Home > Cultura > Lo scandalo affidi facili non si ferma: nuova denuncia ai carabinieri a Massa

Lo scandalo affidi facili non si ferma: nuova denuncia ai carabinieri a Massa

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Lo scandalo affidi facili non si ferma: nuova denuncia ai carabinieri a Massa

Come riferito dalla stampa, una giovane mamma di due figli piccoli di 3 e 6 anni si è trovata anche lei vittima di abusi sistematici nella Casa Sonrisa di Stiava nel 2017.


Sullo sfondo lo stesso copione: la madre in difficoltà viene collocata in casa famiglia insieme alla figlia di due anni e incinta di sette mesi. I dettagli riferiti alla stampa sono agghiaccianti, e comprendono un’incredibile serie di privazioni e vessazioni: ambienti insalubri, frigoriferi sotto chiave, cibo di cattiva qualità e in quantità insufficiente, spazio giochi sotto chiave, docce fredde, psicofarmaci e tanta violenza psicologica.

La madre va a partorire e la bambina di 2 anni resta in struttura con gli operatori e le viene impedito di visitare la madre e il fratellino. La mamma torna dall’ospedale dopo due settimane e trova la figlia intontita al punto che a volte non la riconosce. La bimba è sempre stanca e addormentata, e soprattutto ha dei lividi e graffi su tutto il corpo che nessuno spiega alla madre. La mamma comincia a ribellarsi a questo trattamento e chiama le forze dell’ordine in struttura per riferire di botte e graffi sulla figlia, ma il personale parla di “riferimenti poco comprensibili e complotti”.

A seguito della permanenza di tre mesi in questa struttura, la mamma viene dichiarata “pericolosa per sé e per gli altri”, viene allontanata per decreto del Tribunale e i bambini dati in affido a una famiglia. La mamma non li vede da ormai un anno e cinque mesi.

Secondo il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, una onlus sentinella contro gli abusi psichiatrici, si tratta di un espediente ben collaudato – lo stesso utilizzato a Bibbiano e a Rocchetta Belbo, in Piemonte: “Le motivazioni utilizzate per giustificare l’allontanamento (“disabilità intellettiva”, “inidoneità genitoriale”, “comportamenti pregiudizievoli nei confronti dei figli”  “vissuto persecutorio e vittimistico”) sono il solito cocktail di paroloni pseudomedici - privi del pur minimo riscontro oggettivo – usati per dare una parvenza di scientificità alla vicenda, e alimentare il business delle case famiglia e delle società farmaceutiche multimilionarie.

Questi “scienziati” fanno apparire la ribellione e la disperazione di una mamma che si vede portar via i figli – un comportamento che, date le circostanze, pare del tutto normale – come fosse la manifestazione di uno delle centinaia di cosiddetti disturbi mentali elencati nel DSM; il manuale edito dalla Società Psichiatrica Americana. Auspichiamo che queste opinioni cessino di avere valore probatorio in un processo e che i giudici, rifiutandosi di accettarle come prove, si riprendano il loro ruolo di “Perito dei Periti”, valutando in base a buon senso e sentimenti umani.”

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani

www.ccdu.org

www.facebook.com/ccdu.org

info@ccdu.org

CCDU | abusi psichiatrici | affidi | case famiglia | bambini sottratti alle famiglie |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Roma 2^ Conferenza Internazionale sull’Ambiente promossa dall’Arma dei Carabinieri. Aumenta tutela di ambiente e cibo con sinergia fra Carabinieri, FAO e UE. La partecipazione AISA (Scritto da Antonio Castaldo)


L’ALTA CUCINA INCONTRA SNAIDERO A TASTE OF ROMA 2016 Dal 15 al 18 settembre 2016 – Auditorium Parco della Musica – Roma


MICHELANGELO GIORDANO: “LE STRADE POPOLARI” è il disco d'esordio dell’artista escluso da Sanremo per i “troppi voti”


Una settimana di Ashtanga Yoga con Susanna Finocchi e Gabriele Severini, seminario dal 3 al 9 Luglio 2021 a Marina di Massa in Toscana


Preparazione atletica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)