Home > Arte e restauro > Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano

scritto da: Rc | segnala un abuso

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano


Bruno Di Bello torna protagonista alla Fondazione Marconi con una mostra che mette a confronto opere degli anni Settanta e Ottanta, eseguite con tecniche foto/grafiche, con lavori degli ultimi anni, tra cui figurano i grandi trittici del 2016 e 2017, opere realizzate al computer e stampate su tela Fine Art. “Vedo questa nuova fase dell’opera di Di Bello fortemente protesa con lo Zeitgeist iniziale di questo terzo millennio, eppure in realtà connessa anche con quella giovanile in cui un’analisi costante permeava l’esercizio costruttivo della forma e dell’immagine… Dove l’occhio e la mente di Di Bello riaffiorano con il medesimo vigore inalterato dell’artista esploratore e trovatore di altri ‘luoghi’ e nuova bellezza.” (B. Corà, Immagini del III millennio in Bruno Di Bello Frattali e altro, Fondazione Marconi, 2015) Nasce da queste parole,di Bruno Corà l’idea della mostra dedicata a Bruno Di Bello in occasione dei suoi ottant’anni. Dopo aver fatto il suo ingresso nel panorama artistico aderendo al Gruppo ’58 di Napoli, Di Bello dà inizio alla sua attività distinguendosi per i riferimenti ad un’arte segnica e astratta e per le indagini sulle possibilità di scomposizione dell’immagine che attua attraverso l’uso della fotografia. Mezzo preferito dall’artista è la tela fotosensibile su cui l’immagine viene catturata, scomposta, analizzata, per poi ricomporsi davanti allo sguardo dello spettatore. Nel corso degli anni sperimenta l’uso della luce e si dedica, già dalla fine degli anni Ottanta, allo studio delle nuove tecnologie, in particolare della fotografia digitale, che gli permette di diventare nel frattempo padrone di conoscenze nel campo delle tecniche di creazione ed elaborazione dell’immagine al computer. “Sono convinto che riusciremo a trovare un linguaggio veramente di avanguardia solo attraverso un uso competente ed esperto delle tecnologie digitali…” È quanto dichiara Bruno Di Bello in un’intervista all’inizio del 2000. Bruno Corà così commenta questa affermazione nel testo redatto in occasione della mostra del 2015 alla Fondazione Marconi: “Ebbene, tra gli artisti che si sono posti questo obiettivo,egli risulta essere sicuramente tra i più credibili e autorevoli. Non solo perché ha dato, da quel tempo, precise e coerenti prove di un’attitudine distintiva a sperimentare una semiologia tecnologica da lui stesso introdotta nelle proprie opere, attraverso l’impiego della fotografia o l’uso della luce in modi inusuali, ma poiché, già dalla seconda metà degli anni Sessanta, Di Bello aveva avviato quel processo scompositivo, decostruttivo e ricompositivo dell’immagine che, a base di griglie a struttura quadrata, ha preluso alla visualità della tecnologia digitale.” Note biografiche Bruno Di Bello è nato a Torre del Greco nel 1938. Dopo gli studi all’Accademia di Belle Arti di Napoli inizia a esporre e, con Biasi, Del Pezzo, Fergola, Luca e Persico, dà vita al Gruppo ’58. Tra i meriti di questa giovane formazione c’è quello di aver stabilito un contatto diretto con le coeve vicende milanesi, grazie soprattutto al periodico “Documento Sud”, ideale corrispettivo di “Azimuth”. Dopo le prime mostre di gruppo alla Galleria San Carlo e alla Galleria Minerva di Napoli, nel 1960 Di Bello ottiene una prima personale alla Galleria 2000 di Bologna. Nel ’65 inizia a inserire la fotografia nei suoi lavori, nel ’66 ha la prima personale alla Modern Art Agency di Lucio Amelio, nel 1967 comincia a usare direttamente la tela fotosensibile e si trasferisce a Milano. L’anno seguente espone con il gruppo della Mec-Art, teorizzata da Pierre Restany. Di Bello indaga sulle possibilità di scomposizione dell’immagine, sulle icone dei protagonisti delle avanguardie storiche e dei propri miti artistici (Klee, Duchamp, Man Ray, Mondrian e i costruttivisti russi) sviluppando così un’idea di arte come riflessione sulla storia dell’arte moderna. Espone per la prima volta a Milano da Toselli nel ’69 e nel ’70 alla Galleria Kuchels, Bochum, alla Galleria Wspòlczesna, Varsavia e alla Galleria Bertesca di Genova e alla Biennale di Venezia. Dal 1971 inizia la collaborazione con lo Studio Marconi: un’installazione composta da 26 tele fotografiche con la scomposizione dell’intero alfabeto. Vi esporrà ancora nel ’74, nel ’76, nel ’78 e nell’81. Dai primi anni Settanta sulle sue tele fotografiche compaiono parole e concetti che, scomponendosi e ricomponendosi, animano un gioco di perdita e di ritrovamento del significato. Nel ’74 espone alla Galleria Art in Progress a Monaco e alla Kunsthalle di Berna, nel ’75 alla Galleria Müller di Stoccarda e all’I.C.C. di Anversa, nel ’77 alla Galleria Lucio Amelio di Napoli e al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam. Espone nel ’78 alla Galleria Rondanini di Roma e nell’estate 1980 realizza un grande lavoro per il Festival di Spoleto. Altri lavori degli anni Settanta/Ottanta sono eseguiti disegnando sulla tela sensibile direttamente con il raggio di luce di una torcia elettrica, e negli anni Ottanta Di Bello sperimenta un nuovo modo di usare la tecnica fotografica, giustapponendo tra la fonte luminosa e la tela figure umane e oggetti che proiettano su quest’ultima le loro ombre, sviluppando poi la tela fotosensibile con larghe pennellate di rivelatore come in Apollo e Dafne nel terremoto, eseguito per la collezione Terrae motus allestita da Lucio Amelio nel 1987 ed esposta a Parigi - Grand Palais, ora in permanenza presso la Reggia di Caserta. A partire dagli anni Novanta si dedica allo studio di nuove tecnologie operando ricerche sulle immagini sintetiche, la fotografia digitale e le nuove geometrie visualizzabili al computer. Bruno Di Bello vive e lavora a Milano. Fondazione Marconi Via Tadino 15 - 20124 Milano Tel. 02 29 41 92 32 - Fax 02 29 41 72 78 info@fondazionemarconi.org - www.fondazionemarconi.org Inaugurazione: 22 maggio dalle ore 18.00 Durata della mostra: dal 23 maggio al 27 luglio 2018 Orario (fino al 9 giugno): dal martedì al sabato 10-13 / 15-19 (chiuso il 2 giugno) Orario (dall'11 giugno): dal lunedì al venerdì 10-13 / 15-19 Ingresso gratuito

