Home > Sport > Roberto Papaverone racconta Puteolana-Latina: cronaca di una guerra annunciata

Roberto Papaverone racconta Puteolana-Latina: cronaca di una guerra annunciata

scritto da: Paolo Riggio | segnala un abuso

Roberto Papaverone racconta Puteolana-Latina: cronaca di una guerra annunciata

In quel Puteolana-Latina del 1992 più che violenza nello stadio fu una guerra, dove furono coinvolti tutti, calciatori, allenatori, tifosi e dirigenti.


“Altro che vittoria, siamo tornati a casa con 5 punti in testa! Quella partita fu una macelleria rusticana e per difenderci usammo qualsiasi cosa”. L’imprenditore ed ex presidente del Latina Roberto Papaverone sa di averla rischiata grossa in quel Puteolana-Latina del 1992. Nonostante siano passati tanti anni il suo ricordo è ancora vivo e riporta alla luce un grosso problema del movimento calcistico italiano: la violenza negli stadi. Specialmente nelle serie minori.

In quel Puteolana-Latina però più che violenza nello stadio, fu una guerra, dove furono coinvolti tutti, calciatori, allenatori, tifosi e dirigenti.

CRONACA DI UNA GUERRA ANNUNCIATA: L’ANEDDOTO DI ROBERTO PAPAVERONE

1992. Serie D. Il Latina Calcio di Giovan Battista Benvenuto sa di dover affrontare una trasferta a dir poco calda. Si gioca a Pozzuoli, allo Stadio Domenico Conte, contro la Puteolana, che non sarà una squadra imbattibile ma può contare su una delle tifoserie più violente e pericolose di tutta la categoria: “Nel calcio dilettantistico ci sono campi dove non puoi vincere se non vuoi rimetterci la pelle – racconta l’ex Presidente del Latina Calcio -. Quella giornata fu incredibile. Subimmo minacce prima e durante la gara, ma soprattutto ci mancò davvero poco per non far scappare il morto”.

Quello che rischiò di più in quella sfida di Serie D fu il mister del Latina Benvenuto: “Gli tirarono dalle tribune una sedia in faccia, aveva tutto il volto insanguinato – ricorda Papaverone –  Nel frattempo, mentre il mister veniva portato in infermeria, i tifosi della Puteolana iniziarono a venirci addosso, aggredendo sia i nostri supporter sia la dirigenza, me compreso. In quel momento non avevamo scelta, dovevamo sì cercare di uscire dallo stadio, ma anche difenderci. E l’abbiamo fatto, in tutti i modi che potevamo”.

LA VIOLENZA NEGLI STADI NELLE SERIE MINORI

Inutile ricordare il risultato della partita tra Latina e Puteolana: “Perdemmo, dovevamo perdere, non avevamo altra scelta. Purtroppo il calcio italiano ancora oggi, soprattutto nelle serie minori, non riesce a risolvere totalmente il problema della violenza sui campi sportivi, penso ad esempio agli arbitri malmenati o alle risse tra genitori nei settori giovanili.

Ricordo che qualche giorno prima della sfida chiesi ai miei calciatori di prendere i 3 punti. Sotto un certo punto di vista mi accontentarono eccome! Ne prendemmo 5, ma in testa! E sarebbe potuta andare molto peggio”. 

Roberto Papaverone | puteolana | latina | Latina calcio | Giovan Battista Benvenuto | stadio Domenico Conte | Pozzuoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Roberto Papaverone: “Vi racconto la rivalità tra Latina e Albalonga”


Latina Calcio, Roberto Papaverone e i tifosi del Partinico: “I miei amici siciliani mi invitarono a mangiare il pesce”


Roberto Papaverone e l'Aeroclub: storia di un amore di volo


Il Quartiere Prà e Roberto Papaverone: 15 anni fa il restauro della Parrocchia del Quartiere


Latina-Lazio: Gascoigne e i panini di Ughetto. Roberto Papaverone ricorda un calcio d’altri tempi


Roberto Papaverone e gli arbitri in Serie D: "Al Latina Calcio ne ho viste di cotte e di crude"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Roberto Papaverone e l'Aeroclub: storia di un amore di volo

