Home > Turismo e Vacanze > Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei

Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei

Il santuario della beata Vergine del Rosario di Pompei è uno dei santuari mariani più importanti e visitati d’Italia. Tra i papi che hanno visitato il santuario della Beata Vergine del Rosario di Pompei, ci sono stati san Giovanni paolo II, Benedetto XVI e papa Francesco.


La storia del santuario è legata alla figura del beato Bartolo Longo, che è stato il suo fondatore, assieme alla contessa Marianna del Fusco, con la quale condivise anche una vita dedicata all’aiuto dei più bisognosi.

Il santuario è stato costruito grazie alle offerte spontanee dei fedeli di ogni parte del mondo. Si iniziò nel 1876, ed il primo a seguire i lavori fu Antonio Cua, docente dell’Università di Napoli, e che diresse in maniera gratuita la costruzione della parte rustica della chiesa. Mentre Giovanni Rispoli, si dedicò sia alla decorazione sia alla lavorazione della monumentale facciata che venne inaugurata nel 1901. Il santuario divenne basilica pontificia maggiore grazie a papa Leone XIII nel 1901.

La chiesa in principio aveva una sola navata, ma con il passare del tempo e con l’aumento dei fedeli che si recavano in chiesa, divenne necessario l’ampliamento del santuario che venne eseguito tra il 1934 al 1938. Il santuario così divenne a tre navate. Oltre che meta di pellegrinaggi, il santuario attira anche molti turisti, che oltre a visitare gli adiacenti scavi archeologici dell’antica Pompei, si recano al santuario, per ammirare la quantità di ex voto, presenti nei corridoi, che il quadro della Madonna di Pompei. Immagine mariana a cui migliaia di pellegrini si rivolgono in preghiera e per avere aiuto.

Si deve ringraziare Bartolo Longo per questa immagine e non solo. Bartolo Longo proprio perché voleva propagare la pratica del rosario, si recò a Napoli per acquistare un dipinto della Madonna del Rosario. Voleva acquistarne uno già visto in un negozio, ma le cose andarono diversamente. In via Toledo per puro caso, incontra infatti, Padre Radente, suo confessore, che gli consigliò di andare a suo nome al Conservatorio del Rosario di Portamedina, e di chiedere a suor Maria Concetta De Litala un vecchio dipinto del rosario che egli stesso le aveva affidato. Bartolo Longo si recò dalla suora, ma rimase sconvolto alla visione del quadro, molto rovinato e con la Madonna che in maniera insolita consegna il rosario a Santa Rosa anziché a santa Caterina da Siena come da tradizione. Bartolo Longo voleva rinunciare, ma la suora con insistenza lo convinse a portar via il quadro. Arrivò al Santuario di Pompei su un carretto che trasportava letame, avvolto in una coperta logora e consumata. Il dipinto rovinato subì vari restauri e ben presto l’immagine della Madonna si coprì di pietre preziose e offerte dei fedeli .

Ogni anno oltre quattro milioni di persone si recano in visita al santuario in particolare l’8 maggio e la prima domenica di ottobre per assistere alla supplica alla Madonna di Pompei, preghiera e atto d’amore alla Vergine, scritta dal beato Bartolo Longo .

Vuoi visitare Pompei, contatta Naples and Italy, visita il loro sito visita il sito www.guideturistichenapoli.it

Contatti

Naples and Italy visite guidate ed eventi

via Port’Alba 30 – 80134 Napoli (centro Antico)

telefono +39 081 549 9953 – 3404230980

WhatsApp +39 3357851710

e-mail visitenapoli@gmail.com

 


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


pompei | santuario di Pompei | santuario Mariano | visite guidate Napoli | guide turistiche Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

- Brusciano Speciale Festa Immacolata Concezione con l’esposizione alla pubblica venerazione della nuova effige della Beata Vergine Maria di Pompei. Prima Preghiera per malati di tumore. (Scritto da Antonio Castaldo)


Intervista di Alessia Mocci a Rosario Tomarchio, autore della raccolta poetica Cielo


Intervista di Cristina Biolcati a Rosario Tomarchio ed al suo “La Sicilia nelle tradizioni in cucina”


