Home > Informatica > La nuova ricerca di Sophos svela un sensibile incremento delle competenze di sicurezza.

La nuova ricerca di Sophos svela un sensibile incremento delle competenze di sicurezza.

scritto da: Sound PR | segnala un abuso

La nuova ricerca di Sophos svela un sensibile incremento delle competenze di sicurezza.

La nuova ricerca di Sophos svela che l’aumento degli attacchi informatici nel periodo della pandemia ha portato a un sensibile incremento delle competenze di sicurezza per l’80% dei team IT aziendali italiani.


In Italia, il 55% dei team ha registrato una crescita nel numero di cyberattacchi nel corso del 2020.

 

Milano, 8 giugno 2021  Sophos, leader globale nella sicurezza informatica di ultima generazione, presenta la nuova ricerca “I team di sicurezza IT: 2021 e oltre”,  che evidenzia come l'aumento delle sfide alla sicurezza durante la pandemia abbia rappresentato per i team IT un'opportunità unica per ampliare le proprie competenze nell’ambito della cybersecurity.

 

La stragrande maggioranza dei team IT italiani che ha dovuto far fronte a un aumento dei cyberattacchi (80%) e a un carico di lavoro più pesante per la gestione della sicurezza (81%) nel corso del 2020 ha confermato di aver ottimizzato le proprie competenze e conoscenze sulla sicurezza.

 

L'aumento dei cyberattacchi durante la pandemia ha avuto un notevole impatto sulle competenze di sicurezza IT in tutti i settori presi in esame da questa ricerca, tra cui l'istruzione (83%), il retail (85%) e la sanità (80%). Sono stati intervistati 5.400 decision maker IT in aziende di medie dimensioni in 30 paesi in tutto il mondo.

 

"Il 2020 è stato un anno che ha posto sfide senza precedenti per i team IT", ha commentato Chester Wisniewski, principal research scientist di Sophos. "I professionisti dell'IT hanno avuto un ruolo fondamentale nel supportare la continuità di business delle aziende nonostante le restrizioni e le limitazioni rese necessarie dall’emergenza COVID-19. È anche grazie a loro che è stato possibile portare avanti le attività scolastiche online, ottimizzare il mondo delle transizioni online a supporto del retail, consentire al mondo della sanità di fornire servizi e cure anche in circostanze incredibilmente difficili e garantire che gli enti pubblici potessero continuare a fornire servizi essenziali. Molto di tutto questo è stato realizzato in tempi estremamente ristretti, con attrezzature e risorse limitate a disposizione e mentre si affrontava un volume crescente di attacchi informatici contro reti, endpoint e dipendenti. Dire che la situazione era probabilmente piuttosto stressante per la maggior parte dei team IT è un eufemismo. Nonostante ciò, la ricerca ha mostrato che qualcosa di positivo è emerso da questo periodo così difficile: in molti casi infatti ha rappresentato l’opportunità di creare non solo team IT più qualificati, ma anche più motivati, pronti ad accogliere il futuro e le sue sfide. Poiché un numero crescente di paesi sta progressivamente iniziando a pianificare la vita oltre le restrizioni della pandemia, abbiamo un'ottima opportunità per implementare nuove politiche IT e di sicurezza, adottare strumenti più sicuri ed efficaci per la gestione dei team aziendali e delle operazioni al di là del perimetro IT, mettendo a punto team di esperti in grado di unire talenti interni ed esterni, e introdurre piattaforme di sicurezza che combinano l'automazione intelligente con la competenza umana nella caccia alle minacce. Non si può tornare indietro. Il futuro potrebbe presentarsi tanto inedito quanto lo è stato il nostro passato".

 

A livello mondiale, ecco alcuni dei dati principali emersi da “I team di sicurezza IT: 2021 e oltre:

 

- Le richieste rivolte ai team IT sono aumentate man mano che la tecnologia è diventata il fattore chiave per le aziende: il carico di lavoro complessivo dell'IT (esclusa la sicurezza) è aumentato per il 63% dei team IT, mentre il 69% ha registrato un aumento del carico di lavoro relativo specificamente alla cybersecurity.

