Home > Altro > DL ospedali favorisce il contagio? La furia di Spinelli (IDD)

DL ospedali favorisce il contagio? La furia di Spinelli (IDD)

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

DL ospedali favorisce il contagio? La furia di Spinelli (IDD)

Un articolo del DL 14/2020 permette ai medici ed agli infermieri di lavorare anche se entrati in contatto diretto fuori dalla propria attività lavorativa con persone positive al Covid-19 e questo fa infuriare il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli perché potrebbe mettere a serio rischio la salute dei colleghi e dei pazienti ricoverati negli ospedali italiani


16 novembre 2020: Il periodo di quarantena per le persone entrate in contatto con soggetti positivi al Covid-19 è passato da 14 a 10 giorni trascorsi i quali in assenza di sintomi si è autorizzati a lasciare l’isolamento domiciliare e riprendere la vita di tutti i giorni ma non tutti sanno che per gli operatori sanitari questa quarantena è solo part-time. Il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli ci introduce in quello che lui stesso definisce come un’assurdità che potrebbe mettere in pericolo la vita di molti italiani:” In questi giorni sta facendo discutere una circolare emessa dalla regione Lombardia che permette agli operatori sanitari, quindi medici ed infermieri, di prestare la proprio opera lavorativa presso gli ospedali anche in regime di quarantena un provvedimento che ha fatto infuriare i sindacati di categoria alcuni dei quali hanno accusato le istituzioni, in questo caso la regione lombarda, di trattare medici ed infermieri come carne da macello – inizia così il suo intervento Carlo Spinelli esponente di spicco del movimento fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro – infatti questa situazione lavorativa mette ancora di più in pericolo gli operatori sanitari costretti già ad operare in condizioni limite; naturalmente gli stessi medici ed infermieri una volta terminato il proprio turno lavorativo devono rispettare il regime di quarantena, quindi niente spesa, niente passeggiate e nessun contatto diretto col mondo esterno. Quanto però permesso dalla regione Lombardia segue un articolo del DL 14/2020 del 9 marzo e precisamente il numero 7 che prevede per gli operatori sanitari la possibilità di lavorare anche in regime di quarantena purché costantemente monitorati questo per far fronte alla carenza di personale medico ed infermieristico; ma se questo valeva per un periodo dove la pandemia ci aveva colti di sorpresa, non doveva assolutamente rendersi necessario adesso e la mancanza degli operatori sanitari doveva essere sopperita in estate quando il virus ci aveva dato una tregua soprattutto perché da molte parti si prevedeva una seconda ondata addirittura più violenta della prima. Purtroppo questo non è avvenuto ed ecco quindi che gli ospedali stanno ricorrendo al personale in quarantena per far fronte alle necessità che questa nuova ondata comporta. L’art.7 del DL 14/2020 comunque era stato anticipato già dal governatore della regione Lazio Zingaretti che nell’ordinanza 3652 del 6 marzo 2020 al punto 22 invitava il personale sanitario in quarantena a proseguire la propria opera professionale previa osservanza delle adeguate misure di contenimento del contagio, cosa che comunque tutti siamo tenuti a rispettare, sottoponendosi a costante sorveglianza sanitaria. Questa ordinanza – prosegue Spinelli – aveva spinto il governatore della regione Veneto Zaia a chiedere al governo una misura in favore di quanto disposto dall’ordinanza di Zingaretti e di fatto è stato accontentato. Questo articolo di legge smentisce quanto espresso nell’ordinanza ministeriale del 21 febbraio 2020 dove all’art.1 si permetteva agli operatori sanitari di continuare a lavorare solo se entrati in contatto con persone positive essendo dotati dei dispositivi di protezione individuale idonei al contenimento del contagio quindi si evince che questa regola valeva solo quando si era entrati in contatto con pazienti positivi sul luogo di lavoro definendo questi contatti a basso rischio  sottoponendosi comunque a sorveglianza sanitaria mentre laddove il contatto era a rischio medio o elevato ( quindi al di fuori del luogo di lavoro con dispositivi di uso comune o in assenza degli stessi quando era permesso ) anche per medici ed infermieri valeva la quarantena obbligatoria. Con questa quarantena part-time invece ci troviamo di fronte a persone che invece di curare rischiano di infettare pazienti che si trovano in ospedale per altre patologie che, se entrati in contatto con il Covid-19, possono addirittura provocarne la morte e questo provvedimento che permette a medici ed infermieri di lavorare seppur in regime di quarantena è una follia vera e propria che non si discosta da coloro che violano l’isolamento cosiddetto fiduciario e che vengono denunciati per dolo eventuale. E’ sufficiente quindi, secondo il decreto, la sorveglianza sanitaria per poter continuare ad operare anche durante la quarantena part-time che consiste nel misurare la temperatura tutti i giorni, cosa alla quale ci siamo tutti abituati perché la temperatura ci viene presa anche quando andiamo a fare la spesa, ed eseguire il tampone al 1°, 5°, e 10° giorno dell’isolamento; e se un infermiere o medico si positivizza il secondo o il sesto giorno? Per quattro giorni si recherà al lavoro in uno stato di positività asintomatica che, come accertato, non ne limita le potenzialità di contagio e quindi ecco che mette a repentaglio la salute dei propri colleghi e dei pazienti. Così gli ospedali che, come detto prima, dovrebbero essere luogo di cura, diventano potenzialmente veicoli di contagio molto più pericolosi dei teatri, dei cinema, dei ristoranti e di tutti quei luoghi chiusi dai vari DPCM perché negli ospedali sono ricoverati pazienti con patologie anche gravi; immaginate un oncologo positivo cosa può provocare ad un paziente oncologico o un infermiere asintomatico di terapia intensiva a che rischio metterebbe un infartuato. Mi rivolgo quindi al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed al Ministro della Salute Roberto Speranza ( ai quali invierò anche una mail ) affinché anche gli operatori sanitari che hanno avuto contatti definiti a medio e alto rischio vengano sottoposti a regime di quarantena come qualsiasi altro cittadino e non venga permesso loro di prestare la propria opera professionale in modo da rendere gli ospedali, almeno quelli, posti sicuri dove curare e non dove si mette a rischio la vita dei pazienti, di sopperire alla carenza di personale con assunzioni anche a tempo determinato e di ricorrere se è il caso al personale in pensione che è in grado di operare. In caso contrario – conclude Spinelli – li riterremo politicamente responsabili dei possibili contagi e delle eventuali conseguenze, anche mortali, che i pazienti dovessero subire in caso di contagio all’interno dei luoghi di cura”.

