Home > Cultura > Storia dell'illuminazione

Storia dell'illuminazione

scritto da: Egolem | segnala un abuso

Storia dell'illuminazione


 Nei tempi antichi l’illuminazione si basava su oli minerali e vegetali, cera e grassi animali: si può dire che dalla scoperta del carattere illuminante del fuoco da parte dell’uomo primitivo fino all’800 non si siano fatti dei veri salti di qualità nel senso di una illuminazione efficiente e generalizzata, arrivando al più a una ingegnosa moltiplicazione delle fonti di luce mediante un abbondante specchiatura delle grandi sale dei palazzi settecenteschi.

 
E’ con l’800 che il gas illuminante, scoperto nel 1786 da Lebon, diviene di uso generale. Del 1810 è la costruzione a Londra della prima officina pubblica per la produzione di gas destinato ad alimentare le lampade di illuminazione di alcuni quartieri della città.
 
In Italia è da ricordare, tra le prime illuminazioni pubbliche a gas, la galleria De Cristoforis a Milano, nel 1832. Da allora sono nate mote aziende che si occupano di illuminazione decorativa pubblica, stradale oppure domestica, come la Eglo.
 
L’illuminazione elettrica trae origine dalla lampada ad arco di H. Davy, ma ebbe larga e definitiva diffusione grazie all’invenzione della lampada ad incandescenza dovuta ad Edison, ed ai grandi progressi dell’industria elettrica.
 
Lo studio di modi razionali e convenienti di illuminazione è strettamente collegato ai mezzi tecnici sorti in conseguenza dell’illuminazione elettrica.
 
Il termine di confronto per i vari modi di illuminazione resta naturalmente la condizione di luce naturale diurna per i suoi caratteri ottimali di uniformità e diffusione.
 
Tenendo in considerazione la difficoltà tecnica ed economica di mantenere condizioni di illuminazione a giorno in ogni ambiente con luce artificiale, si tratta di considerare gli scopi degli ambienti illuminati ed assicurare livelli di illuminazione idonei allo svolgimento delle attività che in tali ambienti sidevono svolgere.
 
Il livello di illuminazione di un ambiente viene determinato convenzionalmente su un immaginario piano di lavoro a un altezza di 80/100 cm da terra, che viene detto piano di utilizzazione della luce.
 
La luce solare a mezzogiorno produce illuminamenti compresi tra 50.000 e 100.000 lux. In relazione all’uso specifico degli ambienti si stabiliscono i valori di illuminamento necessari, per esempio un corridoio o un luogo di passaggio non richiede più di 30 lux, mentre un tavolo da disegno o di lavorazione di precisione richiede dai 500 ai 1000 lux. Occorre però tenere presente che in questo caso la sorgente luminosa può essere disposta in modo da consentire elevati valori di illuminamento in zone ben delimitate, mentre l’illuminazione generale dell’ambiente può essere più basso.
 
Si ha illuminazione diretta quando gli aggetti sono illuminati direttamente dalla fonte luminosa; illuminazione indiretta quando la radiazione luminosa investe gli oggetti illuminati dopo essere stata riflessa da superfici che vengono illuminate direttamente; illuminazione semi-diretta nei casi intermedi.
 
Dal 2005 la Ellebi Systems si occupa di installazione, manutenzione e progettazione di impianti elettrici a Milano ed hinterland, con soluzioni mirate per ogni esigenza. Per informazioni puoi contattare il servizio clienti tramite i metodi indicati sul sito web.
 


Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La saldatura laser

La saldatura laser
La saldatura laser consiste nello sfruttare una fonte di calore per fondere un metallo base ed unirlo con un metallo chimicamente compatibile chiamato metallo d'apporto. Le saldatrici laser utilizzano impulsi termici ad altissima densità di potenza.Il fascio di luce laser (Light Amplification by Stimulated Emission Radiation), è un fascio di luce coerente (con la stessa lunghezza d’onda) con una potenza molto concentrata.Al termine della scarica del fascio laser avviene l’istantaneo raffreddamento. Il calore generato è sostanzialmente limitato all’area di lavoro e (continua)

La piegatura della lamiera

La piegatura della lamiera
La piegatura della lamiera è un processo di lavorazione molto diffuso che nasconde delle difficoltà legate alla natura stessa del materiale impiegato. La piegatura della lamiera modifica in maniera permanente la struttura della lamiera, tuttavia non la rompe; a questo scopo, è indispensabile considerare il limite oltre il quale la lamiera non si deforma plasticamente, bensì si rompe.L’operazione di piegatura viene effettuata attraverso un punzone e una matrice che presenta, in negativo, la stessa forma del punzone.La piegatura delle lamiere è un (continua)

Punzonatrici

Punzonatrici
La punzonatura è una tecnica utilizzata nella lavorazione della lamiera che permette di imprimere un segno, o una forma, su una superficie mediante la pressione o la percussione di uno strumento detto punzone (dal latino “punctio”, pungere). Il primo esempio importante di punzonatura applicata all’arte pittorica si ha nell’affresco della Maestà di Simone Martini nel palazzo Pubblico di Siena (1315 circa). Questa tecnica veniva anticamente utilizzata nella lavorazione e decorazione di metalli e nella produzione di monete, poi anche per la dentellatura dei francobolli.Oggi viene utilizzata frequentemente in meccanica per lavorare le lam (continua)

Presse piagatrici per lamiera

Presse piagatrici per lamiera
La piegatura è un processo destinato a semplificare la deformazione di un pezzo in lamiera. Le presse piegatrici sono macchine utensili utilizzate per la piegatura a freddo di lamiere di vario spessore.Nell’industria meccanica, la piegatrice è una macchina per piegare lamiere e profilati metallici secondo superfici cilindriche (ma in tal caso è denominata calandra) o più spesso secondo diedri con spigolo arrotondato: per lamiere di piccolo spessore vengono impiegate quelle costituite da (continua)

Epilazione laser definitiva per uomo e donna

Sempre maggiore è negli ultimi anni l’importanza assunta dall’epilazione laser in strati sempre più ampi della popolazione, in parte per la grande pubblicità delle riviste e dei giornali, ma soprattutto in seguito alla grande diffusione delle tecnologie (Laser e Luce Pulsata ) che sono ormai presenti in molti centri estetici.Anche l’abbassamento dei prezzi di questi trattamenti al consumatore fina (continua)