Home > Altro > Importare beni dalla Cina con il sistema INTRASTAT

Importare beni dalla Cina con il sistema INTRASTAT

scritto da: Simonafer | segnala un abuso

Importare beni dalla Cina con il sistema INTRASTAT


 

COME CAMBIA IL SISTEMA INTRASTAT UTILIZZATO ALL’INTERNO DELL’UE

Il modello Intrastat, chiamato anche “elenchi INTRA”, è stato introdotto nel 1993, dopo l’abolizione delle barriere doganali nella Comunità Europea, per consentire all’Agenzia delle Dogane e all’Agenzia delle Entrate di effettuare un controllo sulle operazioni commerciali all’interno dell’Unione.

Il modello Intrastat prevede l’invio di alcune informazioni all’Agenzia delle Dogane, nello specifico l’elenco degli acquisti e delle cessioni di beni e servizi che sono stati effettuati in ambito intracomunitario dal contribuente da e verso un altro soggetto titolare di partita IVA. Sono obbligati a fornire questo tipo di informazioni solo gli operatori il cui valore annuo di merce in arrivo o spedizioni supera una soglia stabilita, che varia da nazione a nazione.

Tale sistema serve per:

  • esercitare un controllo fiscale sullo scambio di beni e servizi all’interno dell’UE;
  • raccogliere dati sullo scambio di beni tra gli operatori nazionali e comunitari.

COME FUNZIONA IL MODELLO INTRASTAT

INTRASTAT

Le operazioni intracomunitarie che costituiscono scambi di beni e servizi per essere tali devono rispondere a determinati requisiti:

  • devono essere effettuate da un soggetto titolare di partita IVA comunitaria;
  • la transazione deve essere a pagamento;
  • i beni vengono spediti e transitano da un Paese ad un altro;
  • i servizi vengono effettuati nello Stato se resi a soggetti passivi stabiliti nel suo territorio.

Parliamo di acquisto comunitario (art 38 L.427/93) quando l’operazione è soggetta a IVA nel Paese in cui il bene è destinato, il compratore riceve una fattura senza addebito IVA e paga l’imposta in base all’aliquota vigente contabilizzandola nel registro delle vendite e in quello degli acquisti.

Parliamo invece di cessione intracomunitaria (art.41 L427/93) quando l’operazione non deve essere assoggettata a IVA nel Paese di origine del bene e la fattura viene emessa senza aggiunta di IVA. I contribuenti che risiedono in uno dei Paesi membri dell’Unione sono obbligati a presentare gli elenchi INTRA in base a una determinata periodicità.

Il modello va presentato esclusivamente in via telematica per mezzo del sistema EDI o avvalendosi di Entratel o Fisconline, canali messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

In base al vecchio sistema in vigore dal 1° gennaio 2010 la cadenza di presentazione per coloro che effettuano cessioni di beni e/o servizi era:

  • mensile se i contribuenti avevano effettuato operazioni per oltre 50 mila euro nel trimestre di riferimento o nei quattro precedenti;
  • trimestrale per i contribuenti che nei quattro trimestri precedenti avevano effettuato operazioni al di sotto dei 50 mila euro.

Per coloro che invece avevano effettuano acquisto di beni o ricevono servizi la presentazione del modello doveva essere:

  • mensile per acquisti di beni o servizi ricevuti per un importo uguale o maggiore di 50mila euro nel trimestre di riferimento o nei quattro ad esso precedenti;
  • trimestrale sotto la soglia dei 50mila euro.

Nel caso in cui la soglia stabilita veniva superata la periodicità di presentazione diventa mensile.

Le scadenze erano fissate al mese successivo al periodo di denuncia, al 25° giorno. Tale sistema è stato però parzialmente modificato a partire da gennaio 2018.

