Home > Lavoro e Formazione > Payper e il nuovo magazzino automatico

Payper e il nuovo magazzino automatico

Payper e il nuovo magazzino automatico

 Payper è un marchio che evoca libertà, voglia di esplorare il mondo. Il suo obiettivo è far vivere la passione e incarnare nei prodotti uno stile di vita, rivolgendosi a tutte quelle le generazioni che vogliono vivere con piacere la quotidianità, dal lavoro al viaggio. Payper è un marchio di abbigliamento prettamente casual, sportivo, promozionale e per il tempo libero. A fianco di questa linea, è stata parallelamente sviluppata una linea dedicata all’abbigliamento da lavoro.

 

L’azienda IndustrialWear, che ha pensato e sviluppato il brand Payper, ha optato per un investimento in logistica, implementando un magazzino automatico per colli a ripiani per 154.000 locazioni. L’esigenza di stoccaggio interessa cartoni e casse con diverse dimensioni, con profondità che vanno da 350 a 800 mm e altezze che spaziano da 220 a 420 mm, per un peso di 30 kg cadauna. Il magazzino è realizzato a 16 corsie, per 12 livelli di carico.

 

La particolarità dell’impianto sono i piani realizzati attraverso un sistema di tegole alternate vuoto-pieno al 50%, ottenendo buonissimi risultati in termini di risparmio economico e performance: risparmio sul peso proprio della struttura e diminuzione dei costi dell’impianto antincendio, dato che il sistema vuoto-pieno consente un ottimo percolamento. A completare l’impianto anche due sistemi di soppalco, per un totale di circa 600 metri quadri di superficie.

magazzino | magazzino automatico | automazione pallet |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Gruppo PAM aderisce a TC1 GDO: la piattaforma di filiera retail di TESI


Univergomma rivoluziona il proprio magazzino con Dalmine LS


Realizzare una casa domotica senza effettuare lavori di ristrutturazione: il Sistema radio My Home BTicino


I telefoni snom certificati per la piattaforma VoIP di BroadSoft


Il Magazzino automatico verticale che ottimizza al massimo la gestione del lavoro e dello spazio


 

I più cliccati

Stesso autore

Piegatura lamiera: i 5 metodi più utilizzati

Piegatura lamiera: i 5 metodi più utilizzati
 Parlando di piegatura lamiere, si fa riferimento a uno dei più frequenti processi di lavorazione delle lamiere. La piegatura della lamiera è semplicemente l’applicazione di una flessione sul materiale, che ne produce deformazioni permanenti. Questo processo è applicato alla fibra neutra, la parte centrale della lamiera, che viene così sottoposta a una flessi (continua)

Eccellenze italiane: i maestri dell’interior design made in Italy

Eccellenze italiane: i maestri dell’interior design made in Italy
  Trovare complementi di arredo di qualità è un’impresa impossibile nella produzione di massa; bisogna cercarli nelle aziende artigiane che hanno fatto dell’interior design made in Italy il loro punto di forza.   Una casa perfetta, accogliente, calda e vitale è il sogno di ogni persona. Spesso ci troviamo a girovagare per i centri commerciali nella spe (continua)

Ungari Group, la risposta alle esigenze di magazzino

Ungari Group, la risposta alle esigenze di magazzino
  La movimentazione delle merci è una realtà molto complessa: in magazzino occorre avere personale preparato e mezzi idonei allo stoccaggio e allo spostamento dei carichi.   Chi gestisce un magazzino o lavora in un deposito di merci sa bene quanto sia delicata la fase della gestione: ogni giorno arrivano e partono centinaia di pallet, che devono raggiungere le attivit&ag (continua)

Parte la fatturazione elettronica tra imprese

Parte la fatturazione elettronica tra imprese
 È finalmente attivo il nuovo servizio di fatturazione elettronica per regolare i rapporti tra imprese. La piattaforma dedicata alle PMI si arricchisce di nuove funzionalità per consentire loro di effettuare online la compilazione, l’invio e la conservazione delle fatture non solo verso la Pubblica amministrazione ma anche verso le imprese. “È senza dubbio (continua)

Legge di Bilancio: novità su caldaie e pompe di calore

Legge di Bilancio: novità su caldaie e pompe di calore
 La detrazione fiscale per cambiare l'impianto di riscaldamento rimane al 65% se si installano pompe calore o caldaie abbinate a termostati intelligenti. Se la caldaia si sostituisce con una pompa di calore o con un’altra caldaia dotata di un sistema di termoregolazione “intelligente”, la detrazione fiscale rimarrà al 65% anziché essere abbassata al 50% come si (continua)