Intervista di Alessia Mocci a Rosario Tomarchio: vi presentiamo l’antologia “Memorie”


- Campania Palcoscenico del 4° Gran Premio Teatro Amatoriale FITA Stagione artistica 2018. (Inoltrato da Antonio Castaldo)


Intervista di Alessia Mocci a Rosario Tomarchio ed al suo Ricordi di poesie


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Basilica di Santa Maria della Sanità Napoli

Basilica di Santa Maria della Sanità Napoli
La Basilica di Santa Maria della Sanità, più conosciuta come la chiesa di San Vincenzo alla Sanità, è una delle chiese antiche della città di Napoli, situata nello storico Rione Sanità. La Basilica di Santa Maria della Sanità venne costruita tra il 1602 e il 1610 da Frà Nuvolo. La chiesa è uno dei tanti esempi di arte barocca che abbiamo a Napoli. L’arte barocca difatti trovò nel XVII a Napoli, uno dei momenti di massimo splendore. Gli artisti utilizzavano linee curve e sinuose, creando un gioco di chiaroscuro, utilizzando materiali diversi come marmo e piperno. Si utilizzav (continua)

Chiesa di Sant’Antonio Abate Napoli

Chiesa di Sant’Antonio Abate Napoli
La chiesa di Sant’Antonio Abate è una delle più antiche chiese della città di Napoli. Sorge proprio nell’omonimo borgo, che per secoli è stato uno dei cuori pulsanti della città. La Chiesa di Sant’Antonio Abate, seppur considerata tra le abbazie importanti della città di Napoli, le notizie storiche a disposizione sono inspiegabilmente scarse. Nel 1905 Benedetto Croce, avendo notato questa enorme lacuna riguardo la storia di una delle chiese più antiche della città, invia nell’abbazia un cronista per descriverne dettagliatamente la struttura, le opere artistiche conten (continua)

Palazzo dello Spagnolo Napoli

Palazzo dello Spagnolo Napoli
Il palazzo dello Spagnolo o dello Spagnuolo, è uno dei palazzi storici della città di Napoli. Ubicato in Via dei Vergini nel Rione Sanità, il Palazzo dello Spagnolo è uno dei palazzi monumentali che si trova nel pieno centro antico di Napoli. Il Palazzo dello Spagnolo venne costruito nel 1738, su commissione del marchese di Poppano Nicola Moscati. Il marchese volle unificare due lotti di terra ricevuti dalla moglie. Il progetto venne affidato all’architetto Ferdinando Sanfelice. Il Sanfelice oltre al progetto dell’imponente palazzo, realizzò la monumentale scala a doppia rampa, chiamata ad “ali di falco”. La scala venne pensata co (continua)

Casa dei Cervi Ercolano

Casa dei Cervi Ercolano
La Casa dei Cervi di Ercolano, è una domus di epoca romana, sepolta durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. L’antica città di Ercolano subì lo stesso destino delle antiche città di Pompei, Stabia e Oplonti.Gli scavi archeologici dell’antica città di Ercolano iniziarono in maniera quasi casuale nel 1738. La Casa dei Cervi è cosi chiamata per via del ritrovamento nel giardino, di due statue di cervi assaliti da cani. L’elegantissima e lussuosa domus, con terrazza vista mare fu costruita nel periodo i (continua)

La Villa comunale di Napoli

La Villa comunale di Napoli
La Villa comunale di Napoli è uno dei giardini storici cittadini. È un vasto giardino piantato a lecci, pini, palme, eucalipti. La Villa comunale si estende per oltre 1 Km tra piazza Vittoria e piazza della Repubblica, giardino che è fiancheggiato dalla Riviera di Chiaia e da Via Caracciolo. La prima idea e fondazione della Villa Comunale di Napoli, risale al 1697, quando il vicerè duca di Medinacoeli fece piantare lungo la Riviera di Chiaia un doppio filare di alberi, che venne abbellito da tredici fontane.Questa costruzione vicereale volle dare alla città di Napoli, una prima idea di passeggiata che dalla porta di Chiaia arrivava fino alla Crypta Neapolitana.Ma la vera trasform (continua)