Home > Cultura > Segni: dalla mano alla luce. Hans Hartung e Bruno Di Bello i protagonisti dello special project di Eidos per Artefiera 2018

Segni: dalla mano alla luce. Hans Hartung e Bruno Di Bello i protagonisti dello special project di Eidos per Artefiera 2018

scritto da: Rc | segnala un abuso

Segni: dalla mano alla luce. Hans Hartung e Bruno Di Bello i protagonisti dello special project di Eidos per Artefiera 2018


 Arte Fiera torna nel 2018 dal 2 al 5 febbraio con preview il primo febbraio. Sono 151 le importanti gallerie chiamate a trasformare i padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere, a cui si aggiungono 30 espositori legati a editoria, grafica e creatività, per un totale di 181 presenze.

Pur mantenendo l’architettura costruita lo scorso anno, che ha ristretto il numero di partecipazioni in favore della qualità, Arte Fiera 2018 propone alcuni nuovi elementi. 

All’interno della Main Section, alcune gallerie ad esempio allestiscono piccole mostre personali di artisti che si ritengono particolarmente attuali, a prescindere dalla generazione a cui appartengono. Il concetto di ibridazione dunque non è solo quello semantico relativo alla fruizione dell’opera d’arte ma insieme alla trans-generazionalità è un’idea principe nell’arte contemporanea, sempre più chiamata a superare barriere e a stimolare confronti.

Eidos Immagini Contemporanee si propone così per questa edizione con il progetto SEGNI: dalla mano alla luce. Hans Hartung e Bruno Di Bello isolando ed enfatizzando dei due autori opere dalla forte componente segnico gestuale. Per Hartung un corpus di opere anni 40-60, dove il segno è agito quasi come un graffio sulla tela, per Di Bello con lavori anni 70, dove il segno è condotto dall'artista in maniera quasi performativa, ma trasmesso sulla tela emulsionata dalla luce, quindi paradossalmente in maniera del tutto immateriale. Per Hartung si pone l’accento sul periodo centrale della produzione del Maestro attraverso l’analisi di un rarissimo corpus di carte della fine degli anni 40 (le stesse su cui appuntò la propria attenzione la mostra della Tate Gallery a Londra nel 1996) e di tele anni 50 e 60 scelte privilegiando la conduzione quasi incisoria del segno. Il gesto che si apre ampio, l’incisione del segno che mai eccede in furori incontrollati, il colore ridotto a impasti morbidi eppure in grado di essere consustanziale al gesto contrappuntano in maniera specifica ogni decennio. Per Di Bello invece sono presenti le opere immediatamente successive all’esperienza della Mec Art (da lui sempre condotta in chiave più concettuale che pop, come momento di riflessione della pittura sulla pittura utilizzando paradossalmente anche il medium fotografico). Si tratta dei rari segni di luce o scritture di luce in cui l’artista in camera oscura agisce con una torcia luminosa davanti alla tela, affidando dunque alla luce la componente gestuale della sua ricerca. In Hartung la luce è lo "sfondo" che contrasta e dà rilievo al segno, in Di Bello il medium che fisicamente lo genera, una sorta di longa manus dell'Artista, parallela quasi al pensiero...

Due generazioni di Maestri "storici" a confronto su un tema molto forte della loro produzione, privilegiando nel percorso espositivo quel linguaggio contaminato che è uno dei temi conduttori del contemporaneo.

 

 

Eidos Immagini Contemporanee Hall 26 Stand B44

Quartiere Fieristico di Bologna | Ingresso Ovest Costituzione | Piazza Costituzione | Bologna

www.artefiera.it

 

Dal 2 al 5 febbraio 2018

preview a invito: 1 febbraio dalle 11 alle 21

2-3-4 febbraio dalle 11 alle 19.

5 febbraio dalle 11 alle 17

 

 

arte | Artefiera | Bologna | Eidos Immagini Contemporanee | Hans Hartung | Bruno di Bello | segni | luce |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Eidos at Miart - Hans Hartung: l'evoluzione del segno


A OCCHI APERTI! ERK14 per Palazzo Zoya


PROJECT MANAGEMENT: LA NUOVA FRONTIERA DELLA GESTIONE AZIENDALE


I gesti di Bruno Caraceni in anteprima europea per Bologna Artefiera. Solo show da Eidos


Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello


Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea
L’arte moderna e contemporanea torna ad animare in un weekend primaverile il Centro Fiera del Garda di Montichiari. L’appuntamento per questa edizione di EXPOARTE è l’11-12-13 maggio 2019. Giunta alla sua terza edizione, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucca, Direttore Artistico anche di PaviArt, la kermesse bresciana dedicata all’arte non si propone solo come una grande mostra-mercato d (continua)

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale
Il 27 dicembre 2018 presso gli spazi espositivi di Palazzo Fondi in Via Medina 24, Napoli, verrà presentata la mostra personale di ERK14, tra neo-pop e concettuale. L’artista napoletano attivo tra Roma, Milano e Napoli, dopo una lunga formazione nel campo del design e della moda ha realizzato una serie di opere che nascono dall’ibridazione dei linguaggi e dalla costante ricerca sulle simbologi (continua)

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano
Bruno Di Bello torna protagonista alla Fondazione Marconi con una mostra che mette a confronto opere degli anni Settanta e Ottanta, eseguite con tecniche foto/grafiche, con lavori degli ultimi anni, tra cui figurano i grandi trittici del 2016 e 2017, opere realizzate al computer e stampate su tela Fine Art. “Vedo questa nuova fase dell’opera di Di Bello fortemente protesa con lo Zeitgeist iniz (continua)

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura
Il 12 e 13 maggio il Palazzo delle Esposizioni di piazzale Europa si animerà ancora una volta, trasformandosi in una grande galleria collettiva, luogo di incontri e di opportunità. Sono 60 le prestigiose gallerie italiane che anche per questa edizione porteranno a PaviArt un’ampia rosa di artisti selezionati tra le migliori firme italiane e straniere, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucc (continua)

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello
Eidos Immagini Contemporanee partecipa a Miart 2018 con un progetto speciale e site specific (come peraltro abitudine della galleria nell’arco delle sue partecipazioni a Miart e non solo): quest’anno il tema è Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello A confronto la produzione dei due autori a cavallo degli anni 70 e 80, periodo in cui sperimentano l'azione performativa con (continua)