MODELLO INTRASTAT: COSA CAMBIA A PARTIRE DAL 2018

intrastat europe

Dal 2018 si è provveduto a una semplificazione delle procedure per la comunicazione del modello. L’abolizione dei modelli trimestrali era stata prevista dal DL 193/2016 con decorrenza dall’anno di imposta 2017, ma con il decreto milleproroghe del 2016 si è, invece, ripristinato l’obbligo dei vecchi modelli rimandando la semplificazione a gennaio 2018. Le novità prevedono:

  • l’abolizione del modello con periodicità trimestrale per acquisti di beni e servizi;
  • la presentazione mensile dei modelli Intrastat per l’acquisto di beni e servizi con il solo scopo di raccogliere dati statistici;
  • si è provveduto a un innalzamento delle soglie limite delle operazioni mensili passando da 50mila a 200mila euro per l’acquisto di beni e da 50mila a 100mila euro per l’acquisto di servizi;
  • la compilazione del “Codice Servizio” presente nei modelli è stata semplificata riducendo i dettagli da inserire.

Per quanto concerne le cessioni intracomunitarie di beni e servizi non ci sono variazioni delle soglie del modello mensile: se gli importi sono inferiori a 50mila euro a trimestre nei quattro che precedono il periodo di riferimento si deve presentare un modello di periodicità trimestrale, in caso contrario si passa al mensile.

Le novità più significative sono invece le seguenti:

  • per quanto riguarda i beni diventa facoltativo l’inserimento dei dati statistici per coloro che nei quattro trimestri precedenti hanno registrato cessioni inferiori a 100mila euro in ogni trimestre;
  • per quanto riguarda i servizi viene semplificato il campo relativo al “Codice Servizio”, la classificazione passa da 6 a 5 cifre riducendo della metà i codici da selezionare. È anche prevista una forma di assistenza nella compilazione.

Nel 2018 è stato inoltre abolito l’obbligo di presentare gli elenchi INTRA per gli acquisti di:

  • beni intracomunitari per un costo inferiore ai 200mila euro nei quattro trimestri antecedenti il periodo di riferimento e per tali soggetti i dati statistici vengono forniti dall’Agenzia delle Entrare in base alle fatture presentate, mentre i soggetti che superano la soglia dei 200mila euro devono presentare Intrastat2 mensilmente solo a fini di raccolta dai statistici;
  • prestazioni di servizi intracomunitari acquistati a meno di 100mila euro per trimestre nei quattro precedenti al periodo di riferimento e si è provveduto anche in questo caso alla semplificazione della compilazione del campo “Codice Servizio”.

Invariati sono invece gli obblighi di presentare gli elenchi relativi agli acquisti effettuati nel 2017 e di comunicare, se vi sono, rettifiche ai modelli che si riferiscono a periodi anteriori al 2018.

La scadenza per la presentazione è sempre fissata al 25° giorno successivo al periodo di riferimento.

IL MODELLO INTRASTAT E LE IMPORTAZIONI DALLA CINA

import cina intrastat

Il sistema Intrastat ha soppresso i controlli fiscali all’interno dell’UE, ma tali controlli restano in vigore alle frontiere della Comunità: ciò significa che la merce acquistata da un Paese extracomunitario è ancora soggetta a controlli doganali, come nel caso della Cina. Pagando i dazi doganali comunitari sulle importazioni la merce viene considerata comunitaria e può quindi circolare all’interno di tutta l’Unione, pagando invece l’IVA e le tasse imposte dal Paese dove è destinata l’importazione la merce entra nella disponibilità del soggetto che l’ha importata e si può commercializzare.

  • Nel primo caso parliamo di merce in libera pratica che si verifica cioè quando la merce non comunitaria diventa comunitaria. Questa fattispecie si attua solo se vengono rispettate tutte le regole di politica commerciale stabilite e se vengono pagati i dazi sulla merce in relazione al suo valore, alla sua quantità e alla sua destinazione finale.
  • Nel secondo caso parliamo invece si immissione in consumo: dopo che l’importatore ha pagato l’IVA, le tasse e le accise stabilite nel Paese dove introduce il suo acquisto gode della piena disponibilità della merce e può commercializzarla.

Se hai deciso di importare dalla Cina, ma non vuoi avere problemi con tutto ciò che concerne il passaggio della merce alla dogana, contatta noi di Yakkyo: facciamo da intermediari tra te e i fornitori cinesi e ci occupiamo di tutte le fasi del processo d’acquisto, dalla scelta del fornitore fino alla consegna a domicilio della merce.


