Home > News > I costi benefici della politica

I costi benefici della politica

scritto da: Clacro | segnala un abuso


 Vittorio Coletti da Repubblica sulla grandi opere in Italia: Come dimostra la buffonata del complotto nel condono, la nuova classe dirigente ha grossi problemi con la lingua, scritta o parlata che sia. Usa le parole senza conoscerne bene il significato, sino a quando qualche zia professoressa non le chiarisce al leader di turno che non le aveva capite quando le aveva lette o addirittura quando le aveva scritte.

Di questo deficit linguistico stiamo facendo le spese anche noi genovesi, che, oltre al dramma del Morandi, abbiamo pure la disgrazia di dover dipendere da Toninelli e dalla sua interpretazione della cosiddetta "analisi costi-benefici", che ha voluto rifare prima di decidere se, oltre al ponte, vanno costruiti anche Terzo Valico e Gronda.

Il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture ha assicurato nei giorni scorsi alla Camera che " sarà un’analisi rigorosamente pro veritate, senza pregiudizio politico" e che gli esperti sono stati incaricati di esprimersi esclusivamente in base a parametri tecnici. Ora la sua affermazione è insensata, non tanto nel gratuito burocratese del pro veritate, quanto nella richiesta di assenza di pregiudizio politico.
Sostenere infatti che si possa valutare un’opera pubblica a prescindere da un giudizio politico è una contraddizione in termini, come chiedere di valutare un quadro di Leonardo misurando solo il costo dei colori e le dimensioni della tela. Una valutazione puramente tecnica dell’opportunità di un’opera pubblica è un’assurdità. In un’iniziativa privata è sensatissima, perché prima di fare un investimento è fondamentale sapere come e in quanto tempo se ne potrà rientrare e averne poi degli utili.

In questo caso contano solo i dati tecnico — economici; servono cioè gli esperti. I costi sono certi e quantificabili; i ricavi allo stesso modo debbono essere attendibili.
Ma in un’opera non commerciale, a destinazione pubblica, la valutazione è esclusivamente o soprattutto politica, per più ragioni.
Primo: perché nei costi ci sono anche i molti benefici sociali ed economici dei lavoratori che costruiranno l’opera stessa e i materiali per realizzarla (l’indotto), tanto è vero che, in passato, una delle più forti ragioni per intraprendere qualche grande monumento era proprio quella di far lavorare e guadagnare molta gente. Insomma, molti costi, solo negativi per un privato, per la politica possono essere benèfici.

 


Fonte notizia: https://genova.repubblica.it/cronaca/2018/10/21/news/i_costi_benefici_della_politica-209539437/


grandi opere | politica italiana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il rifiuto del voto e il voto di protesta approfondiscono la crisi politica della borghesia italiana


Ipercolesterolemia: dimostrati i benefici dell’acido bempedoico


Domenico Campanelli presenta il saggio La politica spirituale e la rivoluzione interiore


Telefonia IP: il ROI è fondamentale per l'acquisto


Server Load Balancing: sfatiamo un mito


Curcuma e Piperina: ecco i benefici che si ottengono dalla loro combinazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pietro Salini " Pronti con Fincantieri a rifare il ponte in un anno, ma il governo affronti l'emergenza edilizia"

«Siamo a Genova per spirito di servizio, in un progetto come la ricostruzione del ponte Morandi non si entra per fare utili. Tanti nostri operai che lavorano al Terzo valico sono liguri e noi vogliamo essere loro vicini. Con Fincantieri e gli altri partner ci sentiamo attrezzati per aiutare una città che senza quel ponte sta morendo, non può aspettare oltre. L’ho detto pi (continua)

Salini stringe su Astaldi, in volata in borsa

 Entro il 15 dicembre Salini Impregilo formalizzerà la proposta per Astaldi.  E' quanto ha anticipato l'agenzia Mf-DowJones, ricordando che il giorno dopo scade il termine fissato dal Tribunale per la presentazione del piano di risanamento, una scadenza che verosimilmente Astaldi  chiederà di prorogare di due mesi fino a metà febbraio per presentare un piano di (continua)

Astaldi: Gros-Pietro, bene consolidamento ma decidano societa'

 A margine della Italy corporate governance conference 2018, il presidente di Intesa Sanpaolo - Gian Maria Gros-Pietro - ha dichiarato che il primo obiettivo è mantenere le capacità imprenditoriali del nostro paese in tutti i settori, in particolare nel settore della costruzione di infrastrutture. L’obiettivo può essere realizzato attraverso dei consolidamenti soci (continua)

MASSIMO FERRARI: ATTIVISMO DEGLI AZIONISTI, FORZA POSITIVA IN ITALIA

 Milano, 11 Dicembre 2018 – L’attivismo degli azionisti rappresenta un grande valore per l’Italia e per le sue aziende  negli ultimi anni, secondo quanto dichiarato oggi da Massimo Ferrari, General Manager di Salini Impregilo, oltre che  Tim Board Member e Cairo Communication Board Member, durante la Italy Corporate Governance Conference,  che si è svol (continua)

Salini Impregilo, la stretta su Astaldi: lavorano insieme per la Metro Blu

Una proposta per Astaldi. La formalizzerà Salini Impregilo, il primo gruppo italiano di costruzioni, che in tal modo presenterà una soluzione industriale per salvare la seconda società italiana del settore, attualmente in crisi (è in concordato in bianco). La proposta non vincolante — secondo quanto trapela da fonti vicine agli advisor, Vitale & Co. e Bank of (continua)