Ufficio stampa politica interna Italia dei Diritti

E mail idd.polinterna@gmail.com

Covid-19 | coronavirus | ospedali | decreto legge | Italia dei Diritti | Spinelli | De Pierro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FURIA “TU SEI MIO” è il singolo provocatorio della moderna cantastorie italiana


FURIA: “FREELANCE” è il nuovo brano della cantautrice milanese estrapolato dall’album “CANTASTORIE”


FURIA: ROBOT” fuori dal 6 luglio il brano che racconta la dicotomia fra uomo e donna


FURIA “ADDIO BARBIE” dall’album “Cantastorie” arriva il brano che celebra l’universo femminile


Emergenza Coronavirus: ospedali religiosi in prima linea, più di 100 medici contagiati. “Fare chiarezza sulla Sanità Privata”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crisi di governo, Italia dei Diritti accoglie con ottimismo la fiducia a Conte

Crisi di governo, Italia dei Diritti accoglie con ottimismo la fiducia a Conte
Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento fondato e presieduto da Antonello De Pierro si dice soddisfatto per la fiducia accordata al governo Conte seppure ottenuta al Senato con una maggioranza relativa e spera che l'esecutivo duri almeno fino alla fine dell'emergenza da Covid-19 Roma: Come si prevedeva anche al Senato Giuseppe Conte ottiene la fiducia, seppur  senza ottenere la maggioranza assoluta, e va avanti con il suo governo intraprendendo comunque una strada difficile e irta di difficoltà come ci dice Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti:” Non sarà certo facile per Giuseppe Conte gestire questa fase di govern (continua)

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito
Il responsabile per la politica interna di Italia dei Diritti Carlo Spinelli prende le difese del Premier Conte definendo positiva la sua esperienza di governo, critica aspramente la decisione di Renzi di aprire la crisi e si appella ai parlamentari in questo momento liberi da vincoli di partito chiedendo loro di aderire al movimento per creare un gruppo sia alla Camera che al Senato a sostegno del Premier Roma 14 gennaio: Tanto tuonò che piovve; e così dopo averlo più volte gridato ai quattro venti Renzi toglie i due ministri di Italia Viva dal governo e apre ufficialmente la crisi. Una crisi che si sarebbe dovuta evitare visto il periodo che stiamo vivendo, un comportamento da molti giudicato irresponsabile e criticato aspramente anche dalla stampa estera. Da molte parti campeggiano gli sloga (continua)

Raccolta differenziata a Lanuvio, tarip vera o presunta?

Raccolta differenziata a Lanuvio,  tarip vera o presunta?
Carlo Spinelli responsabile nazionale per la politica interna e segretario provinciale romano del movimento Italia dei Diritti denuncia gravi disservizi relativi alla Tarip nel comune di Lanuvio e chiede all'assessore all'ambiente delucidazioni sull'applicazione della stessa. Roma 28 dicembre 2020: Ormai un po’ tutti i comuni si stanno adeguando alla raccolta differenziata porta a porta unica via, in questa parte d'Italia, per raggiungere una percentuale accettabile di rifiuti differenziati, tutelare l'ambiente e far risparmiare qualche soldo ai contribuenti. In questo senso molti comuni stanno passando alla Tarip ( tariffa puntuale ) che permette di quantificare (continua)

DPCM Natale Giuseppe Conte ascolta Italia dei Diritti e chiude il Paese nei giorni prefestivi e festivi

DPCM Natale Giuseppe Conte ascolta Italia dei Diritti e chiude il Paese nei giorni prefestivi e festivi
Ascoltato il grido di allarme del movimento politico Italia dei Diritti che tramite una Pec del suo fondatore e presidente Antonello De Pierro chiedeva al Premier Giuseppe Conte di chiudere nei giorni prefestivi e festivi durante le festività natalizie per arginare la diffusione del virus Roma 21 dicembre 2020: Uscito il nuovo DPCM di Natale che mette il nostro Paese in zona rossa durante i festivi e prefestivi di queste festività che saremo costretti a vivere in modo anomalo a causa del Sars-Cov2. Provvedimenti che sono stati fortemente voluti dal movimento politico Italia dei Diritti che tramite il suo fondatore e presidente Antonello De Pierro attraverso una Pec aveva espre (continua)

Raccolta differenziata, finalmente anche a Capranica Prenestina parte il porta a porta

Raccolta differenziata, finalmente anche a Capranica Prenestina parte il porta a porta
Il servizio richiesto più volte dal consigliere del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli prende finalmente il via nel comune di Capranica Prenestina non senza qualche difficoltà e polemiche da parte di alcuni cittadini Dal 10 dicembre è partita anche a Capranica Prenestina la raccolta differenziata porta a porta. Sull’argomento interviene il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli capogruppo consiliare del movimento stesso in seno al consiglio comunale di Capranica Prenestina:” Finalmente la raccolta porta a porta, un servizio che inizia con ben 11 anni di ritardo. Infatti (continua)