Bruno Di Bello | Mec Art | Arte digitale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Grande successo per l'Autobiografia del tenore Bruno Venturini


- Mariglianella: La Città Metropolitana di Napoli ha iniziato il lavori di rifacimento dei marciapiedi di Via Marconi.


Kit per ventilazione non invasiva progettato da tre ex compagni di scuola di Bari


SABATO 13 MAGGIO a Schio (VI): Aldo Tagliapietra, Alberto Radius e Bruno Conte in un live che mescola classici del grande Lucio Battisti, de Le Orme e di Radius


Accordo-quadro di collaborazione tra il Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio, Ambiente e di Matematica – DICATAM dell’Università degli Studi di Brescia e la Fondazione Ugo Da Como


-Solo- Il concerto di Ciccio Merolla per Il Maggio dei Monumenti 2020


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea
L’arte moderna e contemporanea torna ad animare in un weekend primaverile il Centro Fiera del Garda di Montichiari. L’appuntamento per questa edizione di EXPOARTE è l’11-12-13 maggio 2019. Giunta alla sua terza edizione, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucca, Direttore Artistico anche di PaviArt, la kermesse bresciana dedicata all’arte non si propone solo come una grande mostra-mercato d (continua)

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale
Il 27 dicembre 2018 presso gli spazi espositivi di Palazzo Fondi in Via Medina 24, Napoli, verrà presentata la mostra personale di ERK14, tra neo-pop e concettuale. L’artista napoletano attivo tra Roma, Milano e Napoli, dopo una lunga formazione nel campo del design e della moda ha realizzato una serie di opere che nascono dall’ibridazione dei linguaggi e dalla costante ricerca sulle simbologi (continua)

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura
Il 12 e 13 maggio il Palazzo delle Esposizioni di piazzale Europa si animerà ancora una volta, trasformandosi in una grande galleria collettiva, luogo di incontri e di opportunità. Sono 60 le prestigiose gallerie italiane che anche per questa edizione porteranno a PaviArt un’ampia rosa di artisti selezionati tra le migliori firme italiane e straniere, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucc (continua)

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello
Eidos Immagini Contemporanee partecipa a Miart 2018 con un progetto speciale e site specific (come peraltro abitudine della galleria nell’arco delle sue partecipazioni a Miart e non solo): quest’anno il tema è Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello A confronto la produzione dei due autori a cavallo degli anni 70 e 80, periodo in cui sperimentano l'azione performativa con (continua)

IL NODO, performance collettiva, Milano Piazza del Duomo, Sabato 14 Aprile

IL NODO, performance collettiva, Milano Piazza del Duomo, Sabato 14 Aprile
Comunicato stampa Quando l’arte aiuta a trasformare in azioni utili i nostri sogni. La performance “iL NODO” è un importante seme che si inserisce all’ interno di INSIEME Project, un programma di intervento artistico-sociale volto a sensibilizzare tutte le popolazioni del mondo, e in questo caso i cittadini di Milano, attraverso un percorso di attività e incontri orientati ad indagare e appro (continua)