Home > Cultura > "La baronessa stramba" di Cimarosa pubblicata dopo 200 anni

"La baronessa stramba" di Cimarosa pubblicata dopo 200 anni

scritto da: Lorenzogrimani | segnala un abuso


L'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa”, nell'ambito del progetto Cimarosa Rediscovered, in collaborazione con Artaria Editions Limited, New Zealand, ha pubblicato il quindicesimo volume dedicato all'edizione critica di un'opera lirica di Domenico Cimarosa, annoverato tra gli ultimi grandi compositori appartenenti alla cosiddetta Scuola Napoletana, nato ad Aversa nel 1749 e morto a Venezia nel 1801. Il musicista fu, al proprio tempo, insieme a Paisiello e pochissimi altri colleghi, il compositore più ricercato e applaudito da Corti e pubblico di tutta Europa. La sua carriera di compositore d'opera si sviluppò a Napoli, per poi raggiungere Roma, Firenze, Venezia, Milano. Compose opere per tutti i più importanti teatri della penisola; nel 1787 venne poi chiamato come Compositore di Corte a San Pietroburgo dalla zarina Caterina II in sostituzione di Giuseppe Sarti. Dopo l'impiego pietroburghese, durato quattro anni, il musicista fece ritorno a Napoli, facendo però prima tappa alla corte del suo amico e ammiratore Pietro Leopoldo, Imperatore d'Austria ed ex Granduca di Firenze, il quale offrì al musicista e alla sua famiglia un alloggio sontuoso e uno stipendio stratosferico. A Vienna, Cimarosa, pur senza incarichi ufficiali compose per il Burgtheater la sua opera più celebre, Il matrimonio segreto, che gli fruttò il guadagno di 12000 fiorini, Amor rende sagace e, forse, la perduta Calamita dei cuori. Di ritorno a Napoli fu ricevuto con grandissimi onori. Compromessosi con l'effimera Repubblica Napoletana nel 1799, dopo la restaurazione borbonica e dopo aver scontato diversi mesi di prigione, il musicista si ritirò a Venezia, ingaggiato dal Teatro La Fenice per comporre quella che sarà la sua ultima opera, Artemisia. Morì, stroncato presumibilmente da un tumore intestinale, in quella città nel 1801. L'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa” propone ora la pubblicazione, in edizione critica, di un'opera inedita del musicista aversano, La baronessa stramba, farsa comica in un atto che, come spiegato nella corposa Prefazione storico/metodologica anteposta alla partitura, deriva da una precedente farsa, composta dieci anni prima e intitolata I matrimoni in ballo. La partitura de La baronessa stramba non era mai stata pubblicata prima d'ora e l'edizione critica, curata da Simone Perugini, considerato uno tra i massimi esperti del musicista aversano, sia come direttore d'orchestra che come ricercatore, restituisce al pubblico e agli appassionati d'opera un gioiello della produzione cimarosiana. L'edizione critica, è stata pubblicata in partitura e nella riduzione canto e pianoforte. Per l'esecuzione del lavoro, le parti orchestrali sono già disponibili contattando direttamente l'Accademia Lirica Toscana “Domenico Cimarosa”. Spiega Perugini, nella Prefazione all'edizione, che il lavoro di ricostruzione della partitura de La baronessa stramba, non è stato così semplice: pur disponendo dell'autografo del compositore, custodito presso la biblioteca del Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli, il volume è, in realtà, un vero e proprio palinsesto sul quale Cimarosa lavorò direttamente. La partitura, infatti, è quella degli originali I matrimoni in ballo su cui Cimarosa lavorò direttamente per adattarlo nella nuova versione intitolata, appunto, La baronessa stramba e andata in scena al Teatro Nuovo di Napoli nel 1786. Il compositore aveva rimosso dall'originale de I matrimoni in ballo i numeri musicali che non aveva intenzione di utilizzare per la revisione del 1786 e sovrappose nuovi pezzi rilegandoli nello stesso volume. In più, cancellò tutte le parti del testo (originariamente concepito per I matrimoni in ballo in dialetto napoletano) sostituendole con le varianti in lingua toscana approntate, verosimilmente, da Giuseppe Maria Diodati. L'edizione critica de La baronessa stramba (partitura e riduzione canto e pianoforte) è disponibile in tutti gli stores di musica e articoli musicali online, sia in formato cartaceo che in versione per lettori ebooks.

Cimarosa | baronessa | stramba | opera | simone | perugini | partitura | edizione critica | buffa | editoria | musica classica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Vincenzo Pompeo Bava: Corte Ue a Spagna, "Liberi Junqueras, come eurodeputato gode di immunità"


Ettorre Gomme, gommeur news teramo


Cimarosa? All'epoca era più famoso di Mozart.


Cyber-spionaggio e ransomware sono in crescita: è l’allarme lanciato dal Verizon 2017 Data Breach Investigations Report


Cimarosa e le sue Ouvertures operistiche


Un'inedita opera di Cimarosa in CD come regalo di Natale.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"GLI ORAZI E I CURIAZI": UN'OPERA FATTA DI EROI.


Cimarosa (1749-1801) rappresenta il momento culminante della scuola napoletana, ormai disseminata in tutta Europa e segnata non solo dal neoclassicismo ma anche dal proto romanticismo. Le date testimoniano che l'anagrafe di Cimarosa corre parallela a quella di Haydn e Beethoven e si incrocia per un quarantennio con quelle di Cherubini e Spontini e per un quindicennio con quella di Weber, primo alf (continua)

"Gli Orazi e i Curiazi" di Domenico Cimarosa in CD dal 20 ottobre 2019


Ci parli de Gli Orazi e i Curiazi. Un'opera che, a suo parere, merita effettivamente una riscoperta e la riproposta a un pubblico contemporaneo? Il parere personale di un musicista che si occupa di Cimarosa da vent'anni è piuttosto ininfluente poiché, è facile capire, viziato da un giudizio di tipo emotivo se non addirittura affettivo. Premesso questo, sì, naturalmente (continua)

Intervista alla protagonista e al direttore d'orchestra de "Le astuzie femminili" di Cimarosa.

Intervista alla protagonista e al direttore d'orchestra de
A pochi giorni dall'uscita discografica de Le astuzie femminili di Domenico Cimarosa, intervistiamo Mary Canterbury, talentuosissima e fascinosissima soprano interprete del ruolo di Bellina, protagonista dell'opera, e Simone Perugini, direttore d'orchestra della registrazione e curatore dell'edizione critica della partitura. Siamo, per entrambi, all'alba di nuova uscita discografica su Domenico C (continua)

Le ultime due sinfonie di Mozart in una nuova produzione discografica

Le ultime due sinfonie di Mozart in una nuova produzione discografica
 Il 18 giugno 2019 uscirà una nuova registrazione discografica delle Sinfonie numero 40 e 41 di Mozart. Un'intervista a Simone Perugini, direttore d'orchestra della release prodotta e pubblicada da VDC Classique. Maestro, dopo tanto Cimarosa, questa volta tocca a Mozart. Perché ha scelto le ultime due sinfonie? Sì, Mozart. Non è la prima volta che affronto come (continua)

"Oreste": un melodramma inedito di Domenico Cimarosa.


Dal 27 marzo 2019 è disponibile nel mercato editoriale l'edizione critica di un'opera seria in tre atti, inedita, di Domenico Cimarosa, Oreste. L'opera fu composta da Cimarosa su un libretto di Luigi Serio, poeta di Corte in istanza presso la corte borbonica e rappresentata, per la prima volta, il 13 agosto 1783 al Teatro “San Carlo” di Napoli. L'occasione, come spiega il diret (continua)