Home > Ambiente e salute > Azzurra, la mascherina certificata e a Km 0 prodotta da Noctis arriva comodamente a casa con un semplice click

Azzurra, la mascherina certificata e a Km 0 prodotta da Noctis arriva comodamente a casa con un semplice click

scritto da: Marcos | segnala un abuso

Azzurra, la mascherina certificata e a Km 0 prodotta da Noctis arriva comodamente a casa con un semplice click

Azzurra il nome, per richiamare il colore-simbolo nazionale indossato dalle formazioni sportive che rappresentano l’Italia; bianca con gli elastici verdi e rossi i colori, quelli della bandiera italiana. E’ la mascherina chirurgica a km 0 realizzata e firmata Noctis Spa, leader italiana nella produzione di letti tessili, prodotto made in Italy al cento per cento, perché: Italians Do it Better!


Per l’emergenza Coronavirus, l’azienda di Pergola (Pesaro Urbino) dal maggio scorso ha scelto di ampliare la propria produzione tessile anche alle mascherine chirurgiche. Ne produce 30mila pezzi al giorno. Ed ora sono acquistabili attraverso un apposito portale di e-commerce: http://www.n-MED.it.

Dal produttore al consumatore che sa perfettamente cosa indossa per proteggersi. Per Azzurra sono state ottenute tutte le certificazioni, poi sottoposte alla verifica dell’Istituto superiore di sanità che ha concesso l’autorizzazione alla commercializzazione. A completamento di questo iter è arrivata la marcatura CE, quindi si è provveduto al deposito della documentazione presso il Ministero della salute. Sono mascherine di tipo IIR, la categoria più performante dal punto di vista della filtrazione batterica (98%), utilizzabili anche in contesti ospedalieri.

Grazie al nuovo servizio ideato da Noctis, la mascherina verrà consegnata direttamente a casa, in comodi dispenser da 50 pezzi, in soli 3 giorni.

Affidabilità, ingegno e amore per tutto quello che produce: queste le caratteristiche che da sempre contraddistinguono l’azienda. Noctis con grande senso di responsabilità ha deciso di intervenire operativamente nel momento più difficile della pandemia da Covid-19, nel segno dell’orgoglio e della solidarietà, come racconta il presidente Piero Priori: “La scelta di ampliare la nostra produzione tessile in mascherine chirurgiche e camici sanitari, è nata come gesto di solidarietà nei confronti di tutto il personale medico e infermieristico che lottava senza risparmiarsi nel momento di massima offensiva del virus con insufficiente disponibilità di dispositivi di protezione, richiesti anche all’estero, come del resto soffriva della stessa penuria di protezioni personali la gente comune. Ha giocato anche la volontà di preservare i posti di lavoro nell’azienda in un momento in cui nella prospettiva di un futuro incerto per la nostra produzione seriale era un vero pensiero. Si è così costituita una squadra operativa eccezionale che realizza un prodotto nato dalla nostra tecnologia, dalla nostra mano d’opera qualificata, esperienza e conoscenza dei tessuti di qualità reperiti da fornitori selezionati nel tempo. Un Prodotto made in Italy al cento per cento. Oltre ad intessere rapporti con le istituzioni statali abbiamo intensificato i rapporti con la comunità locale per mettere subito a disposizione le nostre mascherine dando precedenza a situazioni di grande difficoltà. L’azienda è diventata nel tempo un bene sociale per il nostro territorio e questa responsabilità la sentiamo profondamente”.

E ora la mascherina chirurgica Azzurra potrà essere acquistata anche dai privati: “Dopo aver messo a punto la produzione e fornito in questi mesi importanti gruppi industriali e le Asur del territorio – prosegue Mattia Priori, responsabile dell’organizzazione aziendale - adesso la mascherina può essere acquistata comodamente anche dai privati. Insomma dal produttore al consumatore, che potrà utilizzare un dispositivo di protezione di assoluta qualità, made in Italy, anzi a km 0, sapendo esattamente cosa andrà ad indossare. E’ questo un aspetto fondamentale perché va rimarcato che è bene proteggersi con dispositivi in grado di farlo. Azzurra ha una filtrazione batterica superiore al 98%. Si tratta di una mascherina di tipo IIR, la categoria più performante, autorizzata dall’Istituto superiore di sanità, con tanto di marcatura CE. Ora tutti i cittadini potranno proteggersi nel modo giusto – conclude Priori – basterà collegarsi al sito che abbiamo realizzato, anche con uno smartphone, per ricevere direttamente a casa Azzurra!”


