Home > Libri > Aria d'India in quel di Vercelli

Aria d'India in quel di Vercelli

scritto da: Liza Binelli | segnala un abuso

Aria d'India in quel di Vercelli


UN PO’ D’INDIA ALLA LIBRERIA DELL’ARCA

Di Liza Binelli

Vercelli - Aleggiava un’insolita aria d’India alla libreria dell’Arca in occasione della presentazione dei libri di Prabhu das, monaco Hare Krishna.

Classe 1963, veronese di nascita torinese d’adozione, Prabhu das (all’anagrafe Pietro Giarola) è il fondatore e responsabile del Centro culturale Hare Krishna del capoluogo piemontese. Autore di tre libri aveva già presentato il primo lo scorso giugno. Ora è tornato a Vercelli per proporre gli altri due, nello spazio concesso dalla proprietaria della libreria, Elisa Caramella, sempre attenta alle ultimissime produzioni letterarie di ogni genere.

L’autore per arrivare a scrivere questi testi, editi dalla casa editrice Om di Bologna ha girovagato fin da giovanissimo per l’India e in Indonesia, ci è tornato più volte per imparare gli antichi testi vedici e solo immergendosi nella cultura originaria è possibile assorbire anche la più piccola sfumatura che il sapere indiano può trasmettere vivendo in loco. Ha poi svolto diversi mestieri, è stato giornalista e direttore della rivista “Spirito libero” che ha chiuso i battenti nel 2010.

Ma tutto il suo percorso, tutta la sua conoscenza li ha inseriti nei suoi libri: “L’essenza della Bhagavad-gita” e “Cibo per l’anima”. Entrambi corrono paralleli alla storia del Movimento per la coscienza di Shree Krishna e al suo fondatore Srila Prabhupada, ma, si differenziano per il fatto che il primo è coerente alla Bhagavad-gita, da noi conosciuta in Occidente come la Bibbia degli indù, un grande testo senza tempo che risponde alle grandi questioni della vita, a quegli interrogativi cui è difficile rispondere: chi siamo? Da dove veniamo? Perché siamo nati qui? L’autore con parole semplici, ma schiette accompagna il lettore alla scoperta di questo libro che sarebbe incomprensibile ai più, per via “dell’osticità” dei pensieri che si susseguono nella versione originale. Prabhu das, invece, è riuscito nell’impresa di rendere accessibile a tutti, uno dei testi più discussi del continente asiatico.

Argomentando frasi in sanscrito, parlando di maestri indiani si è formata in sala un’atmosfera di pace, giacché tutti si proiettavano in quel mondo di guru e statue di Budda, meditazione e odore d’incenso che ognuno s’immagina quando si evoca la parola India.

“Cibo per l’anima”, invece, è un libro autobiografico, ironico, che racconta la nascita del centro culturale torinese. Un luogo di culto molto frequentato che offre un fitto programma di iniziative benefiche (come il Food for life, cibo distribuito ai senzatetto) e molti incontri settimanali liberi e aperti a tutti.

A moderare l’incontro è intervenuta l’insegnante e giornalista vercellese Liza Binelli.

hare krishna | vercelli | arca | bhagavad-gita | induismo | india | prabhu das | liza binelli | libri | essenza | mantra | sud-est asiatico | atma | sanscrito | monaci | cibo | letteratura | religioni orientali |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Roma chiama Vercelli risponde

Roma chiama Vercelli risponde
La vercellese Liza Binelli intervistata per un tesi di laurea. Racconta la sua esperienza giornalistica nel testo di Betty Mammucari, 110 e lode alla Sapienza. Betty Mammucari è una studentessa di Velletri che ha discusso la sua tesi di laurea magistrale alla Sapienza di Roma, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione lo scorso 14 luglio. Sui social aveva fatto richiesta ai giornalisti italiani di raccontare la propria storia professionale, così, Liza Binelli (foto in alto), insegnante vercellese e giornalista (per dile (continua)

Daniele Bossari intervista Liza Binelli

Daniele Bossari intervista Liza Binelli
Bossari poi le ha chiesto quali fossero gli usi della cannabis in passato, in quanto, ha letto un suo articolo sul magazine “BeLeaf” per cui cura una rubrica sulla storia della canapa da tre anni. Liza Binelli OSPITE A RADIO DEEJAY Vercelli - Liza Binelli, insegnante, giornalista e ricercatrice storica è stata ospite del programma “Il Boss del Weekend” di Radio Deejay. Nella puntata di domenica 6 dicembre è stata intervistata da Daniele Bossari, conduttore Tv e volto di Mediaset per conoscere la sua opinione sulla recente notizia che riguarda una scelta dell’ONU, ovvero attraverso (continua)

NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA

NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA
La leggenda dice che si trattava di Berta di Laon detta la Piedona, moglie del re francese Pipino il Breve e madre di Carlo Magno. Quindi, Berta era una regina. Il menestrello e trovatore Adenet le Roi, vissuto attorno al 1275, ha scritto un poema la cui protagonista era Berta la Piedona, chiamata così, perché aveva un piede più lungo dell’altro. NON SONO PIU’ I TEMPI IN CUI BERTA FILAVA Di Liza Binelli Chi non ha mai sentito il detto: “Ai tempi in cui Berta filava”? Tutti conosciamo questo antico adagio che vuol dire “in tempi lontanissimi”. È un’espressione legata ad un aneddoto della storia europea dell’Alto medioevo, il cui uso ricorre in alcune frasi proverbiali della lingua italiana per riferirsi a un tempo trascorso, non (continua)

L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna

L'amicizia di Stefano Leo con gli Hare Krishna
 Vercelli – Per la quarta volta nel 2019 ci hanno fatto visita gli Hare Krishna. Presso la libreria dell’Arca, infatti, si è svolta la presentazione di un libro a cura di Prabhu das, fondatore e responsabile del Centro culturale Hare Krishna di Torino. Nello spazio messo a disposizione da Elisa Caramella, lo scrittore ha narrato col suo stile inconfondibile la genes (continua)

In Umbria fra i sapori della Valnerina: miele, tartufo e canapa

In Umbria fra i sapori della Valnerina: miele, tartufo e canapa
di Liza Binelli Sant’Anatolia di Narco è un comune in provincia di Perugia, nei pressi del fiume Nera. Venne abitato prima dai Sabini e poi dai Romani, ma il suo aspetto attuale risale alla fine del Medioevo. Il castello che domina il borgo è della seconda metà del XII secolo, mentre le mura furono costruite due secoli dopo. Siamo nel pieno della Valnerina. In Umbria (continua)