Home > Cultura > Roma chiama Vercelli risponde

Roma chiama Vercelli risponde

scritto da: Liza Binelli | segnala un abuso

Roma chiama Vercelli risponde

La vercellese Liza Binelli intervistata per un tesi di laurea. Racconta la sua esperienza giornalistica nel testo di Betty Mammucari, 110 e lode alla Sapienza.


Betty Mammucari è una studentessa di Velletri che ha discusso la sua tesi di laurea magistrale alla Sapienza di Roma, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione lo scorso 14 luglio. Sui social aveva fatto richiesta ai giornalisti italiani di raccontare la propria storia professionale, così, Liza Binelli (foto in alto), insegnante vercellese e giornalista (per diletto ormai) ha accolto il suo invito. “Subito mi sono messa a descrivere la mia esperienza nel mondo del giornalismo iniziata nel 1996 e conclusasi nel 2014 – Dice Binelli – Dandogli un taglio divertente, a tratti tragi-comici, visti gli stipendi da fame e i contratti inesistenti. Siamo stati quattro cronisti italiani e quattro argentini ad aver aderito all’iniziativa”. Betty ha ottenuto la votazione di 110 su 110 e lode, ricevendo i complimenti della commissione per l’impegno nella ricerca e per le storie descritte. Ha tracciato un parallelo tra i giornalisti italiani e quelli argentini, recandosi sul posto per intervistarli dal vivo. Si è trattato di uno studio comparativo transnazionale. “Sono contenta per il suo risultato, mi ha fatto piacere aiutare una neodottoressa – aggiunge Binelli – e, per quanto mi riguarda so che parte della mia vita ora “giace” negli archivi della Sapienza, mica è da tutti! Comunque dopo una breve pausa la mia avventura giornalistica prosegue, infatti, da quattro anni scrivo per una rivista nazionale occupandomi di storia della canapa”.


Fonte notizia: https://primavercelli.it/cultura/la-vercellese-liza-binelli-intervistata-per-un-tesi-di-laurea/


giornalismo | tesi | roma | vercelli | comunicazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Serenissima Ristorazione, a Vercelli il nuovo sito testato contro il Covid-19


ARTE COME LINGUAGGIO UNIVERSALE – ALLO STUDIO 256 DI VERCELLI IN MOSTRA LE OPERE DELLA PITTRICE GULNAR KARIMOVA


LUTTO NEL MONDO DELLA CULTURA VERCELLESE: A 79 ANNI CI HA LASCIATI ROBERTO ALBELTARO, PITTORE GALANTUOMO E GRANDE SPORTIVO.


CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA "BIENNALE D'ARTE CITTA' DI VERCELLI"


Presentazione del libro Le Voyage d’Aphrodite per una psico-filosofia dell’immagine


Ultimi giorni per il Book Trailer Contest del Premio Letteratura Industria: 2.000 euro al trailer più votato dal pubblico online


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Daniele Bossari intervista Liza Binelli

Daniele Bossari intervista Liza Binelli
Bossari poi le ha chiesto quali fossero gli usi della cannabis in passato, in quanto, ha letto un suo articolo sul magazine “BeLeaf” per cui cura una rubrica sulla storia della canapa da tre anni. Liza Binelli OSPITE A RADIO DEEJAY Vercelli - Liza Binelli, insegnante, giornalista e ricercatrice storica è stata ospite del programma “Il Boss del Weekend” di Radio Deejay. Nella puntata di domenica 6 dicembre è stata intervistata da Daniele Bossari, conduttore Tv e volto di Mediaset per conoscere la sua opinione sulla recente notizia che riguarda una scelta dell’ONU, ovvero attraverso (continua)

NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA

NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA
La leggenda dice che si trattava di Berta di Laon detta la Piedona, moglie del re francese Pipino il Breve e madre di Carlo Magno. Quindi, Berta era una regina. Il menestrello e trovatore Adenet le Roi, vissuto attorno al 1275, ha scritto un poema la cui protagonista era Berta la Piedona, chiamata così, perché aveva un piede più lungo dell’altro. NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA Di Liza Binelli Chi non ha mai sentito il detto: “Ai tempi in cui Berta filava”? Tutti conosciamo questo antico adagio che vuol dire “in tempi lontanissimi”. È un’espressione legata ad un aneddoto della storia europea dell’Alto medioevo, il cui uso ricorre in alcune frasi proverbiali della lingua italiana per riferirsi a un tempo trascorso, non (continua)

L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna

L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna
 Vercelli – Per la quarta volta nel 2019 ci hanno fatto visita gli Hare Krishna. Presso la libreria dell’Arca, infatti, si è svolta la presentazione di un libro a cura di Prabhu das, fondatore e responsabile del Centro culturale Hare Krishna di Torino. Nello spazio messo a disposizione da Elisa Caramella, lo scrittore ha narrato col suo stile inconfondibile la genes (continua)

In Umbria fra i sapori della Valnerina: miele, tartufo e canapa

In Umbria fra i sapori della Valnerina: miele, tartufo e canapa
di Liza Binelli Sant’Anatolia di Narco è un comune in provincia di Perugia, nei pressi del fiume Nera. Venne abitato prima dai Sabini e poi dai Romani, ma il suo aspetto attuale risale alla fine del Medioevo. Il castello che domina il borgo è della seconda metà del XII secolo, mentre le mura furono costruite due secoli dopo. Siamo nel pieno della Valnerina. In Umbria (continua)

Il delitto di Stefano Leo in un libro

Il delitto di Stefano Leo in un libro
Vercelli – Torna il monaco Hare Krishna Prabhu das per presentare la sua quarta fatica letteraria. Fondatore e responsabile del Centro culturale Hare Krishna di Torino era stato in città a giugno e a ottobre per proporre al pubblico i suoi testi sulla storia del movimento Hare Krishna, sulla Bhagavad-gita e uno autobiografico. Questa volta, invece, si è occupato di un caso di c (continua)