Home > Musica > Daniele Bossari intervista Liza Binelli

Daniele Bossari intervista Liza Binelli

scritto da: Liza Binelli | segnala un abuso

Daniele Bossari intervista Liza Binelli

Bossari poi le ha chiesto quali fossero gli usi della cannabis in passato, in quanto, ha letto un suo articolo sul magazine “BeLeaf” per cui cura una rubrica sulla storia della canapa da tre anni.


Liza Binelli OSPITE A RADIO DEEJAY

Vercelli - Liza Binelli, insegnante, giornalista e ricercatrice storica è stata ospite del programma “Il Boss del Weekend” di Radio Deejay. Nella puntata di domenica 6 dicembre è stata intervistata da Daniele Bossari, conduttore Tv e volto di Mediaset per conoscere la sua opinione sulla recente notizia che riguarda una scelta dell’ONU, ovvero attraverso una votazione è stata eliminata la cannabis dalla IV tabella degli stupefacenti, quella che classifica le sostanze più pericolose, tra cui l’eroina.

“Secondo me è un passo in avanti che agevolerà la ricerca scientifica – ha risposto prontamente Liza – sarà più facile gestirla per quello che è: una pianta!”.

Bossari poi le ha chiesto quali fossero gli usi della cannabis in passato, in quanto, ha letto un suo articolo sul magazine “BeLeaf” per cui cura una rubrica sulla storia della canapa da tre anni.

“È nata in Asia centrale e se ne hanno notizie già 8000 anni fa – ha risposto l’insegnante vercellese – era usata a livello cerimoniale nei riti induisti, buddisti e taoisti. Ma anche altre religioni ne facevano uso durante le meditazioni e i viaggi sciamanici”.

Oltre a questo fatto, un racconto di Liza intitolato “Parlare con l’aereo prima del decollo” è stato selezionato per esser pubblicato sul sito “Voci di hangar” un’associazione di piloti ed ex piloti, che pubblica solo opere sull’aeronautica e il mondo del volo. “Il mio testo narra di cosa succeda prima, dopo e durante la trasvolata, tra riti scaramantici, timori ed emozioni. È tratto dalle mie esperienze di viaggio… con un pizzico di fantasia”.

Infine, una sua poesia verrà inserita in un e-book e ne sarà realizzato un video su YouTube nell’ambito dell’iniziativa “Città al tempo del coronavirus” ideato dall’Associazione CaArteiv di Millesimo nel savonese.

La puntata di Radio Deejay è possibile riascoltarla collegandosi al sito: https://www.deejay.it/programmi/il-boss-del-weekend/puntate/il-boss-del-weekend-del-06-12-2020/

(dal minuto 30” al 44”).

 


Fonte notizia: https://www.deejay.it/programmi/il-boss-del-weekend/


Radio Deejay | canapa | ONU | Vercelli | MIlano | Radio | Bossari | Binelli | hemp | cannabis | induismo | buddismo | sufismo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Liza Lipari allo specchio.


ANCHE CONTE HA RICEVUTO UNA COPIA DEL LIBRO


Aria d'India in quel di Vercelli


Gli abbracci di Amma


L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Roma chiama Vercelli risponde

Roma chiama Vercelli risponde
La vercellese Liza Binelli intervistata per un tesi di laurea. Racconta la sua esperienza giornalistica nel testo di Betty Mammucari, 110 e lode alla Sapienza. Betty Mammucari è una studentessa di Velletri che ha discusso la sua tesi di laurea magistrale alla Sapienza di Roma, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione lo scorso 14 luglio. Sui social aveva fatto richiesta ai giornalisti italiani di raccontare la propria storia professionale, così, Liza Binelli (foto in alto), insegnante vercellese e giornalista (per dile (continua)

NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA

NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA
La leggenda dice che si trattava di Berta di Laon detta la Piedona, moglie del re francese Pipino il Breve e madre di Carlo Magno. Quindi, Berta era una regina. Il menestrello e trovatore Adenet le Roi, vissuto attorno al 1275, ha scritto un poema la cui protagonista era Berta la Piedona, chiamata così, perché aveva un piede più lungo dell’altro. NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA Di Liza Binelli Chi non ha mai sentito il detto: “Ai tempi in cui Berta filava”? Tutti conosciamo questo antico adagio che vuol dire “in tempi lontanissimi”. È un’espressione legata ad un aneddoto della storia europea dell’Alto medioevo, il cui uso ricorre in alcune frasi proverbiali della lingua italiana per riferirsi a un tempo trascorso, non (continua)

L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna

L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna
 Vercelli – Per la quarta volta nel 2019 ci hanno fatto visita gli Hare Krishna. Presso la libreria dell’Arca, infatti, si è svolta la presentazione di un libro a cura di Prabhu das, fondatore e responsabile del Centro culturale Hare Krishna di Torino. Nello spazio messo a disposizione da Elisa Caramella, lo scrittore ha narrato col suo stile inconfondibile la genes (continua)

In Umbria fra i sapori della Valnerina: miele, tartufo e canapa

In Umbria fra i sapori della Valnerina: miele, tartufo e canapa
di Liza Binelli Sant’Anatolia di Narco è un comune in provincia di Perugia, nei pressi del fiume Nera. Venne abitato prima dai Sabini e poi dai Romani, ma il suo aspetto attuale risale alla fine del Medioevo. Il castello che domina il borgo è della seconda metà del XII secolo, mentre le mura furono costruite due secoli dopo. Siamo nel pieno della Valnerina. In Umbria (continua)

Il delitto di Stefano Leo in un libro

Il delitto di Stefano Leo in un libro
Vercelli – Torna il monaco Hare Krishna Prabhu das per presentare la sua quarta fatica letteraria. Fondatore e responsabile del Centro culturale Hare Krishna di Torino era stato in città a giugno e a ottobre per proporre al pubblico i suoi testi sulla storia del movimento Hare Krishna, sulla Bhagavad-gita e uno autobiografico. Questa volta, invece, si è occupato di un caso di c (continua)