Home > News > Artigianato artisico, il grido di allarma di CNA Toscana

Artigianato artisico, il grido di allarma di CNA Toscana

scritto da: Cristina_Guerra | segnala un abuso

Artigianato artisico, il grido di allarma di CNA Toscana


Non sono state oggetto di particolari restrizioni, ma hanno comunque pagato un prezzo altissimo, superiore a quello di molte altre realtà colpite dalla pandemia. Sono le aziende dell’artigianato artistico, che nel 2020 hanno subìto un drastico calo di fatturato, con perdite comprese tra il 40% e l’80%. La categoria è ovviamente legata al turismo e, in assenza di flussi di visitatori, ha visto colare a picco le vendite, senza neanche poter contare sui ristori di Governo e Regione. “La stragrande maggioranza delle nostre imprese lamenta riduzioni di fatturato che in molti casi rischiano di mettere a repentaglio la loro sopravvivenza - spiega Sandra Pelli, presidente Unione Artigianato Artistico e Tradizionale di CNA Toscana. - A questo si aggiunge il fatto che, contrariamente ad altri settori come la filiera del commercio, il turismo e la ristorazione, quello dell’artigianato artistico è stato completamente escluso dal sistema dei ristori. Eppure l’Italia, e la Toscana in particolare, rappresenta una vera eccellenza a livello mondiale, in questo settore, sia per qualità che quantità di imprese presenti. Tutte realtà piccole, a conduzione familiare, che già stavano vivendo un periodo di crisi e che quindi sono più fragili rispetto alle altre”. Per contrastare l’emergenza servono adesso azioni forti, che vadano nella direzione di un intero rilancio del settore. “È essenziale mettere in campo investimenti e strumenti di accesso a misure di sostegno - prosegue Pelli - a partire dagli sgravi fiscali e sugli affitti, fino ad agevolazioni per partecipare a fiere e mostre come quella dell’Artigianato a Firenze, che rappresentano una vetrina di promozione molto importante. Il settore infatti è entrato in crisi anche perché sono venute a mancare occasioni di visibilità, come le fiere di settore, che sono strategiche per l’artigianato. Adesso la sfida del 2021 sarà quella di non lasciare indietro nessuno e che si mettano in campo strumenti utili a rilanciare l’intero comparto. Un’idea può essere la disponibilità, da parte dei Comuni, a mettere a disposizione degli artigiani alcuni spazi pubblici, a rotazione, per la promozione dei prodotti locali. Nell’immediato, però, servono i ristori, che non devono essere assegnati sulla base dei codici Ateco, ma sui reali cali di fatturato”.

artigianato | mestieri | crisi | coronavirus |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

IL GRIDO “LA CANZONE DI MERDA” È IL NUOVO SINGOLO DELLA BAND ALTERNATIVE ROCK ROMANA


GLOBAL POWER spa Convenzione AMPI CNA Venezia


Da CNA-FITA Toscana un appello per taxi, ncc e bus


Matrimonio in Toscana: 6 motivi per sposarsi in questa regione


In Toscana a settembre: fuga rilassante tra natura e cultura


"ACT LAB 2.0": arte e cultura alla Sanità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fiscalità del tabacco, tra riequilibrio e sostenibilità gettito

Diversità di trattamento fiscale tra i prodotti con tabacco combusto, le sigarette tradizionali e quelle con tabacco riscaldato ed esigenza di un riequilibrio, tenendo conto che evidenze scientifiche hanno smentito che il tabacco riscaldato sia meno dannoso di quello combusto. Se ne è parlato in un convegno online organizzato da Casmef-Luiss, dal titolo “La fiscalità del tabacco tra sostenibilità (continua)

Da CNA-FITA Toscana un appello per taxi, ncc e bus

Da CNA-FITA Toscana un appello per taxi, ncc e bus
L’entrata, nel Decreto Ristori, delle categorie Taxi e Ncc è sicuramente un risultato importante per la CNA-FITA, frutto dei tavoli di concertazione instaurati con il Governo negli ultimi mesi.Non si poteva rischiare che tali categorie rimanessero escluse dal provvedimento, alla luce del fatto che seppur le rispettive attività non siano state soggette a chiusura, è innegabile la crisi strutturale (continua)

Philip Morris Italia, chiesto il rinvio a giudizio gli ex manager per l’accusa di corruzione

Philip Morris Italia, chiesto il rinvio a giudizio gli ex manager per l’accusa di corruzione
Il colosso del tabacco Philip Morris Italia rischia il processo. Secondo quanto riportato da “Il Fatto Quotidiano” il sostituto procuratore di Roma, Alberto Pioletti, avrebbe chiesto il rinvio a giudizio nei confronti dell’azienda perché suoi manager e collaboratori sono stati accusati di aver tentato di corrompere alcuni dirigenti dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, allo scopo di ottenere i (continua)

Editoria, domani escono i libri di Donatella Bianchi e Valentina Bisti

Editoria, domani escono i libri di Donatella Bianchi e Valentina Bisti
Due novità in arrivo per Rai Libri, che da domani sarà nelle librerie e negli store digitali con “L’eredità del mare” e “Tutti i colori dell’Italia che vale”, rispettivamente di Donatella Bianchi e Valentina Bisti. Due volumi molto diversi fra loro, ma che testimoniano come il nostro Paese sia costituito da ricchezze di inestimabile valore, sia dal punto di vista naturalistico, sia da quello umano (continua)

Turismo: bus, il settore e’ in rivolta in arrivo lo sciopero fiscale

Turismo: bus, il settore e’ in rivolta in arrivo lo sciopero fiscale
Un provvedimento totalmente inadeguato, che dopo settimane di annunci mette il turismo alle corde, senza azioni concrete per salvare le aziende. L’allarme, relativamente al “Decreto Rilancio” del Governo, arriva dal Comitato Bus Turistici Italiani, realtà che rappresenta oltre seimila aziende, che nella stagione dei viaggi dà lavoro a 40mila famiglie, con un fatturato di quasi tre miliardi di euro (continua)