Home > Sport > Roberto Papaverone e l'Aeroclub: storia di un amore di volo

Roberto Papaverone e l'Aeroclub: storia di un amore di volo

scritto da: Paolo Riggio | segnala un abuso

Roberto Papaverone e l'Aeroclub: storia di un amore di volo

Negli anni ’90, Papaverone è stato il presidente dell’Aero Club di Latina, storico centro d’aviazione pontino, che ancora oggi resta attivo e presente sui cieli laziali e non solo


Librarsi in aria riempie come nessun’altra cosa. Da lassù tutto sembra più chiaro, fuori e dentro di noi. Ogni cosa da lassù, sembra trovare un senso, più autentico, più alto e più profondo. Roberto Papaverone, quasi si commuove. Sono passati molti anni da quando suo zio maresciallo gli trasmise la passione per il volo. Una passione che poi è stata alimentata in molti modi.

Durante la sua vita, Papaverone è stato tante cose. È stato imprenditore, presidente del Latina Calcio, uomo politico, ma forse nessuna tra queste esperienze gli ha donato le stesse emozioni dell’aviazione.

Negli anni ’90, Papaverone è stato il presidente dell’Aero Club di Latina, storico centro d’aviazione pontino, che ancora oggi resta attivo e presente sui cieli laziali e non solo. “Nei miei anni di presidenza abbiamo organizzato varie manifestazioni, ma quella che mi riempie più d’orgoglio e che rivivo con maggior affetto avvenne a Latina e vide l’emissione di tre pattuglie acrobatiche nazionali, quella italiana, quella spagnola e quella francese – ricorda Papaverone -. Fu un evento incredibile che riuscii ad organizzare miracolosamente. C’erano più di 200 mila persone e ricordo che la folla ci mise 3-4 per tornare a casa. Ancora oggi pensarci mi emoziona”.


Il volo e Papaverone, Papaverone e il volo. Una storia d’amore, ricca di luci e soddisfazioni, ma anche di momenti difficili e perdite care:Al tempo della mia presidenza all’Aero Club, purtroppo perdemmo un paracadutista. Ricordo che lo vidi scendere inerme e quando arrivò a terra ci accorgemmo che non c’era più niente da fare. Quando morì mi sentii morire anche io. E sapevo che ce ne sarebbero stati altri. Il volo da emozioni senza eguali, ma gli incidenti purtroppo accadono. È un fatto che bisogna accettare”.

Ancor più difficile da accettare per Papaverone fu la perdita di due compagni di corso d’aviazione, scomparsi anch’essi a seguito di incidenti aerei: “Da giovane presi il brevetto di pilota privato e con me c’erano anche Elio Ianiri e Antonio Belcastro, due cari amici – racconta -. Qualche anno dopo morirono in volo a seguito di circostanze assurde. Ianiri stava volando basso, a pochi metri dalla sua casa in costruzione. Un’ala toccò la cima di un albero e l’aereo andò a sbattere sui nastri della dimora che stava costruendo. Per me fu terribile e ci misi molto a riprendermi. Sia Elio che Antonio, erano persone incredibili, piene di vita ed energia, la loro esistenza fu un vero inno alla vita”.


Roberto Papaverone | Aeroclub | frecce tricolori | aviazione latina | Aeroclub Papaverone | presidente Aeroclub |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Quartiere Prà e Roberto Papaverone: 15 anni fa il restauro della Parrocchia del Quartiere

Il Quartiere Prà e Roberto Papaverone: 15 anni fa il restauro della Parrocchia del Quartiere
GENOVA- Sono passati quindici anni dall'intervento dell'imprenditore Roberto Papaverone in favore del restauro della Parrocchia N.S. del Soccorso e San Rocco, nel cuore di Prà. Papaverone aiutò molti ragazzi e omaggiò suo padre Raffaello. Ecco il suo ricordo. GENOVA -  Quindici anni fa, l’imprenditore Roberto Papaverone supportava la Parrocchia N.S. del Soccorso e San Rocco, nel cuore di Prà, con i fondi necessari per il rinnovamento dell’Oratorio. Ecco il suo ricordo. Nella culla del ponente genovese, sede economica e politica delle prime popolazioni romane, c’è il quartiere Pra’, simbolo del patrimonio storico-artistico della città, ricc (continua)

Roberto Papaverone e gli arbitri in Serie D: "Al Latina Calcio ne ho viste di cotte e di crude"

Roberto Papaverone e gli arbitri in Serie D:
L'ex Presidente del Latina Roberto Papaverone si sofferma su due aneddoti grotteschi con protagonisti un arbitro sui generis e un pastore tedesco fuori controllo in Serie D. “La Serie D è la vera essenza del calcio. Perché? Perché può  capitarti di vedere qualsiasi cosa”. Così, l’imprenditore Roberto Papaverone ricorda il suo periodo da Presidente del Latina Calcio, avvenuto dal 1991 al 1996. Roberto Papaverone in queste ultime settimane sta raccontando alcuni aneddoti calcistici e sul quotidiano Oggi Notizie di cui è Direttore, si è soffermato su un tema mo (continua)

Latina Calcio, Roberto Papaverone e i tifosi del Partinico: “I miei amici siciliani mi invitarono a mangiare il pesce”

Latina Calcio, Roberto Papaverone e i tifosi del Partinico: “I miei amici siciliani mi invitarono a mangiare il pesce”
L’ex Presidente del Latina Roberto Papaverone ricorda la sua trasferta particolare in Sicilia, su invito dei tifosi del Partinico.  L'imprenditore Roberto Papaverone continua a raccontare alcuni aneddoti legati al suo periodo da Presidente del Latina. Oggi, sul quotidiano online di cui è Direttore, Papaverone si è soffermato sul suo incontro con gli ultras del Partinico, squadra della città in provincia di Palermo. “In Serie D ci sono campi, partite e tifoserie che ogni presidente vorrebbe evitare come la peste b (continua)

Roberto Papaverone: “Vi racconto la rivalità tra Latina e Albalonga”

Roberto Papaverone: “Vi racconto la rivalità tra Latina e Albalonga”
Sul quotidiano Oggi Notizie, l’ex Presidente del Latina Calcio Roberto Papaverone ha ricordato il suo incontro con Pasquale Santosuosso che mise fine, o tregua, alla rivalità accesa tra la squadra nerazzurra e l’Albalonga di Casal di Principe. Negli anni ’90 la rivalità Latina Calcio e Albalonga era più accesa che mai. Ecco un ricordo tragicomico dell’ex Presidente Roberto Papaverone. Sul quotidiano Oggi Notizie, l’ex Presidente del Latina Calcio Roberto Papaverone ha ricordato il suo incontro con Pasquale Santosuosso che mise fine, o tregua, alla rivalità accesa tra la squadra nerazzurra e l’Albalonga di Casal di Principe. (continua)

Roberto Papaverone racconta Puteolana-Latina: cronaca di una guerra annunciata

Roberto Papaverone racconta Puteolana-Latina: cronaca di una guerra annunciata
In quel Puteolana-Latina del 1992 più che violenza nello stadio fu una guerra, dove furono coinvolti tutti, calciatori, allenatori, tifosi e dirigenti. “Altro che vittoria, siamo tornati a casa con 5 punti in testa! Quella partita fu una macelleria rusticana e per difenderci usammo qualsiasi cosa”. L’imprenditore ed ex presidente del Latina Roberto Papaverone sa di averla rischiata grossa in quel Puteolana-Latina del 1992. Nonostante siano passati tanti anni il suo ricordo è ancora vivo e riporta alla luce un grosso problema del movimento c (continua)