Home > Altro > IL GIGANTE DI GESSO: Publio Emilio Celso è chiamato ad investigare per una strana uccisione nella Roma antica

IL GIGANTE DI GESSO: Publio Emilio Celso è chiamato ad investigare per una strana uccisione nella Roma antica

IL GIGANTE DI GESSO:  Publio Emilio Celso è chiamato ad investigare per una strana uccisione nella Roma antica
Uno dei maggiori drammi della storia di Roma antica – la battaglia di Teutoburgo – fa da sfondo e si intreccia con la vicenda personale di un giovane avvocato italico, inviato controvoglia a perfezionare la sua arte presso Publio Quintilio Varo. Questo è il tema che Massimo Drago affronta ne “Il gigante di gesso” edito da Il Seme Bianco.

Publio Emilio Celso sarà chiamato a compiere un’investigazione per l’esercito sulla strana uccisione di un fornitore di derrate. Nel corso dell’indagine, perderà molte delle sue certezze, ma scoprirà il valore del mondo culturale in cui è nato: mondo minacciato dalla barbarie esterna, il cui simbolo iconico è proprio la terribile Foresta Nera, che permea di paura ogni recesso, inclusi quelli della mente.

“La Germania fece la sua apparizione nella vita di Roma il 113 a. C., nelle voci inquietanti di mercanti italici che riferirono nel Foro che al di là delle Alpi una massa innumerevole di uomini, donne e bambini giungeva dalle terre dell’ignoto e si andava adunando per marciare sull’Italia.”

“Da quell’estate dell’anno nove dell’era volgare, e per molti anni a seguire, quel bosco biancheggiò di ossa umane e di animali. Se ne avvistavano ogni dove, sotto le frasche, presso i ceppi, ai piedi degli alberi e persino sulle fronde. E dovevano essercene proprio molte, là dentro ne erano caduti ventimila. Lembi di tessuto, schegge lignee di armi, rari frammenti metallici, qualche ruota di carro, cesti e utensili rotti, persino il guscio di una carruca dormitoria completavano lo spettacolo dei resti di un esercito romano, penetrato nella Selva Nera, o Ercinia, per non uscirne più. Il nostro uomo guardava senza fermarsi. Riconosceva gli oggetti perché li aveva davvero visti – proprio quelli – qualche anno prima, quando viveva in mezzo a quella gente che ora decorava con le proprie ossa il fogliame.”

Massimo Drago, nato nel 1966, è originario di Corbetta, in provincia di Milano. Cintura nera di karatè, laureato in giurisprudenza, ex aviere dell’Aeronautica Militare, lavora nell’editoria giuridica, con qualche appagante incursione nella narrativa e nella saggistica storica. Viaggia ovunque vi siano vestigia romane da visitare.

IL GIGANTE DI GESSO, Massimo Drago, Il Seme Bianco, pp.167. Euro 15,90.

Il gigante di gesso | Massimo Drago | Il seme Bianco | Libri | romanzo storico | Roma antica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

IL GIGANTE DI GESSO: Publio Emilio Celso è chiamato ad investigare per una strana uccisione nella Roma antica


Marigliano-Pomigliano d'Arco. L’omaggio camminante alla XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano. (Scritto da Antonio Castaldo)


Viaggio in Turchia con il supporto di guida italiana


PER UN MESE E MEZZO ABRUZZO E MOLISE IN VETRINA A NEW YORK


FRANCO NOCCHI: “ANCHE SE NON SO VOLARE” E' IL SUO NUOVO SINGOLO PER SOSTENERE LA FONDAZIONE “ARCO”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti

EAP: Nuove truffe per far pagare i libri agli esordienti
Esistono molti modi per pubblicare un libro, lo si può fare anche da soli trovando un sito che impagina e poi stampa per te. Questi siti, poi pubblicizzano l’opera si Amazon, Ibs etc, ma il libro non va in libreria, insomma non c’è distribuzione. Ma se ci sia affida una casa editrice seria, questa la distribuzione ce l’ha e di affida a un distributore che promuove il libro nelle librerie. La (continua)

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE

UN AMORE SENZA TEMPO DI MICHELE FALZONE
UN AMORE SENZA TEMPO Esce il nuovo romanzo di Michele Falzone “Un amore senza tempo” edito da Il Seme Bianco. Siamo a Parigi. Ferdinando, scrittore e filosofo di fama, ormai settantenne, vive un momento di profondo disagio esistenziale. Nel tentativo di addomesticare le angosce della vecchiaia e il pensiero ricorrente della morte, ricompone tutti i ritagli della sua esistenza: dalle inquietu (continua)

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol

Noi antabusiani: come sopravvivere all’Antabuse e sconfiggere la dipendenza da alcol
Esce il libro autobiografico di Lucia Besana sul tema disintossicazione dalla dipendenza dall’alcol.L'autrice tratta l'argomento dell'etilismo rimuovendo con ironia ogni tabù, soffermandosi sui meccanismi psicologici e sociali che possono causare la dipendenza e l'ossessione per l'alcol e fornendo una serie di indicazioni pratiche al problema. Dall'utilizzo di un farmaco di nome Antabuse, del q (continua)

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide

“L’ultimo veggente”: quando la speranza di un cambiamento, a volte, uccide
“L’ultimo veggente” di Salvatore Varsallona, edito da Il Seme Bianco, narra la quotidianità di un piccolo centro della Sicilia che viene d’improvviso sconvolta dalle apparizioni della Madonna. Il veggente è un ragazzo di 18 anni che viene da un altro paese e che nessuno conosce. Le apparizioni avvengono in campagna, sopra un albero di ciliegio il primo gioved& (continua)

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza

“Il Vecchio”: una storia di riscatto e tenerezza
Esce il romanzo di Marco Acciavatti, “ Il vecchio”, edito da Il Seme Bianco, che racconta la la storia di un povero vecchio vive in solitudine consumato dal dolore per gli affetti perduti e dal rimorso per gli errori fatti. Conduce la sua esistenza chiuso in se stesso attendendo, anzi quasi desiderando, la fine, quando inaspettatamente arriva nella sua vita una scintilla di speranza c (continua)