Fonte notizia: https://goo.gl/Pp9ibU


intrastat | import | commercio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come importare dalla Cina abbigliamento con il proprio marchio


Come produrre in Cina merce con il tuo marchio


Biciclette elettriche, molte sono made in China: contestazioni, dazi e opportunità


Importare dalla Cina prodotti a marchio CE: ecco come fare


Acquistare all'ingrosso cosmetici e accessori per il make up


Treno merci Cina-Italia: ecco perché agevolerà l'economia italiana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crea un Brand Online con la tecnica del dropshipping

Crea un Brand Online con la tecnica del dropshipping
Yakkyofy la PMI italiana leader nel settore eCommerce, oggi ha lanciato un nuovo servizio che permetterà ai suoi clienti di fare branding in maniera rapida ed economica. Roma, 08/09/2021, Yakkyofy, società italiana leader nel settore dei servizi per eCommerce, oggi ha lanciato un nuovo servizio che permetterà ai piccoli proprietari di negozi online di creare un vero e proprio brand in maniera facile, veloce ed economica, personalizzando il packaging dei propri prodotti in dropshipping, completamente online e con giusto un paio di click.Dopo la pandemia, con l’incr (continua)

Yakkyofy e CommerceHQ uniscono le forze per automatizzare e semplificare l'eCommerce

Yakkyofy e CommerceHQ uniscono le forze per automatizzare e semplificare l'eCommerce
Yakkyofy e CommerceHQ, leader nella fornitura di servizi tecnologici per eCommerce, hanno integrato i loro software per offrire servizi più rapidi, facili e automatizzati. Roma, 09 maggio 2021 - Yakkyofy, uno dei principali fornitori internazionali di servizi dropshipping, ha rilasciato oggi la sua integrazione ufficiale con CommerceHQ, una piattaforma di eCommerce ad alta conversione, che aiuterà i rivenditori online ad automatizzare completamente i loro negozi in dropshipping e consentirà agli utenti di approfittare di tutti i vantaggi che questi due servizi posso (continua)

Il dropshipping su eBay è ora più semplice grazie ad un software tutto italiano

Il dropshipping su eBay è ora più semplice grazie ad un software tutto italiano
Yakkyofy il software che sta rivoluzionando il mondo dell’eCommerce con la tecnica del dropshipping ha rilasciato una nuova integrazione con eBay. Roma 02/03/2021 - Negli scorsi mesi era sembrato impossibile continuare a fare dropshipping su eBay a cause delle nuove regole e policy attivate dall'azienda, ma da oggi con Yakkyofy vendere in dropshipping su eBay è di nuovo possibile e forse ora, grazie al software dell’azienda pugliese è ancora più semplice e profittevole.eBay e il dropshippingeBay è sicuramente una piattaforma immensamente pop (continua)

Le migliori strategie di dropshipping per Q1 e il Capodanno Cinese.

Le migliori strategie di dropshipping per Q1 e il Capodanno Cinese.
Molti ritengono che vendere in dropshipping durante il primo trimestre dell'anno sia impossibile. Questo non è vero. Clicca qui per scoprire le migliori strategie di dropshipping per il Q1. Nel mondo dell’e-commerce il Q1 (primo trimestre dell’anno) è considerato il periodo più difficile. Il Natale è finito e le persone hanno già speso molti soldi durante le festività, mentre in Cina i fornitori chiudono per la festa di primavera, ed è impossibile acquistare nuovi prodotti.Come fare? E’ possibile che l’unica soluzione possibile sia chiudere? No, non lo è affatto. Abbiamo scritto ques (continua)

Ottieni un'entrata mensile ricorrente grazie al programma di affiliazione di Yakkyofy

Ottieni un'entrata mensile ricorrente grazie al programma di affiliazione di Yakkyofy
Yakkyofy, il software per dropshipper, ha appena lanciato un nuovo programma di affiliazione basato sulla condivisione dei profitti generati dei clienti. Roma 17/11/2020, oggi Yakkyofy ha lanciato un programma di affiliazione che offre sia a privati che ad aziende la possibilità di ottenere un'entrata online ricorrente."Abbiamo creato una soluzione software" dichiara Giovanni Conforti "in grado di rispondere a tutte le esigenze di sourcing e logistica di un business in dropshipping e che permette di gestire con un unico account e un unico partner t (continua)