Home > Arte e restauro > Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello

scritto da: Rc | segnala un abuso

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello


Eidos Immagini Contemporanee partecipa a Miart 2018 con un progetto speciale e site specific (come peraltro abitudine della galleria nell’arco delle sue partecipazioni a Miart e non solo): quest’anno il tema è Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello A confronto la produzione dei due autori a cavallo degli anni 70 e 80, periodo in cui sperimentano l'azione performativa con l'uso della fotografia in pezzo unico, contaminandola semanticamente con la pittura e tentando con essa il sogno della trasformazione alchemica della materia. Le Faces Farces (1970-1975) e i nudi del Frauensprachezyklus (1977) di Arnulf Rainer, protagonista dell'Azionismo Viennese, nascono da un atto performativo: l'artista individua nella fotografia di cui è attore e regista il mezzo principe per documentare gli spasmi di un corpo psicotico che cerca di uscire da sé per raggiungere il sé. La ricerca dell’identità è la vena primigenia di questo lavoro con il tentativo alchemico di restituire con il segno inciso e graffiato al corpo il movimento e di ricongiungerlo all’anima come un atto estetico estremo. L’abbandonarsi a dolore che è scossa vivificante, lontano dall’anestesia della quiete, è ugualmente nella serie dei Frauensprache, dove l’immagine è erotizzata non dalla nudità della modella ma dal colore che la tocca e la possiede… Sempre alla fine degli anni 70 Bruno Di Bello, uscito dall'esperienza della mec-art, usata più in chiave concettuale che pop, sperimenta nuove possibilità del mezzo fotomeccanico. Disegnando a distanza su tela fotosensibile con la luce di una torcia riesce ad agire una forte gestualità senza alcun medium fisico. Un'action painting sui generis, dove la luce opera in maniera immateriale sulla tela, simulando la forza del pensiero. Sulla scorta di questa intuizione negli anni Ottanta Di Bello sperimenta un nuovo modo di usare questa tecnica, interponendo tra la fonte luminosa e la tela figure umane e oggetti che proiettano su quest’ultima le loro ombre, lasciando che sia l'azione performativa a impressionare la tela fotosensibile con l'aiuto di larghe pennellate di rivelatore. Nasce Apollo e Dafne nel Terremoto, serie creata per la collezione Terrae Motus, voluta da Lucio Amelio (esposta a Parigi – Grand Palais nel 1987 e dal 1992 in permanenza presso la Reggia di Caserta): unendo la performance alla sperimentazione fotomeccanica Di Bello introduce nella sua ricerca il concetto di ibridazione, sia in senso strumentale (fotografia, pittura, performance) sia in senso immaginifico con cui afferma l'esistenza nell'arte di una linea di contatto tra mondo spirituale creativo e natura. Dafne che si trasforma in alloro è il paradigma della possibilità per l'uomo di comprendere la natura e di ricondurla all'arte agendo in chiave spirituale e alchemica sulla realtà. I visitatori del Miart dunque potranno leggere la dialettica tra le Face Farces di Rainer con Apollo di Bruno Di Bello, tra Dafne e le donne del Frauensprachezyklus ma soprattutto tra i rarissimi Hiroshima di Rainer e i Sismogrammi Di Bruno Di Bello, opere in cui la natura prende il sopravvento con una malvagità che è comunque frutto del dolore dell’uomo MIART 2018 13 - 15 aprile 2018 Opening: 12 aprile su invito Pad. 3, Gate 5 - fieramilanocity - Viale Scarampo - 20149 Milano EIDOS IMMAGINI CONTEMPORANEE Pad 3 stand A 49 sezione Masters Established www.galleriaeidos.com www.miart.it

Miart | Eidos Immagini Contemporanee | Bruno Di Bello | Arnulf Rainer |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Festival Smart Cityness: l’innovazione territoriale e la collaborazione locale, dal 2 al 4 ottobre, Cagliari


EUGENIO RIPEPI: “ROMA NON SI RADE” è il nuovo album del cantautore ligure in uscita il 3 luglio


Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano


Boaterfly start up per noleggiare barche riceve 500.000 euro dagli investitori


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea
L’arte moderna e contemporanea torna ad animare in un weekend primaverile il Centro Fiera del Garda di Montichiari. L’appuntamento per questa edizione di EXPOARTE è l’11-12-13 maggio 2019. Giunta alla sua terza edizione, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucca, Direttore Artistico anche di PaviArt, la kermesse bresciana dedicata all’arte non si propone solo come una grande mostra-mercato d (continua)

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale
Il 27 dicembre 2018 presso gli spazi espositivi di Palazzo Fondi in Via Medina 24, Napoli, verrà presentata la mostra personale di ERK14, tra neo-pop e concettuale. L’artista napoletano attivo tra Roma, Milano e Napoli, dopo una lunga formazione nel campo del design e della moda ha realizzato una serie di opere che nascono dall’ibridazione dei linguaggi e dalla costante ricerca sulle simbologi (continua)

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano
Bruno Di Bello torna protagonista alla Fondazione Marconi con una mostra che mette a confronto opere degli anni Settanta e Ottanta, eseguite con tecniche foto/grafiche, con lavori degli ultimi anni, tra cui figurano i grandi trittici del 2016 e 2017, opere realizzate al computer e stampate su tela Fine Art. “Vedo questa nuova fase dell’opera di Di Bello fortemente protesa con lo Zeitgeist iniz (continua)

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura
Il 12 e 13 maggio il Palazzo delle Esposizioni di piazzale Europa si animerà ancora una volta, trasformandosi in una grande galleria collettiva, luogo di incontri e di opportunità. Sono 60 le prestigiose gallerie italiane che anche per questa edizione porteranno a PaviArt un’ampia rosa di artisti selezionati tra le migliori firme italiane e straniere, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucc (continua)

IL NODO, performance collettiva, Milano Piazza del Duomo, Sabato 14 Aprile

IL NODO, performance collettiva, Milano Piazza del Duomo, Sabato 14 Aprile
Comunicato stampa Quando l’arte aiuta a trasformare in azioni utili i nostri sogni. La performance “iL NODO” è un importante seme che si inserisce all’ interno di INSIEME Project, un programma di intervento artistico-sociale volto a sensibilizzare tutte le popolazioni del mondo, e in questo caso i cittadini di Milano, attraverso un percorso di attività e incontri orientati ad indagare e appro (continua)