panorama davvero magnifico. Un aspetto importante di questa zona è sicuramente il clima, influenzato  dalla presenza costante di un vento chiamato “La Ora del Garda”, che percorre la valle a partire dal Lago di Garda e soffia dalla tarda mattinata sino a tutto il pomeriggio, che fa sì che gli inverni non sono mai troppo rigidi e le estati troppo torride: l’ideale per la produzione vitivinicola di qualità. (continua)