Roberto Papaverone e l'Aeroclub: storia di un amore di volo
Negli anni ’90, Papaverone è stato il presidente dell’Aero Club di Latina, storico centro d’aviazione pontino, che ancora oggi resta attivo e presente sui cieli laziali e non solo “Librarsi in aria riempie come nessun’altra cosa. Da lassù tutto sembra più chiaro, fuori e dentro di noi. Ogni cosa da lassù, sembra trovare un senso, più autentico, più alto e più profondo”. Roberto Papaverone, quasi si commuove. Sono passati molti anni da quando suo zio maresciallo gli trasmise la passione per il volo. Una passione che poi è stata alimentata in molti modi.Durante la sua vi (continua)

Il Quartiere Prà e Roberto Papaverone: 15 anni fa il restauro della Parrocchia del Quartiere

Il Quartiere Prà e Roberto Papaverone: 15 anni fa il restauro della Parrocchia del Quartiere
GENOVA- Sono passati quindici anni dall'intervento dell'imprenditore Roberto Papaverone in favore del restauro della Parrocchia N.S. del Soccorso e San Rocco, nel cuore di Prà. Papaverone aiutò molti ragazzi e omaggiò suo padre Raffaello. Ecco il suo ricordo. GENOVA -  Quindici anni fa, l’imprenditore Roberto Papaverone supportava la Parrocchia N.S. del Soccorso e San Rocco, nel cuore di Prà, con i fondi necessari per il rinnovamento dell’Oratorio. Ecco il suo ricordo. Nella culla del ponente genovese, sede economica e politica delle prime popolazioni romane, c’è il quartiere Pra’, simbolo del patrimonio storico-artistico della città, ricc (continua)

Roberto Papaverone e gli arbitri in Serie D: "Al Latina Calcio ne ho viste di cotte e di crude"

Roberto Papaverone e gli arbitri in Serie D:
L'ex Presidente del Latina Roberto Papaverone si sofferma su due aneddoti grotteschi con protagonisti un arbitro sui generis e un pastore tedesco fuori controllo in Serie D. “La Serie D è la vera essenza del calcio. Perché? Perché può  capitarti di vedere qualsiasi cosa”. Così, l’imprenditore Roberto Papaverone ricorda il suo periodo da Presidente del Latina Calcio, avvenuto dal 1991 al 1996. Roberto Papaverone in queste ultime settimane sta raccontando alcuni aneddoti calcistici e sul quotidiano Oggi Notizie di cui è Direttore, si è soffermato su un tema mo (continua)

Latina Calcio, Roberto Papaverone e i tifosi del Partinico: “I miei amici siciliani mi invitarono a mangiare il pesce”

Latina Calcio, Roberto Papaverone e i tifosi del Partinico: “I miei amici siciliani mi invitarono a mangiare il pesce”
L’ex Presidente del Latina Roberto Papaverone ricorda la sua trasferta particolare in Sicilia, su invito dei tifosi del Partinico.  L'imprenditore Roberto Papaverone continua a raccontare alcuni aneddoti legati al suo periodo da Presidente del Latina. Oggi, sul quotidiano online di cui è Direttore, Papaverone si è soffermato sul suo incontro con gli ultras del Partinico, squadra della città in provincia di Palermo. “In Serie D ci sono campi, partite e tifoserie che ogni presidente vorrebbe evitare come la peste b (continua)

Roberto Papaverone: “Vi racconto la rivalità tra Latina e Albalonga”

Roberto Papaverone: “Vi racconto la rivalità tra Latina e Albalonga”
Sul quotidiano Oggi Notizie, l’ex Presidente del Latina Calcio Roberto Papaverone ha ricordato il suo incontro con Pasquale Santosuosso che mise fine, o tregua, alla rivalità accesa tra la squadra nerazzurra e l’Albalonga di Casal di Principe. Negli anni ’90 la rivalità Latina Calcio e Albalonga era più accesa che mai. Ecco un ricordo tragicomico dell’ex Presidente Roberto Papaverone. Sul quotidiano Oggi Notizie, l’ex Presidente del Latina Calcio Roberto Papaverone ha ricordato il suo incontro con Pasquale Santosuosso che mise fine, o tregua, alla rivalità accesa tra la squadra nerazzurra e l’Albalonga di Casal di Principe. (continua)