Fonte notizia: http://www.n-MED.it


mascherina | noctis | covid | pergola | coronavirus |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Centro Risorse per la Prevenzione: Come Indossare la Mascherina


Affrontare l’epidemia Centro risorse per la prevenzione


La durata della mascherina


Mascherina Protettiva, Un Elemento Unico Per La Protezione


COME PROTEGGERE SE STESSI & GLI ALTRI CON MASCHERINE E GUANTI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mondavio, a San Filippo il presepe artistico più grande della Valcesano

Mondavio, a San Filippo il presepe artistico più grande della Valcesano
Un percorso di ben 200 metri in un’area verde di ben 1500 metri quadrati: cambia location e diventa il più grande della Valcesano il presepe artistico di San Filippo sul Cesano, frazione di Mondavio, uno dei Borghi più belli d’Italia, in provincia di Pesaro Urbino. Dopo il successo riscosso l’anno scorso, l’associazione San Filippo nel Mondo ha deciso di rinnovare il presepe per regalare al visitatore una esperienza ancora più coinvolgente ed emozionante. Atmosfera suggestiva, arte e artigianato che si mescolano con la ricerca attenta dei materiali, riscoperta e conservazione delle tradizioni, massima cura dei dettagli e tanta passione: sono questi gli ingredienti di un vero e proprio capolavoro. Una tradizione antica che è creatività e aggregazione, tanto da coinvolgere molti volontari e abitanti del piccolo centro che contribuiscono all’ (continua)

L’unione fa la forza: con Anabio Marche 12 Comuni insieme per il Distretto biologico Terre Marchigiane

L’unione fa la forza: con Anabio Marche 12 Comuni insieme per il Distretto biologico Terre Marchigiane
Con Anabio Marche 12 Comuni insieme per il Distretto biologico Terre Marchigiane. Il protocollo d’intesa nasce da una idea della presidente dell’associazione Sara Tomassini, e tutte le amministrazioni interessate stanno deliberando a riguardo. Comprende i comuni di: Pergola, Frontone, Serra Sant’Abbondio, San Lorenzo in Campo, Fratte Rosa, Mondavio, Terre Roveresche, Monte Porzio, Sant’Ippolito, Fossombrone, San Costanzo, Cagli. L’unione fa la forza e sempre più spesso le amministrazioni comunali stringono sinergie per raggiungere importanti obiettivi. In un territorio, quello delle vallate del Cesano e del Metauro, che ormai da anni si sta caratterizzando sempre più per eccellenze nel settore agroalimentare e vanta prestigiosi riconoscimenti in campo ambientale, c’è la volontà di costituire il distretto biologico Terre M (continua)

L’Itinerario delle Rocche nella provincia di Pesaro Urbino: viaggio tra i capolavori di Francesco di Giorgio Martini

L’Itinerario delle Rocche nella provincia di Pesaro Urbino: viaggio tra i capolavori di Francesco di Giorgio Martini
I capolavori, tra rocche, palazzi e fortificazioni, più importanti e significativi del grande architetto senese Francesco di Giorgio Martini sono protagonisti dell’ultima creazione firmata Confcommercio Marche Nord: l’Itinerario delle Rocche. E l’ennesimo progetto di promozione turistica, all’interno del più vasto Itinerario della Bellezza nella provincia di Pesaro Urbino di cui fanno parte ben 12 comuni: Urbino, Gradara, Pesaro, Fano, Pergola, Fossombrone, Mondavio, Cagli, Gabicce Mare, Terre Roveresche, Sant’Angelo in Vado, Colli al Metauro. I capolavori, tra rocche, palazzi e fortificazioni, più importanti e significativi del grande architetto senese Francesco di Giorgio Martini sono protagonisti dell’ultima creazione firmata Confcommercio Marche Nord: l’Itinerario delle Rocche. E l’ennesimo progetto di promozione turistica, all’interno del più vasto Itinerario della Bellezza nella provincia di Pesaro Urbino di cui fanno parte ben 12 (continua)

Blooming, a Pergola il Festival di arti numeriche e culture digitali

Blooming, a Pergola il Festival di arti numeriche e culture digitali
Torna Blooming, il festival dedicato alla promozione delle espressioni artistiche di ricerca nel campo della cultura digitale, della musica e delle arti elettroniche. Venerdì 11 e sabato 12 settembre 2020 la manifestazione ospiterà artisti e studi creativi internazionali con installazioni, videoproiezioni e performance all’interno di otto location uniche e rare nel centro storico di Pergola, in provincia di Pesaro Urbino, nelle Marche. Per il quarto anno consecutivo, uno dei borghi più belli d’Italia sarà teatro di sperimentazioni sensoriali, ambienti immersivi e performance coinvolgenti che contribuiranno a valorizzare il patrimonio storico ed architettonico della città.Blooming, grazie al format che coniuga location suggestive e contenuti spettacolari, si conferma una piattaforma unica nel panorama italiano degli eventi legati (continua)

Nasce Ospitalità e Turismo Marotta Mondolfo: 19 strutture ricettive. Enrico Ruggeri direttore artistico

Nasce Ospitalità e Turismo Marotta Mondolfo: 19 strutture ricettive. Enrico Ruggeri direttore artistico
Ospitalità e turismo nel nome, una chiave e il mare a 5 stelle nel logo. Nasce OtMM, il gruppo Ospitalità e Turismo Marotta Mondolfo che unisce ben 19 strutture ricettive del territorio comunale, tra hotel, alberghi e bed and breakfast. Enrico Ruggeri direttore artistico di una serie di importanti eventi. Ospitalità e turismo nel nome, una chiave e il mare a 5 stelle nel logo. Nasce OtMM, il gruppo Ospitalità e Turismo Marotta Mondolfo che unisce ben 19 strutture ricettive del territorio comunale, tra hotel, alberghi e bed and breakfast.Pensano e sognano in grande e per questo alla presentazione hanno scelto di invitare chi Marotta sin da bambino ce l’ha nel cuore, da anni ormai la promuove e ne è (continua)