 

- Gli autori degli attacchi non hanno tardato ad approfittare delle opportunità presentate dalla pandemia: il 61% dei team IT ha segnalato un aumento del numero di cyberattacchi che hanno preso di mira la propria azienda nel corso del 2020.

 

- L'aumento del carico di lavoro sulla sicurezza e l'aumento del numero di attacchi informatici hanno rappresentato per i team IT l’opportunità di acquisire nuove competenze e conoscenze nel campo della sicurezza. È probabile che gran parte di questa crescita professionale sia frutto di un apprendimento informale sul lavoro, acquisito mentre i team affrontavano nuove tecnologie e richieste di sicurezza, spesso sotto forte pressione e lontano dal loro normale luogo di lavoro .

 

- Affrontare le sfide insieme ha portato a un maggior senso di coesione e di collaborazione nei team ed in particolare più della metà (52%) dei team IT intervistati ha affermato che il morale è migliorato nel  corso del 2020 nonostante un carico di lavoro più pesante e attacchi più aggressivi da parte dei cybercriminali. In Italia questo dato si attesta su un più modesto 33%.

 

- Le esperienze del 2020 hanno alimentato la consapevolezza di quanto siano importanti e necessari team IT ben strutturati e l'uso di strumenti avanzati come l'intelligenza artificiale (AI) nelle future strategie tecnologiche. Molte aziende sembrano aver iniziato il nuovo anno mettendo in conto specifici piani per incrementare le dimensioni dei team IT sia in-house che in outsourcing, oltre a valutare l’implementazione di strumenti e tecnologie avanzate. La ricerca ha rilevato che il 68% dei team IT prevede un aumento degli addetti alla sicurezza IT interno entro il 2023, e il 56% si aspetta che il numero di addetti in outsourcing cresca nello stesso arco di tempo. Una maggioranza schiacciante (92%) prevede che l'IA aiuterà a gestire il numero crescente e/o la complessità delle minacce. Questo potrebbe essere dovuto in parte al fatto che il 54% dei team IT ritiene che i cyberattacchi siano ormai troppo avanzati perché il team interno possa affrontarli da solo.

 

La versione integrale della ricerca “I team di sicurezza IT: 2021 e oltre è disponibile qui 

 

La ricerca è stata svolta tra gennaio e febbraio 2021 da Vanson Bourne, società indipendente in ricerche di mercato. Hanno partecipato 5.400 decision maker in ambito IT in 30 paesi: Stati Uniti, Canada, Brasile, Cile, Colombia, Messico, Austria, Francia, Germania, Regno Unito, Italia, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Svezia, Svizzera, Polonia, Repubblica Ceca, Turchia, Israele, India, Arabia Saudita, Nigeria, Sudafrica, Australia, Giappone, Singapore, Malesia, Filippine ed Emirati Arabi Uniti. Tutti gli intervistati lavorano in aziende con un numero di dipendenti compreso tra 100 e 5.000.

 

 Informazioni aggiuntive

·         Lo scenario della cybersecurity nel corso dell’ultimo anno è analizzato in Cybersecurity: the Human Challenge 2020

·         Maggiori informazioni su come Sophos possa supportare le aziende nell’arginare e neutralizzare gli attacchi sono disponibili consultando Rapid Response service 

·         I quattro suggerimenti chiave per gestire al meglio l’incident response a cura dei team Sophos Rapid Response e Managed Threat Response

·         Le ultime notizie relative ai trend della sicurezza informatica sono disponibili su Naked Security su Sophos News

·         Per rimanere in contatto con Sophos sui social TwitterLinkedInFace

book e YouTube

Sophos | sicurezza informatica | cybersecurity | cyberattacchi | informatica | pandemia | Italia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sophos: nuove soluzioni per la sicurezza di Linux e dei container ottimizzano la protezione dei workload


CryptoRom: nuova cybertruffa scoperta dagli esperti Sophos


Sophos presenta la serie di switch di rete per rafforzare e semplificare la connettività all’Access Layer


Sophos Cloud Optix: nuove funzionalità avanzate per automatizzare e semplificare il rilevamento dei cyberattacchi e la risposta alle minacce che mettono a rischio AWS


