Home > Cibo e Alimentazione > Miti e leggende di Napoli gli alunni dell’Istituto Alberghiero “Rossini” in visita all’Archivio Storico al Vomero

Miti e leggende di Napoli gli alunni dell’Istituto Alberghiero “Rossini” in visita all’Archivio Storico al Vomero

articolo pubblicato da: Renail87 | segnala un abuso

Miti e leggende di Napoli gli alunni dell’Istituto Alberghiero “Rossini” in visita all’Archivio Storico al Vomero

 Una rappresentanza degli alunni dell’Istituto “Gioacchino Rossini” di Napoli (in particolare i ragazzi della 1° G, 1° H e 2° I) nei giorni scorsi ha fatto visita all’Archivio Storico, premium bar e ristorante ubicato a via Scarlatti. La tappa fa parte del progetto ”Napoli e i Campi flegrei tra miti, misteri e leggende” che prevede la realizzazione di una brochure e di filmati a carattere informativo e descrittivo sulle leggende popolari e gastronomiche della città di Napoli e dell’area dei Campi Flegrei, e la presentazione di una ricetta tradotta nelle diverse lingue studiate. L’obiettivo del progetto consiste nel favorire il sentimento di appartenenza alla cultura del proprio territorio e nello sviluppo della coscienza dell’identità, innalzando, nel contempo, le competenze linguistiche e comunicative.

Così gli alunni in questi mesi stanno apprendendo diversi miti, misteri e  leggende del territorio di Napoli e dei Campi Flegrei, sia attraverso la lettura di testi appositamente selezionati, sia attraverso uscite didattiche: tra queste quella svoltasi all’Archivio Storico, ove il patron del locale, Luca Iannuzzi, ha illustrato loro la Napoli del Settecento (quando governavano i Borbone), quella dell’Ottocento (quando Napoli faceva parte del Regno d’Italia governato dai Savoia) e la cucina caratteristica di questi due secoli. Perché non si può capire la cucina contemporanea se non se ne conoscono le tradizioni. Concetto che i ragazzi che partecipano al progetto hanno metabolizzato bene, a giudicare dalle tante domande che hanno sottoposto a Iannuzzi e a tutto lo staff dell’Archivio Storico.

Il locale di via Scarlatti si conferma dunque come  nuovo luogo di incontro, unico nel suo genere per stile e cura dei particolari. Il Trionfo di Don Carlo di Borbone nella battaglia di Gaeta contro gli Austriaci compare in un quadro di 3 metri di altezza, porta scorrevole che conduce in uno straordinario caveau, dove le cinque sale principali sono dedicate ai cinque re (e alle rispettive regine) che hanno reso fulgido il Regno delle Due Sicilie: Carlo, Ferdinando I, Francesco I, Ferdinando II e Francesco II. Fanno poi capolino le immagini dell’ultimo pretendente al trono delle Due Sicilie, l’erede legittimo, Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone, Duca di Castro e Gran Maestro di tutti gli Ordini Dinastici.  Nelle cucine del ristorante  vengono preparati piatti raffinati recuperati dai ricettari dell’epoca dei Borbone – scritti dai Monzù (così un tempo venivano definiti i grandi cuochi che arrivavano a Napoli da Parigi per rendere gourmet la cucina popolare) – e che oggi vengono reinterpretati  da Luca Iannuzzi, coadiuvato da uno staff d’eccezione.

cibo | alimentazione | cucina | tradizione | usi | costumi | scuola | istituto | ragazzi | giovani | progetto | studio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ARCHITETTURA FRANCESCANA A LODI: IL TEMPIO DI SAN FRANCESCO


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


MUSICA LIRICA: SUONIAMO ITALIANO, I PRELUDI DEI GRANDI MAESTRI


Cucina Borbonica “di classe” e menu borbonico all’Archivio Storico di Napoli con lo chef stellato Palamaro


Una giornata speciale per gli alunni dell’I.S.I.S. Giustino Fortunato di Angri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Ferragosto al Rada di Positano con spettacolo pirotecnico e cibi portafortuna

Ferragosto al Rada di Positano con spettacolo pirotecnico e cibi portafortuna
In vista del tradizionale spettacolo pirotecnico di Ferragosto, connesso ai festeggiamenti dedicati alla Madonna Assunta – la protettrice del borgo -, presso il ristorante "Rada" di Positano si terrà una cena di gala per la quale lo chef resident della struttura, Nunzio Spagnuolo, ha creato appositamente un menù à la Grande Carte c (continua)

E' uscito il libro "Piume di diamante", frammenti di forza e resilienza di fronte a malattie rare e disabilità

E' uscito il libro
 Piume di Diamante è il titolo del libro, edito attraverso la piattaforma di self-publishing Youcanprint, che, come recita la sinossi, racconta “Sette frammenti di vita e di legittima ricerca della felicità nonostante gli sgambetti dell'esistenza. Sette modi di essere nel mondo con tenacia, trasformando le smorfie di dolore in sorrisi e il veleno in medicina”. Ele (continua)

Ferragosto a Le Agavi di Positano, 3 giorni di festa tra musica, cibo e fuochi d’artificio dal 13 agosto

Ferragosto a Le Agavi di Positano, 3 giorni di festa tra musica, cibo e fuochi d’artificio dal 13 agosto
Come tutti gli anni l’hotel Le Agavi  festeggia il Ferragosto positanese coinvolgendo i suoi ospiti con musica, cucina tradizionale e fuochi d’artificio, iniziative che coinvolgeranno tutta la struttura a partire dal ristorante “La Serra”, alla terrazza Alma, fino ad arrivare al ristorante “Remmese” sulla spiaggia.   Tre (continua)

Apre ‘Opoké, a Napoli il primo ristorante virtuale di Poké Bowls

Apre ‘Opoké, a Napoli il primo ristorante virtuale di Poké Bowls
 Il progetto nasce dall’acquisizione della startup I am Poké da parte del gruppo ‘Osushi: è il trend assoluto dell’estate 2019, leggera, fresca e a basso contenuto calorico Leggera, fresca e a basso contenuto calorico. Sono questi i motivi per il quale le poké possono considerarsi il trend assoluto dell’estate 2019. È il classi (continua)

"Aspettando...il Mio San Marzano" si terrà il 29 Luglio alle 18 presso l’“Azienda Farao” a Sarno


Lunedì 29 Luglio alle ore 18.00, presso l’“Azienda Farao” di Renato Faraone Mennella in via Sarno-Striano, 109 a Sarno (SA), si terrà l’evento: “Aspettando... il Mio San Marzano”, organizzato da LaBuonaTavolaMagazine e promosso da Solania srl, azienda leader del settore della trasformazione del pomodoro San Marzano con la collaborazione di Perrella (continua)