Home > Lavoro e Formazione > Payper e il nuovo magazzino automatico

Payper e il nuovo magazzino automatico

Payper e il nuovo magazzino automatico

 Payper è un marchio che evoca libertà, voglia di esplorare il mondo. Il suo obiettivo è far vivere la passione e incarnare nei prodotti uno stile di vita, rivolgendosi a tutte quelle le generazioni che vogliono vivere con piacere la quotidianità, dal lavoro al viaggio. Payper è un marchio di abbigliamento prettamente casual, sportivo, promozionale e per il tempo libero. A fianco di questa linea, è stata parallelamente sviluppata una linea dedicata all’abbigliamento da lavoro.

 

L’azienda IndustrialWear, che ha pensato e sviluppato il brand Payper, ha optato per un investimento in logistica, implementando un magazzino automatico per colli a ripiani per 154.000 locazioni. L’esigenza di stoccaggio interessa cartoni e casse con diverse dimensioni, con profondità che vanno da 350 a 800 mm e altezze che spaziano da 220 a 420 mm, per un peso di 30 kg cadauna. Il magazzino è realizzato a 16 corsie, per 12 livelli di carico.

 

La particolarità dell’impianto sono i piani realizzati attraverso un sistema di tegole alternate vuoto-pieno al 50%, ottenendo buonissimi risultati in termini di risparmio economico e performance: risparmio sul peso proprio della struttura e diminuzione dei costi dell’impianto antincendio, dato che il sistema vuoto-pieno consente un ottimo percolamento. A completare l’impianto anche due sistemi di soppalco, per un totale di circa 600 metri quadri di superficie.

magazzino | magazzino automatico | automazione pallet |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Gruppo PAM aderisce a TC1 GDO: la piattaforma di filiera retail di TESI


Univergomma rivoluziona il proprio magazzino con Dalmine LS


Bayernland: freschezza d’eccellenza a Verona


Dropshipping in Brasile: perché ora è il momento giusto per iniziare.


DAL PROSECCO A TRUCKPOOLING, COSI’ LOGISTIC NET SFIDA I GIGANTI DELL’E-COMMERCE


 

Ieri...

Stesso autore

Cosmesi made in Italy: la produzione conto terzi fa da traino al settore

Cosmesi made in Italy: la produzione conto terzi fa da traino al settore
  I dati diffusi da Cosmetica Italia dipingono un 2017 florido per il settore cosmetico in Italia: a fare da traino al settore, la produzione conto terzi che viene esportata in tutto il mondo.   La crisi economica sembra non aver toccato il settore cosmetico in Italia che continua a crescere, anche fuori dai confini nazionali. Il 2017 è stato, per l’industria cosmetica it (continua)

L’agenzia giusta per l’organizzazione eventi a Parma

L’agenzia giusta per l’organizzazione eventi a Parma
  State cercando un’agenzia di organizzazione eventi a Parma? Food Valley Travel è sinonimo di garanzia e professionalità!   Il settore M.I.C.E. (acronimo di Meeting, Incentive, Congressi ed Eventi) rappresenta una fetta molto importante del turismo in Italia: i viaggi di lavoro sono sempre più frequenti, così come le riunioni d’affari, i congre (continua)

Professione frigorista: in continua evoluzione e sempre più richiesta

Professione frigorista: in continua evoluzione e sempre più richiesta
Il tecnico frigorista, la cui definizione precisa è “installatore e manutentore di impianti a fluidi termoportanti naturali”, nasce dall’esigenza di formare un professionista esperto anche nella gestione dei nuovi fluidi refrigeranti, che ovviamente sono parte integrante delle soluzioni a basso impatto ambientale, il futuro del settore. Il settore della refrigerazione ind (continua)

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera
  Chi lavora nel settore è consapevole che ottenere una lavorazione perfetta per le lamiere non è affatto semplice. Se da un lato la tecnologia ha fatto passi da giganti, dall’altro non tutte le realtà sono già formate riguardo all’utilizzo dei macchinari di ultima generazione. Per questo motivo, è importante conoscere i metodi più innova (continua)

Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana
  Piatto immancabile delle tavole parmigiane nei giorni di festa, le prime tracce storiche dell’anno risalgono al XII secolo, quando questo primo piatto di pasta ripiena viene citato nel 1284 nella Cronica da Salimbene de Adam. Occorre però attendere fino al XVI secolo perché il piatto venga riproposto nei pranzi di nobili, cardinali e papi da Bartolomeo Scappi, che forni (continua)