Sophos presenta il Threat Report 202


Sophos annuncia l’apertura di due nuovi data center in India e Brasile


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

YouCo e Lookout insieme per l’ottimizzazione della cloud security  

YouCo e Lookout insieme per l’ottimizzazione della cloud security   
Sicurezza dei dati fa sempre più rima con cloud e accessi anydevice, anywhere Se è vero che l’accelerazione digitale in atto ha contribuito ad una rapida transizione verso il cloud, è altrettanto vero che il perimetro da proteggere in termini di identità, asset e dati aziendali è sempre più esteso e distribuito su infrastrutture di tipo ibrido come data center privati, pubblici e servizi SaaS che necessitano di una rinnovata attenzione.È evidente che per garantire la salvag (continua)

Traffico e afferenti triplicati nell’ultimo triennio per Namex

Traffico e afferenti triplicati nell’ultimo triennio per Namex
Il principale IXP dell’Italia centrale e meridionale segna un +36% di incremento di traffico nel solo corso del 2021 In occasione dell’ultimo Namex Annual Meeting 2022, tenutosi a Roma il 22 giugno 2022, sono stati resi noti i risultati di Namex per il 2021 che mostrano che il principale punto di interscambio Internet del centro-sud ha triplicato afferenti e traffico nel corso dell’ultimo triennio. Una crescita netta e repentina, frutto del fermento e delle evoluzioni in atto nel settore delle telecomunicaz (continua)

Viaggi prediletti dagli italiani per il 2022: anche le destinazioni dove si parla poco l’inglese non sono più un problema con Vasco Electronics

 Viaggi prediletti dagli italiani per il 2022: anche le destinazioni dove si parla poco l’inglese non sono più un problema con Vasco Electronics
Le mete di viaggio predilette dagli italiani per il 2022 detengono uno scarso livello di conoscenza dell’inglese. Che si tratti della luna di miele, di un viaggio con destinazione a sorpresa o di una gita oltreconfine per la maturità, la conoscenza linguistica non sarà più un limite per raggiungere qualsiasi meta da sogno con Vasco Electronics Il richiamo delle mete lontane torna a farsi sentire, e secondo il portale turistico SiViaggia.it destinazioni come Messico, Turchia, Oman e Indonesia sono tra le mete più prenotate dagli italiani per il 2022. Eppure, si tratta di destinazioni che non spiccano in termini di “English proficiency”, secondo quanto riscontrato da Vasco Electronics, produttore leader mondiale di traduttori elettr (continua)

L’innovazione digitale per la prevenzione cardiovascolare: YouCo al fianco della Rete Cardiologica IRCCS per il progetto CV-Prevital

L’innovazione digitale per la prevenzione cardiovascolare: YouCo al fianco della Rete Cardiologica IRCCS per il progetto CV-Prevital
Parte dalla Rete italiana degli IRCCS a vocazione cardiologica un progetto di prevenzione primaria cardiovascolare che coinvolgerà 80.000 partecipanti monitorati in condizioni di vita reale con l’obiettivo di sfruttare le potenzialità dell’innovazione digitale al fine di promuovere uno stile di vita salutare per i soggetti a rischio cardiovascolare. Il progetto denominato “CV-PREVITAL, Strategie di prevenzione primaria cardiovascolare nella popolazione italiana” è sostenuto dal Ministero della Salute ed è segnalato per la sua rilevanza all’interno del PNRS 2020-2022 in quanto si propone un obiettivo di salute pubblica molto ambizioso: sviluppare e validare scientificamente, per la prima volta in Italia, un modello di prevenzione primari (continua)

Contentsquare annuncia nuove integrazioni con Blue Triangle

Contentsquare annuncia nuove integrazioni con Blue Triangle
Contentsquare annuncia nuove integrazioni con Blue Triangle, una software company specializzata nel miglioramento delle performance dei siti web Le integrazioni con i sistemi di Application Performance Monitoring diventano bidirezionali Contentsquare, leader globale nella digital experience analytics, ha ulteriormente potenziato le integrazioni APM con Blue Triangle grazie a un nuovo aggiornamento che implementa funzionalità bidirezionali per visualizzare i deep link all'interno delle Session Replay di Contentsquare. Questo aggio (continua)